Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Anthem

By

Publisher: Plume

3.9
(101)

Language:English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , French , Swedish , Spanish

Isbn-10: 0452281253 | Isbn-13: 9780452281257 | Publish date:  | Edition Reissue

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Audio CD , School & Library Binding , Audio Cassette , Unbound , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Do you like Anthem ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Available for the first time in trade paperback--this provocative book is "an anthem sung in praise of man's ego"--from the legendary author Ayn Rand

Anthem has long been hailed as one of Ayn Rand's classic novels, and a clear predecessor to her later masterpieces, The Fountainhead and Atlas Shrugged. In Anthem, Rand examines a frightening future in which individuals have no name, no independence, and no values. Equality 7-2521 lives in the dark ages of the future where all decisions are made by committee, all people live in collectives, and all traces of individualism have been wiped out. Despite such a restrictive environment, the spark of individual thought and freedom still burns in him--a passion which he has been taught to call sinful. In a purely egalitarian world, Equality 7-2521 dares to stand apart from the herd--to think and choose for himself, to discover electricity, and to love the woman of his choice. Now he has been marked for death for committing the ultimate sin. In a world where the great "we" reign supreme, he has rediscovered the lost and holy word--"I."
Sorting by
  • 5

    Outstanding

    I guess I just love dystopian novels. This one really got me hooked from the incipit: "It is a sin to write this" - it just forces you to go on with the reading. The whole setting, the mode of writing, the unconventional first-person plural narration, the astonishing set of rules that govern a di ...continue

    I guess I just love dystopian novels. This one really got me hooked from the incipit: "It is a sin to write this" - it just forces you to go on with the reading. The whole setting, the mode of writing, the unconventional first-person plural narration, the astonishing set of rules that govern a distant future Earth just bring you into another point of view, into another dark, blind society where everything is for the sake of the Brother, of the We, with no possible chance for the self to find his or her own way in life, their destiny already given to them at the turning of 15 years old. I don't want to spoil this amazing novel by telling you all the dynamics of the dystopian society created by Ayn Rand, so I'll just leave you with these hints. Don't you already want to read it?!

    said on 

  • 1

    (Non ho questa edizione, ma non è facile inserire un ebook...)


    Secondo me Ayn Rand ha sempre creduto più importante propagandare le sue idee piuttosto che scrivere libri. Anthem è un buon esempio (soprattutto più breve di Atlas) di questo, visto che l'idea centrale è abbastanza chiara, men ...continue

    (Non ho questa edizione, ma non è facile inserire un ebook...)

    Secondo me Ayn Rand ha sempre creduto più importante propagandare le sue idee piuttosto che scrivere libri. Anthem è un buon esempio (soprattutto più breve di Atlas) di questo, visto che l'idea centrale è abbastanza chiara, mentre la trama si trascina avanti senza effettivi sussulti, scontata, oltretutto "impreziosita" da una storia d'amore stucchevole anzichenò.
    Come se non bastasse le idee della Rand sono pure assai radicali (e esplicitate in un universo di radicalismi poco credibili) quindi difficili da digerire...

    said on 

  • 5

    Provate a immaginare di vivere in una società dove il concetto di "io"non esiste ma solo il "noi"..dove l'individuo non conta nulla, dove il nostro futuro non dipende dalle nostre capacità ma deciso, fin dal giorno della nostra nascita, dalla società. Nessuna possibilità di scelta, nessun nome, n ...continue

    Provate a immaginare di vivere in una società dove il concetto di "io"non esiste ma solo il "noi"..dove l'individuo non conta nulla, dove il nostro futuro non dipende dalle nostre capacità ma deciso, fin dal giorno della nostra nascita, dalla società. Nessuna possibilità di scelta, nessun nome, nessuno che appartiene a nessuno. Angosciante. Ma poi qualcuno da ascolto alla vocina che non può essere schiacciata con la forza..

    said on 

  • 4

    Whatever road I take, the guiding star is within me; the guiding star and the loadstone which point the way. They point in but one direction. They point to me.

    For in the temple of his spirit, each man is alone.

    said on 

  • 4

    A very powerful story about the need for individualism. It's been a long time since I read it, but it's one of those stories that stays with you. It's a fast, easy read - and one that I will most likely read again someday.

    said on 

  • 3

    [...]
    Ancora una società distopica, perlomeno con il merito di essere uno dei primi romanzi antiutopici (è del 1938) benché, si dica, forse un po' troppo simile a Noi di Evgenij Zamjatin - non posso giudicare perché non l'ho letto. Entrambi casi evidenti di critica al collettivismo comunista ...continue

    [...]
    Ancora una società distopica, perlomeno con il merito di essere uno dei primi romanzi antiutopici (è del 1938) benché, si dica, forse un po' troppo simile a Noi di Evgenij Zamjatin - non posso giudicare perché non l'ho letto. Entrambi casi evidenti di critica al collettivismo comunista russo, per cui tutti gli uomini sono uguali, ogni uomo deve essere uguale all'altro. Come in ogni distopia, siamo di fronte alla critica dell'utopia originaria, che rischia di portare conseguenze catastrofiche non previste dai propugnatori.
    [...]

    Su: http://sonnenbarke.splinder.com/post/10493334/Antifona

    said on