Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

And Then There Were None

A Novel

By Agatha Christie

(172)

| Mass Market Paperback | 9780312979478

Like And Then There Were None ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

First, there were ten--a curious assortment of strangers summoned as weekend guests to a private island off the coast of Devon. Their host, an eccentric millionaire unknown to all of them, is nowhere to be found. All that the guests have in common is Continue

First, there were ten--a curious assortment of strangers summoned as weekend guests to a private island off the coast of Devon. Their host, an eccentric millionaire unknown to all of them, is nowhere to be found. All that the guests have in common is a wicked past they're unwilling to reveal--and a secret that will seal their fate. For each has been marked for murder. One by one they fall prey. Before the weekend is out, there will be none. And only the dead are above suspicion.AUTHORBIO: Agatha Christie is the world's best-known mystery writer. Her books have sold over a billion copies in the English language and another billion in 44 foreign languages. She is the most widely published author of all time in any language, outsold only by the Bible and Shakespeare. Her writing career spanned more than half a century, during which she wrote 80 novels and short story collections, as well as 14 plays, one of which, The Mousetrap, is the longest-running play in history. Two of the characters she created, the brilliant little Belgian Hercule Poirot and the irrepressible and relentless Miss Marple, went on to become world-famous detectives. Both have been widely dramatized in feature films and made-for-TV movies. Agatha Christie also wrote romantic novels under the pseudonym Mary Westmacott. As well, she wrote four non-fiction books including an autobiography and an entertaining account of the many expeditions she shared with her archaeologist husband, Sir Max Mallowan. Agatha Christie died in 1976.

1572 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    In un angolo dello scompartimento fumatori di prima classe, il signor Wargrave, giudice da poco in pensione, tirò una boccata di fumo dal sigaro e scorse con interesse le notizie politiche del “Times”. Poi, depose il giornale sulle ginocchia e guardò ...(continue)

    In un angolo dello scompartimento fumatori di prima classe, il signor Wargrave, giudice da poco in pensione, tirò una boccata di fumo dal sigaro e scorse con interesse le notizie politiche del “Times”. Poi, depose il giornale sulle ginocchia e guardò fuori dal finestrino. Il treno correva attraverso il Somerset.

    Diede un’occhiata all’orologio: ancora due ore di viaggio.

    Un estratto dal libro:
    http://bookmorning.com/2014/02/21/dieci-piccoli-indiani…

    Is this helpful?

    Book Morning said on Sep 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    雖然錯字很多,翻譯文筆也不甚完美,但做為童謠系列相關的偵探小說中,這本書實在是原祖,也是經典啊!

    Is this helpful?

    Angelchen0220 said on Sep 25, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Sono un assassino.

    In realtà, siamo tutti assassini, SONO tutti assassini.
    Ma io, dopotutto, chi sono? Sono tra loro? Sono nascosto? Sarebbe troppo facile per voi saperlo. Mi togliereste subito di mezzo, così che non possa più morire nessuno.
    Come l ...(continue)

    Sono un assassino.

    In realtà, siamo tutti assassini, SONO tutti assassini.
    Ma io, dopotutto, chi sono? Sono tra loro? Sono nascosto? Sarebbe troppo facile per voi saperlo. Mi togliereste subito di mezzo, così che non possa più morire nessuno.
    Come la sentite, la mia voce? Calda? Gutturale? Suadente? So cosa pensate di me: sono spregevole. Un verme. Un mostro. Però ve lo ripeto: qui sull'isola sono tutti assassini, tutti hanno compiuto un omicidio, quindi lo sono tutti.
    Passiamo ora al mio piano. Volete che ve lo racconti? Vi accennerò a qualcosa, non posso mica svelarvi tutto. L'ho pensato a meraviglia (non dite che non è vero!) e pure con ironia, a partire dal biglietto che li ha fatti approdare qui. Si sono bevuti tutti la storia del cordiale invito a trascorrere del tempo a Nigger Island.
    Per non parlare della filastrocca che ho appeso in camera di ciascuno. Ahah! Di “Dieci piccoli negretti” non ne rimane nemmeno uno! Una canzonetta così simpatica e così macabra al tempo stesso, perché è così che piace a me. Ho voluto condire tutto con l'ironia per divertirmi di più.
    Mi fa ridere il modo in cui portano avanti le indagini. C'è chi pensa di aver scovato il colpevole, c'è chi ha paura e basta, vorrebbe solo andarsene dall'isola. Delle due categorie, la prima è la peggiore. Illusi. Non sono poi così bravi e poi so che, in fondo, hanno paura pure loro, solo che non lo vogliono ammettere. Pensano di poter salvare qualche vita. La loro prima di tutto, e a lungo andare solo quella, brutti infami. Il fatto è che non sono abbastanza scaltri da riuscire a cambiare il destino svelato dalla filastrocca.
    Su, ora ditemi contro puntereste il dito. Su una signora? Non ditemi che le avete scartate subito, solo perché sono donne. Eppure potrei proprio essere Vera, o la signorina Brent. Chi lo sa. E tra gli altri? Qualcuno sembra troppo impulsivo. Forse avete escluso anche lui, perché sapete che trovare il colpevole non è poi così semplice. E scommetto che non pensate nemmeno che l'organizzatore di tutto ciò sia assolutamente esterno alla vicenda. Potrebbe anche darsi. A meno che non crediate che possa esserci una forza sovrannaturale dietro a questa carneficina: io potrei benissimo essere uno spirito o chissà cosa.
    Ad ogni modo, non mi scoprirete mai senza leggere “Dieci Piccoli Indiani”.
    Sarò anche poco modesto, ma Agatha Christie non aveva mai inventato un personaggio come me. Sono il più scaltro, il più macabro, il più vendicativo tra tutti. Gli altri romanzi della scrittrice britannica, pur essendo oltremodo rispettabili e affascinanti, non valgono quanto “Dieci Piccoli indiani”.
    So che avete questo romanzo nelle vostre librerie, pieno di polvere ormai perché non avete mai avuto il coraggio di leggerlo. Avete ragione: è un romanzo del terrore e non dormirete per notti e notti dopo averlo letto. Io sarò il vostro incubo, non ha importanza se io sia o meno un personaggio inventato.
    Non date importanza alla paura. Scopritemi.

    Is this helpful?

    MaryAnn said on Sep 23, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    stupendo

    Sono rimasta incollata alle pagine fino all'ultima riga...me lo sognavo anche di notte!

    Is this helpful?

    Ausor823 said on Sep 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Era tanto che non leggevo...

    Purtroppo il passare del tempo porta molteplici impegni che mal si sposano con la voglia di leggere, diventa così sempre più difficile riuscire a coltivare la passione della lettura... Questo libro si è rilevato perfetto nella scelta (anche se di sce ...(continue)

    Purtroppo il passare del tempo porta molteplici impegni che mal si sposano con la voglia di leggere, diventa così sempre più difficile riuscire a coltivare la passione della lettura... Questo libro si è rilevato perfetto nella scelta (anche se di scelta non si può parlare essendo un regalo). Oltre ad aver soddisfatto il desiderio di leggere un racconto della scrittrice britannica è riuscito a farmi riavvicinare dopo tanto ad un libro. Questo grazie ad una preziosa caratteristica: quella del "farsi leggere" con piacere. Scorre via veloce ti intrattiene e soddisfa velocemente "l'appetito" del lettore. Consigliato agli amanti del genere e non solo; anche a coloro che cercano un cordiale amico con cui passare ore spensierate...

    Is this helpful?

    Gigi said on Sep 16, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book