Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Anni 70

La musica, le idee, i miti

By Howard Sounes

(149)

| Paperback | 9788842083559

Like Anni 70 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il decennio ha prodotto un numero sorprendente di film, dischi, libri e quadri che sono diventati classici. Sono gli anni in cui hanno cominciato ad affermarsi registi come Woody Allen, Martin Scorsese e Francis Ford Coppola, e musicisti come David B Continue

Il decennio ha prodotto un numero sorprendente di film, dischi, libri e quadri che sono diventati classici. Sono gli anni in cui hanno cominciato ad affermarsi registi come Woody Allen, Martin Scorsese e Francis Ford Coppola, e musicisti come David Bowie, Bob Marley e i Clash. Gli architetti hanno rivoluzionato il design, creando strutture di culto come l'Opera House di Sydney e il Centro Pompidou,mentre Gilbert & George hanno aperto la strada all'arte concettuale. E gli anni Settanta sono stati anche il decennio del grande intrattenimento: dalla suspence dello "Squalo", che segna la nascita del successo in cassetta, ai romanzi sofisticati di John Updike, dall'aggraziato fumetto di Snoopy alla comicità dell'assurdo dei Monty Python. Howard Sounes racconta le storie dei personaggi chiave di tutti i settori della cultura - molti dei quali ha intervistato - e rivela dieci anni di straordinaria creatività artistica: "un periodo in cui le regole stavano cambiando, in cui gli uomini e le donne rompevano le relazioni quando si sentivano oppressi, gli uomini potevano esprimere liberamente ruoli più femminili, e viceversa".

19 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Del mondo anglosassone

    Benché incentrato sugli accadimenti del mondo anglosassone, questo testo è una vera miniera d'oro sia dal punto di vista dell'arte visiva, scultura, pittura, architettura; che della musica e del mondo dello spettacolo. Pieno di aneddoti divertenti di ...(continue)

    Benché incentrato sugli accadimenti del mondo anglosassone, questo testo è una vera miniera d'oro sia dal punto di vista dell'arte visiva, scultura, pittura, architettura; che della musica e del mondo dello spettacolo. Pieno di aneddoti divertenti diventa un piacevole percorso di quel frizzante periodo a cui siamo ancora legati.

    Is this helpful?

    GianLuca said on Jan 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un bel viaggio nei seventies, appasssionato, coinvolgente quando parla di punk rock o cinema e feste che non si potranno accendere mai più.
    Forse un pò autoreferenziale e compiaciuto in alcuni passaggi in cui l'autore fa decisamente fatica a nasconde ...(continue)

    Un bel viaggio nei seventies, appasssionato, coinvolgente quando parla di punk rock o cinema e feste che non si potranno accendere mai più.
    Forse un pò autoreferenziale e compiaciuto in alcuni passaggi in cui l'autore fa decisamente fatica a nascondere qualche preferenza personale. che tuttavia, alla fine, una volta chiuso il volume e digerito per qualche giorno, diventa un buon ricordo.

    Is this helpful?

    Fabietto said on Mar 1, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    bello, interessante, accurato. non tocca tutto il must degli anni 70 ma si troveranno personaggi come hockney, rogers e piano, thompson, serra, coppola, brando, warhol, allen, nicholson, spielberg (lo squalo), lucas (guerre stellari), clash, sex pist ...(continue)

    bello, interessante, accurato. non tocca tutto il must degli anni 70 ma si troveranno personaggi come hockney, rogers e piano, thompson, serra, coppola, brando, warhol, allen, nicholson, spielberg (lo squalo), lucas (guerre stellari), clash, sex pistols, lou reed, bowie, rolling stone (la rivista), the peanuts, doonsbury, roeg, monty python, who...
    traduzione mal fatta, con ripetizioni e un lessico povero, dà anche segno di poca cultura, traducendo ad esempio traducendo "the filth and the fury" con oscenità e violenza, non cogliendo quindi il rimando a steinbeck

    Is this helpful?

    inquisizione spagnola said on Nov 3, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Perché solo "così cosi" ?

    questo sarebbe un libro bellissimo, esaustivo e pieno di curiosità sul mondo artistico degli anni 70 e del loro "dietro le quinte". E allora perché ho dato solo tre stelle come valutazione? Prima causa: l'autore scrive per ben DUE volte che fu Wolfga ...(continue)

    questo sarebbe un libro bellissimo, esaustivo e pieno di curiosità sul mondo artistico degli anni 70 e del loro "dietro le quinte". E allora perché ho dato solo tre stelle come valutazione? Prima causa: l'autore scrive per ben DUE volte che fu Wolfgang Amadeus Mozart a commissionare al basso e impresario Emanuel Schikaneder la composizione de "Il Flauto Magico"; leggerezza imperdonabile. Seconda causa: l'autore scrive che il basso elettrico è lo strumento più semplice nel rock...! In questo caso stava parlando del punk dei Sex Pistols, quindi voglio davvero augurarmi che si tratti di un refuso e che volesse significare la parola "punk"; altrimenti... giudizio imperdonabile!

    Is this helpful?

    Betlemme said on Sep 14, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lo recensisco a parecchia distanza dalla lettura perche mi viene naturale sulla scia dell'altro di Morando. Poche balle! Anche se non tutto quello che Sounes cita mi piace come è piaciuto a lui, libri come questo non vorresti finissero mai. Parlano d ...(continue)

    Lo recensisco a parecchia distanza dalla lettura perche mi viene naturale sulla scia dell'altro di Morando. Poche balle! Anche se non tutto quello che Sounes cita mi piace come è piaciuto a lui, libri come questo non vorresti finissero mai. Parlano dei miei vent'anni e di cose che a distanza non reggono solo per motivi affettivi ma perchè in esse come direbbe il Croce palpita vera poesia! Fosse stato per me (...e qui comincia il gioco più bello: riscriverlo con i gusti e le passioni mie!)i Seventies li avrei fatti iniziare con il concerto Four Way Street di Crosby, Stills, Nash& Young che, managgia!, H. non cita neanche..

    Is this helpful?

    Carpediem51 said on Mar 22, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (149)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 534 Pages
  • ISBN-10: 8842083550
  • ISBN-13: 9788842083559
  • Publisher: Laterza
  • Publish date: 2007-xx-xx
Improve_data of this book