Angeli e demoni

Di

Editore: Mondadori

3.7
(23965)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 636 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Francese , Catalano , Svedese , Russo , Olandese , Sloveno , Rumeno , Giapponese , Greco , Polacco , Turco , Ceco , Slovacco

Isbn-10: 8804549637 | Isbn-13: 9788804549635 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: V. Guani , A. Biavasco

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Angeli e demoni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Marchiati a fuoco, prima di essere barbaramente uccisi ed esposti come monitoper le strade di Roma. Questa è la sorte che toccava agli Illuminati, l'anticasetta di scienziati perseguitata in secoli oscuri dalla Chiesa cattolica. Unrituale crudele, ben conosciuto da Robert Langdon, lo studioso di iconologiadel "Codice da Vinci". Ma quando la storia si ripresenta, il fascino sitrasforma in raccapriccio. Svegliato in piena notte e trasportato dagli StatiUniti in Svizzera, Langdon è costretto a esaminare, nei laboratori del CERN diGinevra, un cadavere orrendamente mutilato. Sul petto della vittima, impressoa fuoco, il terribile segno degli Illuminati: lo scienziato ucciso ha difesofino all'ultimo il segreto di un'arma sperimentale rubata dagli assassini.
Ordina per
  • 4

    Lungo il cammino dell'illuminazione

    Solo adesso ho potuto leggere questo libro, il primo della serie di Robert Lagdon, l'ho letto però dopo tutti gli altri, anche perchè è una serie di libri poco collegata fra loro ed è quindi possibile ...continua

    Solo adesso ho potuto leggere questo libro, il primo della serie di Robert Lagdon, l'ho letto però dopo tutti gli altri, anche perchè è una serie di libri poco collegata fra loro ed è quindi possibile farlo. Rispetto al film non c'è paragone, il libro è sempre migliore, oltre che avere una trama differente in molti punti che rendono il libro imprevedibile, mentre il film prevedibilissimo. La prima avventura di Lagdon lo porta fino a Roma, passando prima per il CERN, e poi facendo un tour per le chiese della città eterna che rischia di scomparire, minacciata dall'antica setta segreta degli illuminati. Una lotta, tra religione e scienza, cominciata centiniaia di anni fa contro Galileo e gli scienziati di quel periodo e che Dan Brown è riuscito a riproporre nei giorni nostri con la sua immensa fantasia e il suo sapere storico con cui riempe i suoi thriller.

    "Non c'è nemico più temibile di quello di cui nessuno ha più paura"

    ha scritto il 

  • 3

    Più demoni che angeli.

    La diversità tra il libro e il film si nota moltissimo, molti avvenimenti sono stati modificato e moltissimi nemmeno riportati nel film.
    Come spesso accade, molto spesso direi, il libro supera sempre ...continua

    La diversità tra il libro e il film si nota moltissimo, molti avvenimenti sono stati modificato e moltissimi nemmeno riportati nel film.
    Come spesso accade, molto spesso direi, il libro supera sempre di gran lunga la sceneggiatura del film. Certo, non possono mettere tutto, ma moltissime cose potevano lasciarle uguali.
    Il libro è molto scorrevole, più interessante del film e pieno zeppo di colpi di scena (oltre alle piacevoli descrizioni perfette delle vie e sculture presenti a Roma)!
    Il finale, nonostante sapessi già come andasse a finire, mi ha lasciata a bocca aperta. Non avrei mai immaginato il segreto del Papa e la verità su Carlo.
    Dan Brown sa sempre come colpirti e lasciarti a bocca aperta!
    Non vedo l'ora di leggere il prossimo romanzo della serie!

    Consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 3

    stat rosa pristina nomine...

    Era come se Roma, all'improvviso, si fosse riempita di ellissi, di piramidi, e di inquietanti geometrie simboliche. [p. 297]

    "Un simbolo non prova in alcun modo la presenza del suo creatore originario ...continua

    Era come se Roma, all'improvviso, si fosse riempita di ellissi, di piramidi, e di inquietanti geometrie simboliche. [p. 297]

    "Un simbolo non prova in alcun modo la presenza del suo creatore originario." [p. 49]

    Siamo alla ricerca disperata di un significato. [...] il grido di disperazione dell'anima moderna, sola, tormentata, paralizzata... [p. 376]

    ha scritto il 

  • 4

    Il potere delle immagini...

    Scrivo una recensione del libro letto ma nella testa mi girano le immagini del film visto...
    Che poi, alla fine, il libro è molto scenografico e scorrevole e pieno di colpi di scena e pertanto si è pr ...continua

    Scrivo una recensione del libro letto ma nella testa mi girano le immagini del film visto...
    Che poi, alla fine, il libro è molto scenografico e scorrevole e pieno di colpi di scena e pertanto si è prestato benissimo alla trasposizione cinematografica.
    Lettura piacevole anche se ho preferito il precedente Codice da Vinci; certo è che Dan Brown riesce a catalizzare l'attenzione del lettore e non c'è nulla che possa deviarla una volta immersi nel turbinio di intuizioni di R. Langdon.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro sicuramente da leggere, molto interessante, scorrevole e con una trama che cattura. Leggermente stentato sul finale, in cui diventa a parer mio poco verosimile, ma è un dettaglio trascurabile ...continua

    Un libro sicuramente da leggere, molto interessante, scorrevole e con una trama che cattura. Leggermente stentato sul finale, in cui diventa a parer mio poco verosimile, ma è un dettaglio trascurabile. Merita!!

    ha scritto il 

  • 2

    questo è stato più simpatico.

    Forse Roma la conosce un poco meglio - anche se su Facebook l'altro giorno ha chiamato il Vittoriale... Parlamento Italiano - ma questo è il meno pedante dei tre. Certo si perde per tunnel e cunicoli ...continua

    Forse Roma la conosce un poco meglio - anche se su Facebook l'altro giorno ha chiamato il Vittoriale... Parlamento Italiano - ma questo è il meno pedante dei tre. Certo si perde per tunnel e cunicoli ma ha più azione e ogni tanto qualcuno che dice a Langdon che è scemo c'é, peccato che due secondi dopo gli dica anche che é un genio (o sono bipolari o schizofrenici, boh, basta che vi decidete).
    Vabbé comunque poteva farcela con 200 pagine in meno, secondo me, ed evitarsi gli spiegoni. Sono sempre più convinta del fatto che la gente non si renda conto che gli spiegoni sono fiction.

    ha scritto il 

  • 4

    Viaggio tra le strade di Roma

    Ripercorrere virtualmente le strade di Roma è stato fantastico.. Libro molto scorrevole ed ambienti ottimamente descritti. Affronta il tema sempre attuale delle divergenze tra Chiesa e Scienza, forse ...continua

    Ripercorrere virtualmente le strade di Roma è stato fantastico.. Libro molto scorrevole ed ambienti ottimamente descritti. Affronta il tema sempre attuale delle divergenze tra Chiesa e Scienza, forse ha un finale troppo "apocalittico", ma è davvero un capolavoro.

    ha scritto il 

  • 0

    Il ritmo è incalzante e coinvolgente come gli altri libri di Dean Brown.
    molto interessanti le notizie storiche e artistiche che vengono fornite nel corso della storia, però devo dire che il finale è ...continua

    Il ritmo è incalzante e coinvolgente come gli altri libri di Dean Brown.
    molto interessanti le notizie storiche e artistiche che vengono fornite nel corso della storia, però devo dire che il finale è un pò esagerato,un'americanata insomma.

    ha scritto il 

Ordina per