Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Antigone - Edipo re

I classici del pensiero libero Greci e latini, 3

By Sofocle

(232)

| Paperback

Like Antigone - Edipo re ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Testo greco a fronte.

10 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Contro il cinismo dell'ateo moderno

    [EDIPO RE]

    Da un pò che non lo leggevo, ripreso in mano dopo la lettura de La morte della Pizia di Durrenmatt.

    Per noi sciatti moderni, cinici e sintetici, suona meglio lo svizzero che Sofocle. Il che, credo, non deve far gridare allo scan ...(continue)

    [EDIPO RE]

    Da un pò che non lo leggevo, ripreso in mano dopo la lettura de La morte della Pizia di Durrenmatt.

    Per noi sciatti moderni, cinici e sintetici, suona meglio lo svizzero che Sofocle. Il che, credo, non deve far gridare allo scandalo: ma nemmeno far pensare a qualcuno di riscrivere l'Edipo Re in salsa pop, stile moderno.

    Baricco, sì, mi rivolgo a te. E pure a tutti i bariccanti barocchi che s'aggirano pretenziosi nell'aere letterario.

    Colgo l'occasione per citare lo straordinario explicit dell'opera, pietra tombale sull'aspirazione umana di fabbricarsi da sé la propria felicità:

    Fissa il tuo occhio al giorno estremo e non dire felice uomo mortale, prima che abbia varcato il termine della vita senza aver patito dolore.

    E calò il sipario. Applausi.

    **********************************************************

    [ANTIGONE]

    Prima lettura. Interessante, ma la storia di Edipo è ben più complessa, enigmatica, universale. Attraente nella sua sdrucciolevole ambiguità.

    Qui tutto s'impernia intorno al dubbio su quali legge convenga osservare: quelle umane o quelle divine. E Antigone, figlia del disgraziatissimo Edipo, rigetta le prime abbracciando le seconde, seppellendo il cadavere del fratello (che s'era ribellato alla città di Tebe) contro le disposizioni del re della città, lo zio Creonte, sapendo perfettamente di andare incontro alla morte.

    Per noi cinici atei moderni la risposta sarebbe stata scontata e immagino poche Antigone farsi avanti fra la folla. Siamo ancora figli di Hegel dopotutto. E dello Stato, superiore a Dio.

    Sul fatto, poi, che sia il primo che il secondo stiano battendo, in questi anni, in ritirata, non mi pronuncio.

    Comunque, dato l'ambiente familiare, non sorprende che tutto finisca nel sangue, visto che alla fine muoiono tutti. Tanto per ricordarci che Shakespeare con l'Amleto non ha inventato niente.

    Così come Tarantino con le Iene (chiusura pop).

    Is this helpful?

    Dvd (ora su smartphone > non capisce > nokia 3310?) said on Mar 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ma nessuno mi ferì gli occhi
    con le sue mani:
    io sono stato, io, sciagurato!
    Perché mai vedere ancora,
    se nessuna dolcezza
    più potrebbe dilettare
    i miei occhi?

    Is this helpful?

    Macbetto said on Aug 10, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Due testi meravigliosi

    Ho trovato entrambi i testi meravigliosi.
    Non conoscevo 'Antigone', ma ne ho apprezzato la struttura, la scrittura, i dialoghi e, ovviamente, i personaggi descritti mirabilmente per mezzo delle proprie idee e azioni.
    Avevo già letto 'Edipo re' e, in ...(continue)

    Ho trovato entrambi i testi meravigliosi.
    Non conoscevo 'Antigone', ma ne ho apprezzato la struttura, la scrittura, i dialoghi e, ovviamente, i personaggi descritti mirabilmente per mezzo delle proprie idee e azioni.
    Avevo già letto 'Edipo re' e, in questa rilettura, ho apprezzato ancora di più la maestria con cui la tragedia viene descritta, il dipanarsi dell'equivoco, la consapevolezza del protagonista che culmina in pura disperazione e l'immortalità di questa vicenda.
    Insomma, entrambe le tragedie vanno lette assolutamente, non sono per nulla pesanti e lasciano nel lettore un sentimento di pura ammirazione per Sofocle.

    Is this helpful?

    Claudio said on Jul 17, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Conflitto totale: l'etica di Antigone

    Il nucleo della tragedia greca è il conflitto. Non il dolore, non la morte, non la punizione: essi ne sono la conseguenza. Il dramma nasce da uno scontro che può riguardare le intenzioni, i sentimenti, le civiltà, la morale, l'orgoglio. Le tragedie p ...(continue)

    Il nucleo della tragedia greca è il conflitto. Non il dolore, non la morte, non la punizione: essi ne sono la conseguenza. Il dramma nasce da uno scontro che può riguardare le intenzioni, i sentimenti, le civiltà, la morale, l'orgoglio. Le tragedie più riuscite sono, infatti, quelle in cui i conflitti si manifestano in maniera più forte, dimostrandosi insolubili, non permettendoci di prendere una posizione chiara in favore di una o dell'altra parte. La morte e la punizione costituiscono quasi sempre l'esito di una vicenda tragica, ma non sono necessariamente presenti. Antigone è senza dubbio uno dei drammi che meglio inscenano il conflitto tragico. Il dramma di Sofocle, presentato alle Grandi Dionisie del 442 a.C., inscena l'epilogo della saga mitica tebana, apertasi con le note vicende di Edipo; costui è ormai morto e il trono di Tebe è divenuto oggetto di contesa fra i due figli maschi da lui generati con la madre Giocasta. In un sanguinoso scontro presso le porte della città, Eteocle, regnante in carica, e Polinice, che cinge d'assedio Tebe, si danno la morte vicendevolmente; a causa della gravità dell'affronto di Polinice, Creonte, fratello di Giocasta, decreta che solo Eteocle debba ricevere onori funebri, mentre Polinice dovrà essere lasciato allo scempio delle bestie. Ma Antigone non può permettere che il corpo del fratello sia esposto alla vergogna e condannato a non trovare la pace eterna e, sola, senza nemmeno il supporto della sorella Ismene, offre al morto una simbolica sepoltura e una libagione funebre. Scoperta dalle guardie e condotta di fronte al giudizio di Creonte, ella rimane irremovibile nella sua decisione di onorare Polinice, votandosi al destino di morte stabilito dal reggente, il quale sostiene che le ragioni delle leggi familiari e dei riti divini (tali erano considerati, infatti, gli onori tributati ai defunti) non possano in alcun modo avere la meglio sulle leggi cittadine, poiché in tal caso lo stesso fondamento della correttezza, dell'ordine pubblico e della stessa salvezza della comunità verrebbero sovvertiti. Antigone viene murata in una grotta e destinata a morire di fame, ma la sorte del re tebano non sarà migliore.
    La tragedia si nutre di diversi conflitti: quello che costituisce il fulcro del dramma, si consuma fra Antigone e Creonte, ed è un conflitto totale: donna contro uomo, giovane contro vecchio, ma, soprattutto, leggi non scritte della pietas (devozione alla famiglia e agli dei) e leggi scritte della città. Ogni aspetto della vita umana è messo sotto pressione, incrinato, stirato e lacerato nei versi in cui la ragazza e lo zio si affrontano.

    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2013/06/conflitto-…

    Is this helpful?

    Cristina - Athenae Noctua said on Jun 19, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (232)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 217 Pages
  • Publisher: RCS Quotidiani
  • Publish date: 2012-03-08
Improve_data of this book

Margin notes of this book