Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Antiche sere

Di

Editore: Bompiani

3.1
(178)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback

Isbn-10: A000028598 | Data di pubblicazione:  | Edizione 5

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace Antiche sere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    A volte sembra anche a me di aver già vissuto varie vite e di non ricordarmele più tutte - certo con qualche avventura e mucho menos mojo di Menenhetet.


    Comunque: ho faticato meno a finire l'Ulisse che questo tomo, affascinante sì, ma qua e là pesantuccio. Leggo di molti anobiani che, vuoi ...continua

    A volte sembra anche a me di aver già vissuto varie vite e di non ricordarmele più tutte - certo con qualche avventura e mucho menos mojo di Menenhetet.

    Comunque: ho faticato meno a finire l'Ulisse che questo tomo, affascinante sì, ma qua e là pesantuccio. Leggo di molti anobiani che, vuoi per lunghezza vuoi per contenuto, non sono riusciti a finirlo e mi chiedo come ho fatto io; probabilmente per pura testardaggine. E forse anche perché Mailer, americano ed ebreo del XX secolo, riesce a pensare come un egiziano pre-monoteismo, pre-peccato originale, pre-cristianesimo, pre-disincanto del mondo dall'immanenza degli dèi.

    Per una vera recensione: http://www.nybooks.com/articles/archives/1983/apr/28/norman-in-egypt/?pagination=false

    ha scritto il 

  • 2

    Piccola premessa: ho salvato questo libro dalla raccolta carta del mio vicino. Già dalle prime pagine ho capito perchè questo libro era stato destinato al macero......
    Ma veniamo alla trama: il libro descrive le quattro rincarnazione di Menehetet I attraverso duecento anni di storia dell'antico e ...continua

    Piccola premessa: ho salvato questo libro dalla raccolta carta del mio vicino. Già dalle prime pagine ho capito perchè questo libro era stato destinato al macero...... Ma veniamo alla trama: il libro descrive le quattro rincarnazione di Menehetet I attraverso duecento anni di storia dell'antico egitto. Alla prima vita vengono dedicate la bellezza di 500 e passa pagine: obiettivamente anzi oggettivamente troppe! Alle restanti tre vite vengono dedicate si o no una cinquantina di pagine. Nel complesso il libro risulta essere abbastanza noiosetto e ripetitivo. Se dovessi trovare un elemento positivo potrei dire che in alcuni punti si respira l'aria dell' Antico Egitto (in particolare la parte relativa alle divinità egezie), per il resto è aria fritta!

    ha scritto il 

  • 1

    Sono stato sconfitto.

    Lo ammetto, per la prima volta da decenni, non sono riuscito a finire un libro, mi sconfitto!!!
    Gli ho dato 1 stellina solo perche 0 stelline sarebbe stato come non esprimermi su tale accozzaglia di skifezze.
    Qualsiasi libro che nella mia libreria ha 1 stellina è INFINAMENTE più leggibile di ques ...continua

    Lo ammetto, per la prima volta da decenni, non sono riuscito a finire un libro, mi sconfitto!!! Gli ho dato 1 stellina solo perche 0 stelline sarebbe stato come non esprimermi su tale accozzaglia di skifezze. Qualsiasi libro che nella mia libreria ha 1 stellina è INFINAMENTE più leggibile di questo. Mi sono capitati altri libri "nefandi" vuoi perche scritti male o pieni di turpiloquo fine a stesso, vuoi perche la trama lasciava a desiderare. Ma mai avevo riscontrato tutti gli elementi insieme ed inoltre in un libro di 590 pagine scritto a caratteri minuscoli. Piuttosto che leggere questo romanzo consiglio le istruzioni di un qualsiasi elettrodomestico che sono sicuramente piu avvicenti!!!

    ha scritto il 

  • 3

    L'antico Egitto messo in scena dalla penna di Mailer si presenta con una veste inusuale: se l'immagine più comune che se ne ha in genere è quella delle mummie immerse nei sarcofagi in uno stato di sospensione eterna, dei reperti archeologici e delle pitture tombali sui muri delle piramidi, dal ra ...continua

    L'antico Egitto messo in scena dalla penna di Mailer si presenta con una veste inusuale: se l'immagine più comune che se ne ha in genere è quella delle mummie immerse nei sarcofagi in uno stato di sospensione eterna, dei reperti archeologici e delle pitture tombali sui muri delle piramidi, dal racconto della vita - delle molte vite in realtà - di un alto funzionario vissuto ai tempi della X dinastia, Menenhetet, emerge un'immagine molto diversa dal solito. Il romanzo si apre proprio con la scena dell'imbalsamazione raccontata dal morto stesso alle prese con l'estrema transizione, secondo il 'Libro dei morti', raccolta di preghiere e riti legati alla vita ultraterrena. Uno spettro vagola nella necropoli di Giza: è quello del protagonista, Menenhetet III, e incontra l'omonimo, suo bisnonno Menenhetet I, che diventa a sua volta protagonista lasciando al discendente il ruolo di narratore: oltre a condividere il nome infatti le due anime hanno molto più di un vincolo di parentela, perchè il più giovane è la reincarnazione del suo avo e le loro menti sono collegate da una sorta di condivisione di pensieri, sensazioni e desideri, attraverso il rapporto comune con Hathfertiti, insieme nipote e madre.

    Continua su: http://www.lastambergadeilettori.com/2012/01/antiche-sere-norman-mailer.html

    ha scritto il 

  • 3

    una storia dall'antico Egitto, piena di odori sapori e colori, con una forte componente di sensualità ma un po' sospesa e inconcludente.


    si legge bene ma la trama sembra evanescente, soprattutto nel finale!
    interessante la rivisitazione in stile moderno del mito di Iside e Osiride ripreso ...continua

    una storia dall'antico Egitto, piena di odori sapori e colori, con una forte componente di sensualità ma un po' sospesa e inconcludente.

    si legge bene ma la trama sembra evanescente, soprattutto nel finale! interessante la rivisitazione in stile moderno del mito di Iside e Osiride ripreso dai papiri egizi!

    ha scritto il 

  • 0

    un’immagine dell’età dei faraoni tra il truculento e il magico

    Lo ricorderò perché, straneato dalle fin troppe pagine di battaglie, amplessi e intrighi, mi rimarrà per sempre la sua rappresentazione di quell'età, tra il truculento e il magico, che è ben più ricca delle pur sontuose scene di "Cleopatra".

    ha scritto il 

  • 0

    Senza parole

    Ho inserito questo libro in libreria (purtroppo c'è anche fisicamente, non ho ancora trovato un nemico a cui donarlo) solo per recensirlo: Pessimo ! uno dei 3 libri in vita mia che ho abbandonato di proposito. Leggo nel sottotitolo "Riti e orge nell'Egitto dei Faraoni" Mi son perso le orge ??? !! ...continua

    Ho inserito questo libro in libreria (purtroppo c'è anche fisicamente, non ho ancora trovato un nemico a cui donarlo) solo per recensirlo: Pessimo ! uno dei 3 libri in vita mia che ho abbandonato di proposito. Leggo nel sottotitolo "Riti e orge nell'Egitto dei Faraoni" Mi son perso le orge ??? !! poco male, secondo il mio gusto ho resistito anche troppe pagine.

    ha scritto il 

  • 3

    A parte la scomoda assenza di televisioni e giornali da comprare, era l'epoca in cui avrei voluto vivere(beh anche come Re Sole non mi vedevo male), le orge del Faraone, nulla di più confacente alla mia persona.

    ha scritto il