Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Animal Farm

By

Publisher: Harvill Secker

4.3
(23883)

Language:English | Number of Pages: 128 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi traditional , Chi simplified , Spanish , Portuguese , French , German , Dutch , Italian , Korean , Finnish , Catalan , Swedish , Polish , Slovenian , Hungarian , Russian , Greek , Japanese , Croatian , Galego , Czech , Turkish

Isbn-10: 1846553547 | Isbn-13: 9781846553547 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio Cassette , Mass Market Paperback , Audio CD , Library Binding , Softcover and Stapled , Unbound , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Political , Science Fiction & Fantasy

Do you like Animal Farm ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"Animal Farm" is one of the most famous warnings ever written. Orwell's immortal satire - 'against Stalin' as he wrote to his French translator - can be read on many levels. With its piercing clarity and deceptively simple style it is no surprise that this novel is required reading for schoolchildren and politicians alike. This fable of the steadfast horses Boxer and Clover, the opportunistic pigs Snowball and Napoleon, and the deafening choir of sheep remains an unparalleled masterpiece. One reviewer wrote 'In a hundred years' time perhaps "Animal Farm" ...may simply be a fairy story: today it is a fairy story with a good deal of point.' Over sixty years on in the age of spin, it is more relevant than ever. Rejected by such eminent publishing figures as Victor Gollancz, Jonathan Cape and T.S. Eliot, "Animal Farm" was published to great acclaim by Martin Secker and Warburg on 17 August 1945 in an edition of 4500 copies. In the centenary year of Martin Secker, Ltd., Harvill Secker is proud to publish this special edition with a brand-new introduction by Christopher Hitchens.
Sorting by
  • 4

    8.5/10

    Romanzo incredibile sotto tutte le chiavi di lettura: dalla favola al trattato politico, dalla filosofia del potere alle teorie della comunicazione. Orwell, ancora una volta, si è rivelato il grande p ...continue

    Romanzo incredibile sotto tutte le chiavi di lettura: dalla favola al trattato politico, dalla filosofia del potere alle teorie della comunicazione. Orwell, ancora una volta, si è rivelato il grande profeta del '900.

    said on 

  • 5

    Una favola spettacolare

    La più sagace invettiva contro l'ipocrisia comunista scritta da uno che condivide l'ideologia comunista. Da leggere, comunque la si pensi. Interessante anche un saggio sulla libertà di pensiero che si ...continue

    La più sagace invettiva contro l'ipocrisia comunista scritta da uno che condivide l'ideologia comunista. Da leggere, comunque la si pensi. Interessante anche un saggio sulla libertà di pensiero che si trova, in appendice, in questa edizione. Consigliato.

    said on 

  • 5

    Geniale

    Mi chiedo come ho potuto aspettare 30 anni prima di leggere questo libro! Arguto e geniale. Dovrebbe far parte della cultura scolastica di base!

    said on 

  • 4

    Alegoría sobre el comunismo a través de una granja de animales. Me ha dejado un sabor amargo, por lo que supone de representación de la raza humana

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Ecco perchè gli uomini vengono comparati con i maiali

    Un libro satirico ben svolto. In sé contiene una critica alla società e riferimenti sia storici che attuali. Nonostante tutte le Rivoluzioni partano con le migliori intenzioni, quasi nessuna riesce a ...continue

    Un libro satirico ben svolto. In sé contiene una critica alla società e riferimenti sia storici che attuali. Nonostante tutte le Rivoluzioni partano con le migliori intenzioni, quasi nessuna riesce a mantenere gli standard decisi inizialmente, perché i più “intelligenti” riescono sempre ad approfittarsi dei più deboli.
    In questo caso, la trama descrive ciò che succede nella Fattoria Padronale sotto il comando di Jones, un uomo crudele che sfrutta gli animali senza sosta. Su accordo comune degli abitanti quadrupedi, vengono stabilite delle riunioni notturne per decidere sul da farsi e il Sergente Maggiore racconta loro il suo sogno di una rivoluzione dove gli animali non saranno più schiavi dell’uomo.
    La situazione precipita quando Jones dimenticherà di dar da mangiare agli animali, che ne approfitteranno per appropriarsi della fattoria.
    Inizialmente le cose andranno bene e i maiali, i più intelligenti, stabiliranno i Sette Comandamenti che tutti i cittadini de “La fattoria degli animali” dovranno seguire per rispetto a loro stessi, all’uguaglianza e al bene comune. Ma man mano che il tempo passerà, i maiali continueranno a dirigere senza dare il loro contributo fisico alla fattoria, affermando che il compito di dirigere è assai gravoso.
    Inoltre, con il passare del tempo, cambieranno a loro piacimento i Sette Comandamenti e, visto che gli animali non sono bravi a leggere e hanno poca memoria, i pochi che avranno qualche dubbio non investigheranno oltre. Senza contare che, nei momenti di crisi, viene data la colpa a Palla di Neve, declassandolo come traditore. In questo modo, con un nemico comune, gli animali non faranno fatica a incolparlo di ciò che accade alla fattoria, sebbene alcune colpe sono assurde.
    Alla fine, non ci sarà alcuna differenza tra il prima e il dopo la Rivoluzione. Anzi, gli animali verranno trattati peggio di quanto non li maltrattasse Jones, ma loro, non ricordandosi il prima della rivolta, rimarranno succubi dei maiali che alla fine assomiglieranno così tanto agli uomini da confondersi con essi.
    Un libro magistrale, simile a una favola, che tutti dovrebbero leggere almeno una volta.
    P.S. per tutta la lettura ho ricordato quanto mi piace il bacon.

    said on 

  • 3

    credo che debba stare nella formazione di base di tutti

    ma per il contrario di quello che dice

    NON siamo tutti uguali, ed è giusto che ognuno abbia il suo ruolo e la sua importanza

    purtroppo nel mondo ...continue

    credo che debba stare nella formazione di base di tutti

    ma per il contrario di quello che dice

    NON siamo tutti uguali, ed è giusto che ognuno abbia il suo ruolo e la sua importanza

    purtroppo nel mondo non c'è né ciò che dice Orwell, né l'opposto

    bensì un casino intermedio dove si scalcia come spermatozoi per non si sa cosa

    sarò scemo io, ma sono ancora voltairiano

    non credo negli esseri umani, ma in un ordine supremo che 'addrizza ogni torto' come disse Leonardo

    verrà il giorno

    seguro

    said on 

Sorting by