Annus Mirabilis

Voto medio di 770
| 147 contributi totali di cui 142 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 5 note , 0 video
1666: la peste da Londra arriva a Eyam attraverso un pezzo di stoffa. E la trasporta fino alla casa di Anna Frith, una servetta vedova con due bambini, che in cambio di qualche soldo ospita un giovane sarto innamorato di lei. Manipolando la stoffa, ... Continua
Ha scritto il 10/02/17
Bello dall'inizio a ... beh, non proprio fino alla fine. Un libro così intenso, vivido, forte, meritava un finale diverso. Quattro stelline e mezza.
  • 2 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 21/11/16
Un bellissimo racconto che trae spunto da fatti realmente accaduti. Una ricerca storica raffinata. Dei personaggi tratteggiati benissimo. Vicende impensabili, potenti. Mai scontato
Ha scritto il 05/09/16
Per me è un buon romanzo storico, che parte da un episodio reale (l'autoimposta quarantena degli abitanti di Eyam in Inghilterra per impedire la diffusione di un'epidemia di peste bubbonica nel XVII secolo) per ricostruirne le atmosfere cupe e a ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 29/08/16
Anna Frith vive una vita semplice e faticosa in un villaggio inglese nella seconda metà del 1600.Improvvisamente la sua routine fatta di duro lavoro e serate con i suoi figli viene spezzata dall'arrivo della peste, che miete vittime e devasta il ..." Continua...
  • 3 mi piace
Ha scritto il 01/08/16
Una storia vera da cui l'autrice ha estrapolato alcuni fatti accaduti e li ha romanzati!
Un ottimo libro ,anche se nella seconda metà si dilunga un po' troppo ,ma
nell'insieme molto piacevole da leggere
  • 1 mi piace

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 19, 2016, 08:03
813.53
BRO 9396
Letteratura Americana
Ha scritto il Apr 01, 2015, 16:53
[...] ma allora mi sembrò giusto tagliare qualsiasi legame con la vecchia vita. D'un tratto e con molta chiarezza seppi di non voler camminare ogni giorno in un altro posto in cui aveva camminato Elinor. Perché dopotutto non ero Elinor, ma Anna.
Pag. 324
Ha scritto il Apr 01, 2015, 16:52
"Mi chiedo se ti rendi conto di quanto tu sia cambiata. [...] Oh, in te era visibile la scintilla, quando sei venuta da me per la prima volta, ma tu nascondevi la tua luce, come se avessi paura di quello che sarebbe accaduto se qualcuno l'avesse ... Continua...
Pag. 257
Ha scritto il Apr 01, 2015, 16:49
"Il suo corpo è forte, ma temo che la forza della sua volontà lo sia molto di più. Lo può condurre a fare quello che nessun uomo normale potrebbe fare. Credimi, è una cosa che ho già visto, nel bene e nel male."
Pag. 176
Ha scritto il Mar 23, 2015, 14:41
Mentre scendevo le scale mi sentivo divisa in due. Da una parte c'era la fanciulla timida che aveva lavorato per i Bradford in uno stato di terrore, temendo le loro occhiate dure e le parole aspre. Dall'altra c'era Anna Firth, una donna che aveva ... Continua...
Pag. 26

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
  • 167
  • 367
  • 191
  • 36
  • 9
Aggiungi