Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Anjos e demónios

Por

Editor: Bertrand

3.7
(23709)

Language:Português | Number of Páginas: 588 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Chi simplified , Chi traditional , Spanish , German , French , Catalan , Swedish , Italian , Russian , Dutch , Slovenian , Romanian , Japanese , Greek , Polish , Turkish , Czech

Isbn-10: 9722514091 | Isbn-13: 9789722514095 | Data de publicação: 

Também disponível como: Hardcover , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Anjos e demónios ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Quando um famoso cientista do CERN é encontrado brutalmente assassinado, o professor de simbologia Robert Langdon é chamado para identificar o estranho símbolo gravado no peito do cientista. A sua conclusão é avassaladora: a marca é de uma antiga Irmandade chamada Iluminatti, supostamente extinta há séculos e inimiga da Igreja Católica. Em Roma, o Colégio dos Cardeais está reunido para eleger um novo Papa quando se apercebe do rapto de quatro cardeais, ao mesmo tempo que a Guarda Suíça é informada de que uma perigosa arma está na Cidade do Vaticano com o propósito de a destruir. Robert Langdon – quem não o conhece? – ajudado desta vez por Victoria Vetra, cientista do CERN, procura desesperadamente a antimatéria no meio das intricadas pistas deixadas pelos Iluminati, lutando contra o tempo para salvar o Vaticano.
Sorting by
  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    5

    Farò spoiler. Io lo dico. Versione no spoiler: il libro mi è piaciuto, figo il giusto, intrippante, lo consiglio, le ultime due parole alla fine mi hanno fatto cascare le braccia. [/end]

    Non so perché ...continuar

    Farò spoiler. Io lo dico. Versione no spoiler: il libro mi è piaciuto, figo il giusto, intrippante, lo consiglio, le ultime due parole alla fine mi hanno fatto cascare le braccia. [/end]

    Non so perché ma la prima cosa che ho notato di questo libro è che Robert, a pelle, mi stava antipatico. Non so, perfetto solo lui, bello solo lui, intelligente solo lui. Poi ho realizzato che se non lo fosse stato, probabilmente il CERN non lo avrebbe calcolato (o il Vaticano, secondo la versione del film)
    E poi si è ripreso con la sua ignoranza sul regno della fisica, quindi va bene così. Bravo Robert.
    Kohler, beh, è un personaggio interessante, e ho un paio di dubbi sul perché allora, alla fine, abbia deciso di andare a morire in vaticano (Mi sono persa un passaggio evidentemente). Il suo essere designato come colpevole... no, per me non era possibile, non poteva essere stato lui, in alcun modo! Sarò stata ingenua forse.
    Sicuramente, non mi aspettavo fosse stato il Camerlengo (quindi Robert aveva ragione all'inizio, gli illuminati non esistevano più! Wow), sembrava tipo l'essere più coccoloso al mondo, con quel discorso così toccante, così sensato. Era perfetto. E, beh, in effetti il colpo di scena migliore del secolo. TORNAVA TUTTO, mamma mia!! Certo, il fatto che fosse il figlio del defunto papa forse non era così... beh, inaspettato... ma con l'inseminazione artificiale??? I suoi genitori entrambi vergini??? MAMMA MIA, fa tanto telenovela spagnola di bassa lega!!!
    Un minuto di silenzio per Olivetti, mi è dispiaciuto un sacco, era un grande (sarebbe stato meglio che nel film non si fosse visto quello sgozzamento tanto splatter, bleah)
    Vittoria... beh, che donna con le palle. Mi è piaciuta, ma parliamone.... "Hai mai fatto sesso con una che fa yoga?" .....che cosa orribile. Orribile orribile orribile.

    L'adattamento al film è stata una delle cose più orribili che abbia mai visto. Ahahah no va beh, sto esagerando. E' stato un bel film da vedere, nonostante i tagli di personaggi, la trama... poi in realtà filava, filava anche liscio (tranne la fine, dove Ewan McGregor si da fuoco senza spiegare perché ha messo in scena tutta sta manfina! Cioè, dopo tutto il film non mi dai nemmeno la soddisfazione di dirmi PERCHE' per via del progresso scientifico che vuoi screditare, uccidi tuo padre, quattro aspiranti papa, discreta gente della polizia and co.). Quindi magari avrei dovuto vederlo non due ore dopo aver terminato il libro. Magari un paio d'anni dopo. O un paio di decenni,

    dito em 

  • 4

    Libro molto bello. Dan Brown mi appassiona sempre ed è capace,pur mantenendo lo stesso schema per molti libri,di tenerti incollato alle pagine curioso di scoprire cosa succederà dopo e quali nuove sfi ...continuar

    Libro molto bello. Dan Brown mi appassiona sempre ed è capace,pur mantenendo lo stesso schema per molti libri,di tenerti incollato alle pagine curioso di scoprire cosa succederà dopo e quali nuove sfide dovranno affrontare i protagonisti. Lo consiglio.

    dito em 

  • 3

    È il secondo libro di Brown che leggo e non mi è piaciuto tanto quanto il simbolo perduto, nonostante la simbologia, le sette, gli aneddoti storici, tutti argomenti che mi affascinano e che stimolano ...continuar

    È il secondo libro di Brown che leggo e non mi è piaciuto tanto quanto il simbolo perduto, nonostante la simbologia, le sette, gli aneddoti storici, tutti argomenti che mi affascinano e che stimolano notevolmente la mia curiosità non manchino. Fino a metà romanzo ho letto più per inerzia che per curiosità, poiché la narrazione non mi aveva sufficientemente coinvolto; in seguito, i riferimenti continui alle meraviglie di Roma hanno solleticato la mia attenzione. Lettura piacevole e leggera.

    dito em 

  • 4

    In un commento più approfondito a questo libro (che ho fatto sul mio blog, per chi fosse interessato c0è il link in basso) mi vengono da scrivere più critiche che altro, eppure comunque se devo dare u ...continuar

    In un commento più approfondito a questo libro (che ho fatto sul mio blog, per chi fosse interessato c0è il link in basso) mi vengono da scrivere più critiche che altro, eppure comunque se devo dare un giudizio complessivo devo dire che questo libro mi è piaciuto. Mi ha appassionato, l’ho letto con piacere, mi sono divertita a seguire i ragionamenti di Langdon sulle varie opere d’arte nominate, mi sono emozionata nell’entrare con lui nella Biblioteca Vaticana, e, insomma, ho passato ora molto piacevoli in compagnia di questo libro. La storia d’amore l’ho trovata scontata e insipida, ma per fortuna non occupa che una piccola parte del romanzo.
    Nel complesso quindi un thriller che fa il suo dovere, senza brillare per caratterizzazione dei personaggi né per originalità, ma che sicuramente intrattiene e diverte.
    Non so se leggerò altro di Brown, perché gran parte del piacere che ho provato nel leggere questo libro era dovuto all’ambientazione. Sono molto incuriosita da Inferno, mi piacrebbe vedere l’interpetazione di un americano su un testo che noi italiani conosciamo piuttosto bene per averlo studiato a scuola.

    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/18165

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    5

    Una lettura appassionante e leggera come una piuma: volendo si riuscirebbero a leggere quasi 600 pagine tutte di un fiato.
    Imprevedibile e sorprendente fino all'ultimo, in un intreccio mai troppo chia ...continuar

    Una lettura appassionante e leggera come una piuma: volendo si riuscirebbero a leggere quasi 600 pagine tutte di un fiato.
    Imprevedibile e sorprendente fino all'ultimo, in un intreccio mai troppo chiaro fra bene e male.
    Dan Brown si riconferma un grande scrittore.

    "La scienza avrà anche alleviato le sofferenze dalla malattia e la pesantezza del lavoro, ci avrà anche fornito una miriade di gadget per il nostro divertimento e la nostra comodità, ma ci ha lasciato in un mondo dove non esiste più la meraviglia.
    I nostri tramonti si sono ridotti a frequenze e lunghezze d'onda.
    La complessità dell'universo si è trasformata in una serie di equazioni matematiche.
    La nostra concezione del valore della vita umana è stata sfatata.
    La scienza afferma che la terra ed i suoi abitanti sono solo puntini insignificanti nell'immensità dell'universo.
    Un accidente cosmico.
    Persino la tecnologia che permette di unirci ci divide.
    Oggi ognuno di noi è elettronicamente collegato a tutto il resto del pianeta e tuttavia ci sentiamo sempre più soli.
    Siamo bombardati dalla violenza, da divisioni, conflitti e tradimenti.
    Lo scetticismo è diventato una virtù.
    Ormai le doti dell'uomo intelligente sono il cinismo e la continua ricerca della prova scientifica.
    Non c'è da stupirsi se oggigiorno gli esseri umani si sentono più depressi e impotenti che in passato.
    Esiste ancora qualcosa di sacro?
    La scienza cerca risposte nella sperimentazione su feti e pretende addirittura di modificare il nostro DNA.
    Seziona il mondo creato da Dio in frammenti sempre più piccoli in cerca di un significato...e trova solo ulteriori domande"

    dito em 

  • 4

    Angels and Demons

    Spulciando tra i miei libri ho deciso di rileggere questo thriller di Dan Brown.
    Il protagonista di questa storia è sempre il celeberrimo Robert Langdon.
    Tutto ha inizio quando il presidente del CERN ...continuar

    Spulciando tra i miei libri ho deciso di rileggere questo thriller di Dan Brown.
    Il protagonista di questa storia è sempre il celeberrimo Robert Langdon.
    Tutto ha inizio quando il presidente del CERN di Ginevra chiama il conosciuto docente di Harvard per avere un parere sulla morte di un importante scienziato che ha impresso sul suo corpo il simbolo degli Illuminati, un’antica setta scomparsa già da molti anni.
    Nello stesso momento in Italia è appena venuto a mancare il Pontefice e si sta per aprire il Conclave però i quattro cardinali prescelti per questa importante carica risultano spariti nel nulla.
    Anche questa volta Robert dovrà risolvere una serie di misteri e sarà affiancato da una donna, in questo caso si tratta di una scienziata, la figlia adottiva della vittima.
    Come sempre lo scrittore ci guida attraverso fiumi di suspense, attraverseremo insieme ai protagonisti la Città del Vaticano e Roma per poter portare a termine questa nuova “missione”.

    Che altro dire?
    Come gli altri libri scritti da questo autore la lettura è molto veloce e tiene incollato il lettore alla storia.
    La giusta dose di mistero e suspense fa mantenere un buon ritmo alla storia anche se la trama di base assomiglia molto al thriller precedentemente pubblicato.

    Buona lettura!

    dito em 

Sorting by