Anna Karenina

Di

Editore: Fabbri Editori

4.4
(9142)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Russo , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Francese , Catalano , Olandese , Svedese , Sloveno , Portoghese , Ceco , Greco

Isbn-10: A000099170 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Cofanetto , Altri , Tascabile economico , eBook , Copertina morbida e spillati

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Anna Karenina?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    È assurdo finire un libro del genere. Ti senti talmente dentro la storia che quasi ti aspetti, da un momento all'altro, l'annuncio della visita di qualche conte o principe. La storia rapisce e i perso ...continua

    È assurdo finire un libro del genere. Ti senti talmente dentro la storia che quasi ti aspetti, da un momento all'altro, l'annuncio della visita di qualche conte o principe. La storia rapisce e i personaggi diventano tuoi amici (oh, Levin) o nemici.
    Per quanto trovassi inizialmente la lunghezza scoraggiante, ho terminato il libro dispiaciuta di doverlo chiudere.

    Ci sarebbe da discuterne per ore, ma sarò concisa: un capolavoro.

    ha scritto il 

  • 5

    'Non sfuggirete a voi stessi'

    Il destino è quello che facciamo con la vita che viviamo. Camminare sospesi su un filo sottile, una tempesta possiamo attraversare, un soffio di vento può farci cadere

    ha scritto il 

  • 4

    L'imbarazzo nel provare a scrivere dopo aver letto un 'opera del genere è grande. Un trattato sui rapporti tra uomo e donna nel mutamento dei sentimenti che diventa il centro di un mondo senza tempo. ...continua

    L'imbarazzo nel provare a scrivere dopo aver letto un 'opera del genere è grande. Un trattato sui rapporti tra uomo e donna nel mutamento dei sentimenti che diventa il centro di un mondo senza tempo.

    ha scritto il 

  • 4

    Al cospetto di un grande classico della letteratura mondiale, a partire dalla decisione di cimentarsi nella sua lettura e fino a quando non ci si lascia alle spalle la copertina per affrontarne le pri ...continua

    Al cospetto di un grande classico della letteratura mondiale, a partire dalla decisione di cimentarsi nella sua lettura e fino a quando non ci si lascia alle spalle la copertina per affrontarne le prime pagine, si ha spesso una sorta di timore reverenziale. Con Anna Karenina Tolstoj si dimostra sì un gigante degno della sua fama, ma anche un autore che accompagna il proprio lettore passo passo, senza precederlo, nè mandandolo in avanscoperta. E' come camminare in una terra straniera al fianco di un amico che la abita. Penso che da qui derivi il realismo dei suoi personaggi - che diventano dei veri e propri compagni di viaggio - e dello scorrere del tempo: l'orologio della narrazione riesce sempre ad allinearsi al senso del tempo del lettore. Anna diventa così una figura familiare, e Stepan Arkadic un conoscente il cui invito a cena non si rifiuterebbe di certo.

    ha scritto il 

  • 3

    Intoccabile (?)

    In questo classicissimo romanzo dell'800,definito da molti il capolavoro del XIX secolo, c'è tutto quello che si può cercare in una storia d'amore: La passione, il tradimento, l'amore per la famiglia, ...continua

    In questo classicissimo romanzo dell'800,definito da molti il capolavoro del XIX secolo, c'è tutto quello che si può cercare in una storia d'amore: La passione, il tradimento, l'amore per la famiglia, l'amore di una coppia appena sposata ma anche i ripensamenti e il peso dello stesso matrimonio dopo un po di anni. che dire... per me un polpettone ma io non sono Tolstoj ne Dostoevskij ne tanto meno Nabokov, quindi vi prego andateci piano con l'insultarmi

    ha scritto il 

  • 5

    Non è detto che sia facile leggere un classico così, ma ne vale la pena

    L'amore, l'amore declinato in tutte le sue possibili manifestazioni, attraverso l'obiettivo puntato su tre coppie dell'aristocrazia russa del secondo Ottocento. Troviamo l'insensibilità del marito lic ...continua

    L'amore, l'amore declinato in tutte le sue possibili manifestazioni, attraverso l'obiettivo puntato su tre coppie dell'aristocrazia russa del secondo Ottocento. Troviamo l'insensibilità del marito licenzioso e la passiva abnegazione della moglie chioccia nella coppia Darja-Stiva; la combattuta e meritata pace coniugale nell'idillio Kitty-Levin; infine la tormentata passione di Vronsky e Anna che, travolta dal desiderio di una felicità possibile, abbandonerà il marito anaffettivo e il figlio per poi rimanere vittima della sua stessa morbosa ossessione. Assistiamo allo scavo psicologico di questi e di molti altri personaggi sullo sfondo affrescato di una Russia controversa, con le questioni sociali, etiche, civili che ne animano lo spirito l'indomani dell'abolizione della servitù della gleba. Diversi i passaggi lenti, zoppicanti in cui la prolissità delle descrizioni fa annaspare il lettore. Ma poi, ad un certo punto, l'ossigeno ritorna con un dialogo perfettamente congegnato o con una scena di forte coinvolgimento emotivo e il cerchio si chiude. Quindi sì, vale la pena spingere un po' su quelle pagine faticose perché l'unica cosa che si desidera una volta finito sarà ricominciare da capo.

    ha scritto il 

  • 5

    Anna Karenina è un libro lungo, che va letto lentamente, senza frenesie di sapere cosa succede, ma con la consapevolezza di avere tutto il tempo che ci vuole per entrare in un contesto storico, etico ...continua

    Anna Karenina è un libro lungo, che va letto lentamente, senza frenesie di sapere cosa succede, ma con la consapevolezza di avere tutto il tempo che ci vuole per entrare in un contesto storico, etico e familiare che non ci appartiene. E' come una lunga compagnia di cui senti la mancanza quando non c'è più: chiudi l'ultima pagina del libro e ti dispiace non ritrovare quei personaggi. Inutile soffermarmi sulla forza di questa donna, sulla rottura di tutti gli schemi da parte sua, sulla purezza della storia d'amore parallela tra Levin e Ketty, quasi sovrapposta alla sfrontatezza dell'abbandono del proprio figlio da parte di Anna. E' un Romanzo con la R maiuscola. Darei quattro stelle e mezza, solo per alcune lungaggini descrittive che secondo me non davano valore aggiunto all'essenza del testo. Per il resto, chapeau!!

    ha scritto il 

  • 0

    Mi sembrerebbe quasi una profanazione attribuire un giudizio, per di più espresso in stelle, a questo romanzo. Intenso, profondo, scomodo (ed infatti il tema di una mamma che abbandona un figlio per s ...continua

    Mi sembrerebbe quasi una profanazione attribuire un giudizio, per di più espresso in stelle, a questo romanzo. Intenso, profondo, scomodo (ed infatti il tema di una mamma che abbandona un figlio per seguire l'amante e non ama l'altra figlia non si può definire propriamente un clichè) sono solo i primi tre aggettivi che mi vengono in mente per descriverlo.
    E' una lettura certamente impegnativa, a tratti noiosa forse, ma ripaga ampiamente l'impegno.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per