Anna Karenina

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (Nuovi Oscar classici)

4.4
(8916)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 1052 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Russo , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Francese , Catalano , Olandese , Svedese , Sloveno , Portoghese , Ceco , Greco

Isbn-10: 8804539046 | Isbn-13: 9788804539049 | Data di pubblicazione:  | Edizione 22

Traduttore: Ossip Felyne , Annelisa Alleva ; Curatore: Igor Sibaldi ; Postfazione: Vladimir Nabokov

Disponibile anche come: Copertina rigida , Cofanetto , Altri , Tascabile economico , eBook , Copertina morbida e spillati

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Anna Karenina?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Centro della vicenda è la tragica passione di Anna, sposata senza amore a un alto funzionario, per il brillante ma superficiale Vronskij. Parallelo a questo amore infelice è quello felice di Kitty per Levin, un personaggio scontroso e tormentato al quale Tolstoj ha fornito i propri tratti. "In Anna Karenina è rappresentata - scrive Natalia Ginzburg - la colpa come ostacolo, anzi come barriera invalicabile al raggiungimento della felicità." Tra i primi lettori il libro ebbe Dostoevskij che così ne scrisse: "Anna Karenina è un'opera d'arte assolutamente perfetta. Vi è in questo romanzo una parola umana non ancora intesa in Europa... e che pure sarebbe necessaria ai popoli d'Occidente."
Ordina per
  • 4

    Mentre leggevo le storie dei protagonisti di questo romanzo di Tolstoj, pensavo al "romanzo russo" in generale. Tra la seconda metà dell'800 e la prima del '900 (circa), la terra degli Czar e della Ri ...continua

    Mentre leggevo le storie dei protagonisti di questo romanzo di Tolstoj, pensavo al "romanzo russo" in generale. Tra la seconda metà dell'800 e la prima del '900 (circa), la terra degli Czar e della Rivoluzione ha visto fiorire grandi intellettuali, scienziati e letterati, che hanno impreziosito il nostro pianeta e il valore del genere umano con le loro opere.
    In particolare, benché nato altrove, è in Russia che il romanzo, come forma d'arte, raggiunge il suo completo sviluppo e apice.
    Faccio questa premessa perché, prima di Tolstoj, ho letto diversi autori russi: Dostoevskij, Puškin, Aksënov, Čechov, Černyševskij etc...
    Ebbene, leggendo Lev N. Tolstoj, l'unica cosa che ho potuto dirmi è stata "Caspita! Anche lui arriva a livelli eccelsi! Anche lui è uno scrittore bravissimo!"
    Anna Karenina è proprio come ci si aspetta che sia un romanzo russo: ricco; di personaggi, di storie, di particolari, di riflessioni, caratterizzazioni magistralmente tracciate.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo.

    "Provò lo stesso sentimento di quando, facendo il bagno, si preparava a entrare in acqua, e si fece il segno della croce. Il gesto abituale di segnarsi ridestò nel suo animo un'infinità di ricordi di ...continua

    "Provò lo stesso sentimento di quando, facendo il bagno, si preparava a entrare in acqua, e si fece il segno della croce. Il gesto abituale di segnarsi ridestò nel suo animo un'infinità di ricordi di quando era ragazza e bambina, e a un tratto la tenebra che copriva ogni cosa si squarciò, e per un attimo la vita le si presentò con tutte le luminose gioie del passato. Ma non distoglieva lo sguardo dalle ruote del secondo vagone che si avvicinava. E proprio nel momento in cui il centro tra le ruote le si trovò di fronte, lei gettò via la sacca rossa e, tirando la testa fra le spalle, cadde sulle mani sotto il vagone, e con un movimento leggero, come se si preparasse a rialzarsi subito, s'inginocchiò. In quell’attimo stesso inorridì di ciò che aveva fatto. «Dove sono? Che sto facendo? Perché?» Volle sollevarsi, tirarsi indietro; ma qualcosa di enorme e d'implacabile la colpì alla testa e la trascinò per la schiena. «Signore, perdonami tutto!» mormorò, sentendo che le era impossibile lottare. Un contadino, borbottando qualcosa, armeggiava su del ferro. E la candela, al cui lume leggeva il libro pieno di angosce, di inganni, di dolore e di male, splendette di una luce più viva che mai, le illuminò tutto ciò che era prima avvolto nelle tenebre, crepitò, prese ad affuscarsi e si spense per sempre."

    ha scritto il 

  • 5

    Anna Karenina muove il mondo.

    Eccoci, dunque.
    Io, un foglio di carta bianco e te.
    Solo noi due, per l'ultima volta. Poi ti poserò nel tuo scaffale, accarezzerò il tuo dorso e sospirerò.
    In realtà è un arrivederci, e tu lo sai bene ...continua

    Eccoci, dunque.
    Io, un foglio di carta bianco e te.
    Solo noi due, per l'ultima volta. Poi ti poserò nel tuo scaffale, accarezzerò il tuo dorso e sospirerò.
    In realtà è un arrivederci, e tu lo sai bene Anna.
    Sai che negli ultimi venti, trenta giorni - quanti sono stati poi? - mi hai scavato un piccolo solco nell'anima, pagina dopo pagina. E pensare che all'inizio non ti capivo nemmeno poi tanto; troppo fredda, forse.
    Col tempo ho imparato a conoscerti meglio. A dire il vero non c'è voluto poi molto. Giusto qualche battuta, qualche sguardo con Vronskij e io ti ho capito.
    Era questo che volevi Lev, giusto? Un lettore sveglio, che andasse oltre la corporeità delle vicende narrate.
    Eh sì, perchè un discorsetto va fatto anche a te. Non mi sono di certo dimenticata.
    Hai presente Schopenhauer? Magari lo avrai sentito nominare, anche solo per sbaglio. Bhè, questo signore parlava di un certo velo di Maya, un velo che distorce l'essenza della realtà stessa, posto tra noi e la verità. Ed è come se tu lo avessi strappato. Ma come è possibile?
    Ah, il potere delle parole.
    E ora mi trovo a delirare su quello che hai scritto, mio caro Lev.
    Vorrei parlare di Vronskij, uomo quanto mai ordinario, il quale vive di rendita, ama le corse ippiche, non riesce a far tacere la madre, corteggia un po' tutte le donne che incontra. Ma dimmi, come faccio? Come faccio a spiegare quanto la sua personalità sia diversa da quella di Anna? Come si fa a descrivere un uomo obbligato a prendere una posizione rivoluzionaria che non riesce a sostenere, nemmeno per amore? Ma poi, dimmi Lev, lui la amava veramente?
    Ma torniamo a te, Anna.
    Per continuare a leggere: http://lagiovanelibraia.blogspot.it/2016/05/libri-in-pillole-5-anna-karenina-muove.html?spref=fb

    ha scritto il 

  • 4

    Se potessi riassumerlo in un termine, proporrei "Paura". Si perché una vita forse non può raccogliere tutte le emozioni, tutti i turbamenti, tutte le paure di personaggi, uomini, persone che non capis ...continua

    Se potessi riassumerlo in un termine, proporrei "Paura". Si perché una vita forse non può raccogliere tutte le emozioni, tutti i turbamenti, tutte le paure di personaggi, uomini, persone che non capiscono dove la loro vita li stia portando. Diversamente da altri libri, a parer mio, non ci si può immedesimare in un personaggio: si può amare o meno un lato particolare di ognuno di essi. La paura di essere amata di Anna, la paura di essere soddisfatto di Levin, la paura di vivere una propria vita di Vronskij. Mi sono innamorato di questo libro proprio per questo: non c'è un vincitore, ma solo tanti vinti. Ci sono tanti lati di ogni sentimento, tanti modi di vivere e soffrire, ma un solo consiglio: "Avere paura significa perdere!". Poi tutto il resto fa da sfondo, i paesaggi di una Russia non bella: una Mosca che pensa che sprecare il tempo sia più opportuno del viverlo. Una campagna che non dà frutti, ma solo un ristoro temporaneo. Da leggere e rileggere, finché non ce ne s'innamora!

    ha scritto il 

  • 3

    Un bel classicone in cui c’è tutto: la storia d’amore e di tradimento, il dramma, la riflessione interiore, la descrizione della quotidianità e la critica alla società russa.
    Recensione completa qui
    ...continua

    Un bel classicone in cui c’è tutto: la storia d’amore e di tradimento, il dramma, la riflessione interiore, la descrizione della quotidianità e la critica alla società russa.
    Recensione completa qui
    http://www.thequeenofmira.blogspot.it/2016/01/anna-karenina-e-altre-amenita.html

    ha scritto il 

  • 5

    L'unico difetto di questo libro, se di difetto dobbiamo proprio parlare quando parliamo di Tolstoj, è che il titolo non rappresenta minimamente la complessa opera dello scrittore russo. Ridurre infatt ...continua

    L'unico difetto di questo libro, se di difetto dobbiamo proprio parlare quando parliamo di Tolstoj, è che il titolo non rappresenta minimamente la complessa opera dello scrittore russo. Ridurre infatti questo libro alla sola figura della Karenina — figura fra le centrali, ma non la più importante — è l'errore a cui il lettore, attirato dall'idea di una eroina russa alla ricerca "di una felicità impossibile", potrebbe essere portato.

    Se "Guerra e Pace" è dichiaratamente un libro che va a scavare nell'anima dei personaggi, nei flussi degli eventi tanto storici quanto personali — chi l'avrà letto ricorderà con passione gli immensi capitoli sul campo di battaglia intervallati da quelli in cui sono le due famiglie, i Bolkonskij e i Rostov, a vedere le proprie storie intime in primo piano —, nelle divagazioni tanto politiche quanto filosofiche, "Anna Karenina" non è da meno. Tolstoj mette in scena un dramma che parte dall'infelicità coniugale e tocca tutto lo spettro dei sentimenti che animano la cultura russa del 1800: ogni famiglia infelice è infelice a modo suo, e il conte Tolstoj è qui per raccontarcelo. Ma l'infelicità coniugale, rappresentata da almeno quattro coppie differenti, è un pretesto per Tolstoj, un pretesto che lo porta a raccontarci della condizione russa del periodo.

    Uno dei personaggi principali di quest'opera è Lèvin, ovvero la trasposizione in forma letteraria dello stesso Tolstoj. In Lèvin lo scrittore inserisce tutte le sue vicende personali, tutti i suoi dubbi, tutte le sue ricerche, facendone uno dei personaggi più complessi e vivi dell'opera tolstojana. Con questo personaggio l'autore ha modo di parlarci della condizione contadina in Russia così come della questione morale, del credo religioso così come delle vicende politiche del secondo '800, della filosofia in aiuto al popolo così come della divisione sociale. Lèvin è l'uomo che si pone continue domande, che ha dubbi sulla sua stessa vita, che non ha paura di mostrare le proprie debolezze: davanti al figlio appena nato ammetterà di non provare per lui amore, ma solamente compassione — una cosa difficilissima da pensare e ancor più da dire, ma che Lèvin riesce ad ammettere con se stesso e a cercarne le ragioni. È un personaggio che anche nella felicità dell'amore non riesce a capirne il motivo, che preferisce chiudersi in se stesso, ma che nel momento di bisogno mostra un'umanità che a molti altri personaggi manca. Non è un personaggio perfetto, ma è perfetto proprio nel suo essere tanto aderente alla realtà.

    Contrapposto al personaggio di Lèvin c'è la Karenina, questa figura che difficilmente nel lettore susciterà un sentimento buono: adultera, abbandona il marito per unirsi all'amante che ha strappato dalle braccia di un'altra donna, rinunciando così al figlio avuto dal marito e spingendosi in una spirale autodistruttiva. Eppure della Karenina, nel momento in cui si avvicina il suo atto finale, si inizia a provare compassione: alla figura dei primi capitoli di donna forte e che sa cosa vuole dalla sua vita, si contrappone quella oramai perduta delle ultime pagine. Ma il lettore ha oramai capito quanta tristezza c'è in una donna del genere, arrivando anche a giustificare questa sua debolezza: nella sua ricerca di felicità, probabilmente anche in maniera egoistica (l'immotivata gelosia che la spingerà all'atto finale è solo la rappresentazione di un qualcosa che per tutto il libro si è intravisto), la Karenina scoprirà che questa felicità non sempre è raggiungibile, e che ciò a cui tanto si è aspirato alla fine porterà solamente a più incertezze.

    Non volevo fare un'analisi completa di "Anna Karenina": è un romanzo complessissimo e che richiederebbe pagine su pagine di analisi, ma due altre cose vorrei aggiungerle (se poi siete stanchi potete passare all'ultimo capoverso). La prima riguarda la ciclicità del romanzo: "Anna Karenina" è un romanzo che non inizia e non finisce, quasi a voler rappresentare l'eterna ciclicità delle vicende raccontate. Nella prima scena in cui Tolstoj introduce il personaggio che dà il titolo all'opera assistiamo al suicidio di uno sconosciuto, il quale si butta sotto un treno. Anche nel finale troviamo una scena praticamente identica, ed è proprio quella in cui la Karenina sparisce dal romanzo. Ma la ciclicità non è solo in questa scena-chiave dell'intero libro, ma anche nei rapporti coniugali dei personaggi, che seguono uno schema sempre identico: chi tradisce all'inizio, tradisce anche per tutto il resto del libro, chi giura fedeltà all'inizio rimarrà fedele fino alla fine. E ancora, chi consola per un tradimento verrà a sua volta consolato, ma chi per primo cerca di spiegare il comportamento di una persona non saprà a sua volta spiegarlo a se stessa. L'unico personaggio che in qualche modo esce da questo "ripetersi" è lo stesso Lèvin: nella sua ricerca personale, che lo porterà a interrogarsi sulla morale e sul credo religioso, passerà dal personaggio introverso e autosufficiente dei primi capitoli a un personaggio completamente differente, non privo di dubbi ma sicuramente più completo dal punto di vista spirituale.

    La seconda cosa è invece più sottile: la frase di apertura di questo romanzo è probabilmente uno degli incipit più noti di tutta la letteratura. Eppure mi vien da dire che altrettanto famoso dovrebbe essere il monologo finale, dove Lèvin, al cospetto di un immenso cielo stellato, capisce infine che cosa ha reso non priva di senso la sua vita e quale ruolo hanno avuto le sofferenze provate nei suoi primi quarant'anni. Questo monologo, che inframezzato da vicende quotidiane si estende per tutti gli ultimi capitoli (circa una trentina di pagine) è uno degli apici narrativi di tutto il libro: quando oramai pensavamo che la vicenda fosse conclusa, Tolstoj chiede ancor più concentrazione al lettore, regalandogli dalla sua il completamento di tutta la ricerca che Lèvin ha intrapreso nelle precedenti 800 pagine. È una cosa che riempie il cuore, e la risposta a chi nei libri cerca ancora la spiegazione della vita reale.

    Ecco, ho finito. E dire che volevo scrivere solo due righe. Comunque. Il romanzo è da quattro stelle e mezzo: come "Guerra e Pace" non è sempre facile seguire Tolstoj nel suo raccontarci le vicende (ma sicuramente "Guerra e Pace" è ancor più ostico), ma se cercate un romanzo complesso e completo, fa proprio per voi. L'ambientazione russa è a dir poco spettacolare, i personaggi splendidi nella loro complessità, la trama perfetta. Se non avete letto altro di Tolstoj partite pure da qui prima di cimentarvi con l'altro suo capolavoro.

    ha scritto il 

  • 5

    Io di Anna me ne sono innamorata

    Io di Anna me ne sono innamorata, come ha fatto Vronskj, fin dalla sua entrata in scena, sul vagone del treno...
    C'ho messo parecchio per arrivare alla fine del libro, ho tardato mesi a finirlo perché ...continua

    Io di Anna me ne sono innamorata, come ha fatto Vronskj, fin dalla sua entrata in scena, sul vagone del treno...
    C'ho messo parecchio per arrivare alla fine del libro, ho tardato mesi a finirlo perché per mancanza di tempo riducevo la lettura agli ultimi barlumi di lucidità, sdraiata a letto, poco prima di addormentarmi, ma non sono riuscita ad abbandonarlo, nonostante quelle poche pagine per volta. Non sono stata capace a metterlo da parte, lasciandolo in sospeso come mi è successo con altri libri che si mostravano fin dall'inizio molto più avvincenti e leggeri.
    E' fantastica la capacità di Tolstoj di farti entrare in ognuno dei personaggi che ha creato, fartene sentire la vibrazione dell'animo e farti entrare nella loro intimità...
    Mi preparo alla lettura di "Guerra e pace".

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per