Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Anni verdi

Di

Editore: Bompiani

3.9
(237)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 426 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8845250857 | Isbn-13: 9788845250859 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: S. Vismara

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Copertina morbida e spillati , Copertina rigida

Genere: Education & Teaching , Fiction & Literature , Teens

Ti piace Anni verdi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Robert Shannon, rimasto orfano e privo di ogni mezzo per vivere, va da Dublino a Levenford, una cittadina puritana della Scozia, presso i nonni materni. Ma qui tutto di lui spiace e si presta al ridicolo: il suo nome, i suoi vestiti,la religione stessa, sono motivo di contrasto e di scherno. In questo mondo straniero e nemico, Robert riesce a trovare conforto e aiuto nel personaggio più bizzarro della famiglia: il bisnonno, un vecchio assurdo, enfatico,squattrinato e ardente, pronto ad affermare, talvolta con prepotenza, la sua ansia di vita e di avventura.
Ordina per
  • 3

    Un giovane di buone speranze che col passare degli anni, sprofonda sempre di più nella mediocrità: detto così, sembra un libro che usa la crisi di questi anni come scenario.
    Invece si rivela essere qualcosa di diverso: le scelte sbagliate, i tanti rimpianti, le parole non dette...sono tutte ...continua

    Un giovane di buone speranze che col passare degli anni, sprofonda sempre di più nella mediocrità: detto così, sembra un libro che usa la crisi di questi anni come scenario.
    Invece si rivela essere qualcosa di diverso: le scelte sbagliate, i tanti rimpianti, le parole non dette...sono tutte queste cose a formare il carattere del protagonista, sempre più sfortunato.

    E quindi il lieto fine direi che è indispensabile; anzi, è l'unico finale che volevo!

    ha scritto il 

  • 4

    E' stata una delle mie prime letture giovanili, sebbene Cronin sia più famoso per La Cittadella e Le stelle stanno a guardare (i più vecchi si ricorderanno i famosi sceneggiati degli anni '60)ha scritto dei libri gradevoli come appunto Anni Verdi, Il giardiniere spagnolo o il Castello del Cappell ...continua

    E' stata una delle mie prime letture giovanili, sebbene Cronin sia più famoso per La Cittadella e Le stelle stanno a guardare (i più vecchi si ricorderanno i famosi sceneggiati degli anni '60)ha scritto dei libri gradevoli come appunto Anni Verdi, Il giardiniere spagnolo o il Castello del Cappellaio, adatti anche ad un lettore adolescente com'ero io all'epoca. Ambientati in tarda epoca vittoriana o un po' più recenti raccontano drammi familiari o storie dolci in una Inghilterra stile Ispettore Barnaby.

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo di formazione, ricco di elementi autobiografici, commuove e diverte con l'insolita alleanza tra un orfanello irlandese e il suo bizzarro bisnonno scozzese, entrambi fuori posto e alquanto "scandalosi" nella puritana provincia di una Scozia di inizio '900.

    ha scritto il 

  • 5

    Un tesoro sepolto

    Girovagando tra gli scaffali della biblioteca a volte si possono scoprire dei libri dimenticati.
    È il caso di questo libro che giaceva un po’ abbandonato, con la copertina un po' rotta e che da un po’ di tempo mi faceva l’occhiolino (la bibliotecaria mi ha detto che non veniva preso in pres ...continua

    Girovagando tra gli scaffali della biblioteca a volte si possono scoprire dei libri dimenticati.
    È il caso di questo libro che giaceva un po’ abbandonato, con la copertina un po' rotta e che da un po’ di tempo mi faceva l’occhiolino (la bibliotecaria mi ha detto che non veniva preso in prestito da un bel po’ di tempo).
    Grazie a questo libro ho scoperto un autore (per me semi-sconosciuto) e un romanzo bellissimo.
    Esso narra la storia di Robert Shannon, che, dopo essere rimasto orfano di entrambi i genitori, è costretto a trasferirsi dalla natìa Dublino alla Scozia, nel piccolo paese di Levenford, presso la casa dei nonni materni .
    Nel paese è deriso per il suo nome, per gli abiti che indossa, per la sua religione cattolica. In famiglia viene messo in disparte dalla maggior parte dei parenti: il nonno, che si occupa solo del denaro fino all’ultimo centesimo, la nonna, sottomessa che si fa in quattro per far quadrare il bilancio familiare con i pochi soldi che gli da' il marito; gli “zii” Murdock e Kate, che pensano solo a loro stessi; la bisnonna (madre del nonno), donna rigida e irremovibile nel voler far “convertire” Robert alla religione protestante; e infine il bisnonno (padre della nonna), Alexander Grow, personaggio con un cuore d’oro, un uomo senza un soldo, con mille difetti, dalla dubbia moralità, ma l’unico che riesce a dare affetto e conforto a Robert.
    Tra gli insegnamenti del bisnonno, le escursioni nella natura con il suo migliore amico, i primi amori, fatti tragici, avventure e disavventure, insicurezze e lotte interiori, seguiamo la crescita del piccolo Robert, dall’infanzia all’età adulta.
    Libro molto scorrevole, ben scritto, stile di scrittura incantevole, dialoghi bellissimi, profondità delle descrizioni psicologiche, personaggi ben delineati (soprattutto il bisnonno e il protagonista), humor tipicamente inglese, vicenda coinvolgente, commoventi le ultime pagine.
    Insomma un romanzo e un autore che non dovrebbe mancare nelle librerie dei lettori. Da leggere sicuramente.

    Volevo essere come Giulio Cesare e Napoleone.
    Ma non ero che me stesso.

    ha scritto il 

  • 5

    indimenticabile

    ... ancora oggi, mi ricordo a memoria alcuni passagg.. Lo adoro! Quando ero più piccola lo avevo sempre nello zaino sempre con me... Mi ricordo la prima volta che l'ho letto e ho pianto :).Super consigliato, mi ha insegnato ad amare i libri...

    ha scritto il 

Ordina per