Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Anche stasera

Come l'opera ti cambia la vita

By Alberto Mattioli

(52)

| Paperback | 9788804619291

Like Anche stasera ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Questo libro è la storia di una passione, la passione per l'opera lirica, lo spettacolo più elaborato, esagerato, costoso, assurdo - quindi affascinante inventato dall'uomo e, in particolare, dagli italiani. Alberto Mattioli, giornalista specializzat Continue

Questo libro è la storia di una passione, la passione per l'opera lirica, lo spettacolo più elaborato, esagerato, costoso, assurdo - quindi affascinante inventato dall'uomo e, in particolare, dagli italiani. Alberto Mattioli, giornalista specializzato in lirica, doppiato il capo delle millecento recite d'opera viste, racconta questo mondo bizzarro, fra cantanti divi, grandi direttori, registi "provocatori", loggionisti scatenati, sfarzosi festival internazionali come Bayreuth o Salisburgo e scalcinati teatri di provincia, produzioni leggendarie e messe in scena sgangherate, trionfi epocali e fiaschi apocalittici, "prime" della Scala e spettacoli fai-da-te. Negli ultimi anni l'opera è in difficoltà nel Paese che l'ha inventata, schiacciata dalle ristrettezze economiche, dalla miopia della politica e dal conservatorismo di chi la fa (e di chi ci va). Ma continua a conquistare il mondo, dove rimane un "made in Italy" che, da secoli, non conosce crisi. Il melodramma piace sempre di più nei Paesi emergenti, conquista nuovi pubblici e nuovi mercati, si rinnova nel repertorio e nel modo di metterlo in scena, scopre nuovi protagonisti e rimpiazza quelli vecchi, usa Internet, i voli low cost, il dvd per allargare la sua platea globalizzata. La passione, però, è sempre quella. All'opera tutto non può che essere eccessivo, anche l'amore degli appassionati. L'importante è andare all'opera. Anche stasera.

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il "Gomorra" del foyer, ne bramo la trasposizione cinematografica. Potrebbero girarla i Monty Pithons.

    Is this helpful?

    last cigarette said on May 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    libro prezioso di cui non capisco come si possa parlare male. L'avevo preso in biblioteca, ma ora lo comprerò sicuramente per averlo nella mia libreria nel reparto opera lirica! E quanti spunti interessanti per una che l'opera vorrebbe cantarla, in u ...(continue)

    libro prezioso di cui non capisco come si possa parlare male. L'avevo preso in biblioteca, ma ora lo comprerò sicuramente per averlo nella mia libreria nel reparto opera lirica! E quanti spunti interessanti per una che l'opera vorrebbe cantarla, in un futuro spero prossimo!!

    Is this helpful?

    Meltemirocks said on Apr 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Divertentissimo!

    Se un giorno nella vostra vita, comodamente seduti in platea avete desiderato che almeno uno dei puntuali attacchi di tosse durante un "pianissimo" avesse esiti fatali, questo è il libro che fa per voi.

    Is this helpful?

    Edward Scissorhands said on Sep 3, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Ho conosciuto Alberto Mattioli grazie alle gustose cronache teatrali pubblicate dal mensile Art e Dossier. In questo volume, in cui si ritrova la penna scanzonata e divertente del giornalista modenese, aleggia però anche parecchia spocchia. Er ...(continue)

    Ho conosciuto Alberto Mattioli grazie alle gustose cronache teatrali pubblicate dal mensile Art e Dossier. In questo volume, in cui si ritrova la penna scanzonata e divertente del giornalista modenese, aleggia però anche parecchia spocchia. Era davvero indispensabile, ad esempio, farci sapere che ha "visto opere in tre continenti, 19 Paesi, 158 teatri e 97 città"? O che ha ascoltato 2108 cantanti?

    La scartocciatrice folle è una scocciatrice che rompe a mezzo caramella. Nel senso che, dal momento in cui comincia l'opera a quello in cui finisce, non fa altro che pescare caramelle dalla sua capace borsa e scartarle. Be', direte: roba di pochi secondi. Macché. La scartocciatrice, spesso anziana, poco vedente e molto tremolante, ci mette parecchi minuti per ognuna. Perché deve: a) aprire rumorosamente l'antiquata borsetta chiusa o da una lampo che si incastra o da quelle clip che producono il caratteristico scatto; b) scegliere attentamente la caramella da scartocciare facendosene passare con fastidioso fruscio più d'una fra le mani, e non di rado chiedendosi a voce ovviamente altissima (la scartocciatrice è spesso anche sorda, quindi parla forte): «Tamarindo o violetta?», perché le sue caramelle sono antiquate come lei; c) scartocciare lentamente, meticolosamente e producendo un enorme rumore la caramella prescelta, che di solito ha una confezione particolarmente complessa, elaborata, barocca: più che una caramella, un catafalco; d) riporre le caramelle scartate nell'antiquata borsetta; e) richiudere la stessa. La durata dell'operazione equivale a quella di una cabaletta (con il «da capo») di Donizetti. (pag. 32)

    Is this helpful?

    Macbetto said on Apr 2, 2013 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Anche se non concordo con l'autore su alcune sue affermazioni, è un libro scritto bene, molto interessante e divertente da leggere. Lo consiglio sia ai neofiti che agli aficionados degli spettacoli lirici.
    Buona lettura!

    Alfredo

    Is this helpful?

    Alfred said on Dec 25, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Concordo con chi dice che il libro si concentra troppo sugli aneddoti personali ( per altro divertenti ) dell'autore , smarrendo il filo conduttore che dovrebbe reggere il saggio.
    Inoltre, non mi pare il caso di riferirsi ad Abbado con un "Lui" con e ...(continue)

    Concordo con chi dice che il libro si concentra troppo sugli aneddoti personali ( per altro divertenti ) dell'autore , smarrendo il filo conduttore che dovrebbe reggere il saggio.
    Inoltre, non mi pare il caso di riferirsi ad Abbado con un "Lui" con elle maiuscola (!!) nemmeno fosse Dio in terra. E' un grande musicista, ma restiamo sul terreno senza sbrodolare nella agiografia da fan club.
    Altra pecca: se ci si rivolge anche a chi di Opera non mastica molto, lo spazio vorrei dire quasi nullo dato alle Opere di Puccini mi pare francamente ingiustificabile.
    Che l'autore sia un verdiano convinto è legittimo, ma non si può relegare il secondo operista italiano della storia a poche righe su Butterfly e tre - quattro bignami delle opere più note a fondo libro!!!
    Sei meno meno, in decimi.

    Is this helpful?

    Chirone said on Oct 24, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (52)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 192 Pages
  • ISBN-10: 8804619295
  • ISBN-13: 9788804619291
  • Publisher: A. Mondadori (Strade blu Non Fiction)
  • Publish date: 2012-03-01
Improve_data of this book