Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Angeli in demoni

By

Publisher: Mladinska knjiga (Zbirka Žepnice. Kriminalke)

3.7
(23795)

Language:Slovenščina | Number of Pages: 565 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Chi traditional , Spanish , German , Portuguese , French , Catalan , Swedish , Italian , Russian , Dutch , Romanian , Japanese , Greek , Polish , Turkish , Czech , Slovak

Isbn-10: 8611177088 | Isbn-13: 9788611177083 | Publish date: 

Translator: Nataša Müller

Also available as: Hardcover

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Angeli in demoni ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Eksplozivna in verjetno ena najboljših knjig Dana Browna, ki ravno tako kraljuje na svetovnih lestvicah največjih uspešnic, vas bo popeljala na začetek poklicne poti Roberta Langdona, strokovnjaka za simbole iz Da Vincijeve šifre, in vam razkrila temačne skrivnosti iz zgodovine znanosti.
Sorting by
  • 2

    L’inizio del romanzo mi era piaciuto molto, ma procedendo con la lettura il mio entusiasmo si è un po’ affievolito.
    https://arieljulie.wordpress.com/2015/07/15/angeli-e-demoni-di-dan-brown/ ...continue

    L’inizio del romanzo mi era piaciuto molto, ma procedendo con la lettura il mio entusiasmo si è un po’ affievolito.
    https://arieljulie.wordpress.com/2015/07/15/angeli-e-demoni-di-dan-brown/

    said on 

  • 3

    thriller abbastanza banale

    è un thriller abbastanza banale per quanto riguarda i personaggi e lo svolgimento della trama, ma affascinante la documentazione che c'è dietro, intriganti gli scenari e gli argomenti su cui poggia il ...continue

    è un thriller abbastanza banale per quanto riguarda i personaggi e lo svolgimento della trama, ma affascinante la documentazione che c'è dietro, intriganti gli scenari e gli argomenti su cui poggia il libro.

    said on 

  • 3

    Come svolgimento ho trovato questo romanzo molto prevedibile, quasi scontato in alcuni passaggi, l'enorme quantità di nozioni storiche e scientifiche hanno contribuito a renderlo molto interessante. T ...continue

    Come svolgimento ho trovato questo romanzo molto prevedibile, quasi scontato in alcuni passaggi, l'enorme quantità di nozioni storiche e scientifiche hanno contribuito a renderlo molto interessante. Tre stelle per me è il giusto voto.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Farò spoiler. Io lo dico. Versione no spoiler: il libro mi è piaciuto, figo il giusto, intrippante, lo consiglio, le ultime due parole alla fine mi hanno fatto cascare le braccia. [/end]

    Non so perché ...continue

    Farò spoiler. Io lo dico. Versione no spoiler: il libro mi è piaciuto, figo il giusto, intrippante, lo consiglio, le ultime due parole alla fine mi hanno fatto cascare le braccia. [/end]

    Non so perché ma la prima cosa che ho notato di questo libro è che Robert, a pelle, mi stava antipatico. Non so, perfetto solo lui, bello solo lui, intelligente solo lui. Poi ho realizzato che se non lo fosse stato, probabilmente il CERN non lo avrebbe calcolato (o il Vaticano, secondo la versione del film)
    E poi si è ripreso con la sua ignoranza sul regno della fisica, quindi va bene così. Bravo Robert.
    Kohler, beh, è un personaggio interessante, e ho un paio di dubbi sul perché allora, alla fine, abbia deciso di andare a morire in vaticano (Mi sono persa un passaggio evidentemente). Il suo essere designato come colpevole... no, per me non era possibile, non poteva essere stato lui, in alcun modo! Sarò stata ingenua forse.
    Sicuramente, non mi aspettavo fosse stato il Camerlengo (quindi Robert aveva ragione all'inizio, gli illuminati non esistevano più! Wow), sembrava tipo l'essere più coccoloso al mondo, con quel discorso così toccante, così sensato. Era perfetto. E, beh, in effetti il colpo di scena migliore del secolo. TORNAVA TUTTO, mamma mia!! Certo, il fatto che fosse il figlio del defunto papa forse non era così... beh, inaspettato... ma con l'inseminazione artificiale??? I suoi genitori entrambi vergini??? MAMMA MIA, fa tanto telenovela spagnola di bassa lega!!!
    Un minuto di silenzio per Olivetti, mi è dispiaciuto un sacco, era un grande (sarebbe stato meglio che nel film non si fosse visto quello sgozzamento tanto splatter, bleah)
    Vittoria... beh, che donna con le palle. Mi è piaciuta, ma parliamone.... "Hai mai fatto sesso con una che fa yoga?" .....che cosa orribile. Orribile orribile orribile.

    L'adattamento al film è stata una delle cose più orribili che abbia mai visto. Ahahah no va beh, sto esagerando. E' stato un bel film da vedere, nonostante i tagli di personaggi, la trama... poi in realtà filava, filava anche liscio (tranne la fine, dove Ewan McGregor si da fuoco senza spiegare perché ha messo in scena tutta sta manfina! Cioè, dopo tutto il film non mi dai nemmeno la soddisfazione di dirmi PERCHE' per via del progresso scientifico che vuoi screditare, uccidi tuo padre, quattro aspiranti papa, discreta gente della polizia and co.). Quindi magari avrei dovuto vederlo non due ore dopo aver terminato il libro. Magari un paio d'anni dopo. O un paio di decenni,

    said on 

  • 4

    Libro molto bello. Dan Brown mi appassiona sempre ed è capace,pur mantenendo lo stesso schema per molti libri,di tenerti incollato alle pagine curioso di scoprire cosa succederà dopo e quali nuove sfi ...continue

    Libro molto bello. Dan Brown mi appassiona sempre ed è capace,pur mantenendo lo stesso schema per molti libri,di tenerti incollato alle pagine curioso di scoprire cosa succederà dopo e quali nuove sfide dovranno affrontare i protagonisti. Lo consiglio.

    said on 

  • 3

    È il secondo libro di Brown che leggo e non mi è piaciuto tanto quanto il simbolo perduto, nonostante la simbologia, le sette, gli aneddoti storici, tutti argomenti che mi affascinano e che stimolano ...continue

    È il secondo libro di Brown che leggo e non mi è piaciuto tanto quanto il simbolo perduto, nonostante la simbologia, le sette, gli aneddoti storici, tutti argomenti che mi affascinano e che stimolano notevolmente la mia curiosità non manchino. Fino a metà romanzo ho letto più per inerzia che per curiosità, poiché la narrazione non mi aveva sufficientemente coinvolto; in seguito, i riferimenti continui alle meraviglie di Roma hanno solleticato la mia attenzione. Lettura piacevole e leggera.

    said on 

Sorting by