Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Antologia di Spoon River

Di

Editore: Giunti Demetra

4.4
(7935)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 188 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 884402215X | Isbn-13: 9788844022150 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Quattrone

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Cofanetto , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Fiction & Literature , Foreign Language Study , Philosophy

Ti piace Antologia di Spoon River?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    « Molte volte ho studiato
    la lapide che mi hanno scolpito:
    una barca con vele ammainate, in un porto.
    In realtà non è questa la mia destinazione
    ma la mia vita.
    Perché l’amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno;
    il dolore bussò alla mia porta, e io eb ...continua

    « Molte volte ho studiato
    la lapide che mi hanno scolpito:
    una barca con vele ammainate, in un porto.
    In realtà non è questa la mia destinazione
    ma la mia vita.
    Perché l’amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno;
    il dolore bussò alla mia porta, e io ebbi paura;
    l’ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti.
    Malgrado tutto avevo fame di un significato nella vita.
    E adesso so che bisogna alzare le vele
    e prendere i venti del destino,
    dovunque spingano la barca.
    Dare un senso alla vita può condurre a follia
    ma una vita senza senso è la tortura
    dell’inquietudine e del vano desiderio –
    è una barca che anela al mare eppure lo teme. »
    Lasciate che vi racconti una storia. Siamo in Italia, negli anni del fascismo. Una “ragazzina” chiede a un importante scrittore di spiegarle la differenza tra letteratura inglese e letteratura americana. Lavorano insieme, per la stessa casa editrice. Una casa editrice il cui direttore editoriale sarà torturato e ucciso dai nazisti nel 1944, dopo essere stato scoperto a pubblicare clandestinamente il giornale di Giustizia e libertà. È questo il clima in cui la ragazza pone la sua buffa domanda, la cui risposta oggi ci appare così scontata.

    Il grande scrittore si passa la pipa dall’altra parte della bocca per nascondere un sorriso e non risponde. Una mattina, porta alla ragazza un libro. Si intitola Spoon River Anthology. Lei lo apre, “proprio alla metà”, e resta folgorata da due versi: « mentre la baciavo con l’anima sulle labbra, l’anima d’improvviso mi fuggì ». Colta da un impulso irrefrenabile, comincia a tradurlo in italiano. Per parecchi anni traduce e traduce gli stessi ritratti, finché sono ormai parte di lei. Un giorno, lo scrittore le trova il manoscritto con le traduzioni in un cassetto. Lei si vergogna, aspetta “con un gran batticuore” che lui dica qualcosa. Ma lui dice solo: « Allora ha capito che differenza c’è tra la letteratura americana e quella inglese », e si porta via il manoscritto.

    Nel 1943, quello scrittore, Cesare Pavese, e quella ragazzina, Fernanda Pivano, curano la prima edizione italiana del capolavoro di Masters, che esce con il titolo di Antologia di S. River, ammiccamento a un improbabile Santo, al quale la censura concede il lasciapassare. Salvo poi rimangiarselo qualche giorno dopo e sequestrare il libro per “immoralità della copertina” – una copertina bianca orlata di verde.
    Se oggi la differenza tra letteratura inglese e letteratura americana ci appare così scontata, pensiamo a quei due truffatori, Pavese e la Pivano, che per primi portarono in Italia non soltanto Edgar Lee Masters, ma Melville, Whitman, Hemingway, Fitzgerald, Kerouac… Portarono il mondo da noi, portarono noi nel mondo.

    L’Antologia di Spoon River ha un doppio cuore: un cuore pulsante di poesia e un cuore pulsante di narrativa. In versi, infatti, vengono narrate le sorti degli abitanti di Spoon River, immaginario paese americano traversato dal fiume Spoon. Sono gli abitanti stessi, dal cimitero sulla collina, a narrare la propria vita o soltanto un momento di essa, a raccontare la storia di qualcun altro, a offrire un giudizio definitivo ma incompleto sulla propria esperienza terrena. Gli abitanti di Spoon River si compongono epitaffi, ognuno secondo le proprie capacità. Ci sono epitaffi sublimi ed epitaffi scialbi, quelli che strappano un sorriso e quelli che strappano una lacrima, quelli che avvincono e quelli che lasciano completamente indifferenti. La genialità di Masters consiste in questo: nell’umiltà di aver messo in bocca le parole giuste per ciascuno. Il poeta non cerca di impressionare con la propria tecnica, non compone una raccolta di soli pezzi magnifici, non sceglie soltanto i frutti migliori. No, egli lascia che la vita entri nella poesia in tutte le sue sfaccettature, da quelle più lustre a quelle più opache. Così la sua poesia e i suoi personaggi sono davvero vivi.
    Credo che Edgar Lee Masters mi abbia insegnato che anche la poesia è racconto. Credo che, senza di lui, avrei impiegato molto più tempo per capirlo. La poesia è un modo per parlare della vita e del mondo, non soltanto ed egoisticamente della nostra vita e del nostro mondo interiore. Solo in questo modo la poesia può diventare davvero generosa e umana.
    Sono tanti, troppi, i componimenti che mi hanno lasciato qualcosa, i personaggi femminili specialmente. La traduzione della Pivano è bella, davvero, ma è il testo originale a fronte a rendere straordinaria l’esperienza di lettura, permettendo al lettore di assaporare il ritmo e la grana del verso.
    È un libro che regalerei a quelli che dicono – sì, esistono – « Io non leggo poesia, non mi piace ».
    Esiste tanta altra poesia rispetto all’oscura – e tuttavia magnifica – Ginestra leopardiana, tanta poesia che aspetta di aprire i nostri occhi alla bellezza.

    ha scritto il 

  • 3

    http://despuesdelnaufragio.blogcindario.com/2014/11/01650-antologia-de-spoon-river-edgar-lee-masters.html


    Un territorio de leyenda, un cementerio en un pequeño pueblo norteamericano, la voz de los muertos que repasan sus vidas, sus anhelos, sus victorias y derrotas, sus amores inocentes, s ...continua

    http://despuesdelnaufragio.blogcindario.com/2014/11/01650-antologia-de-spoon-river-edgar-lee-masters.html

    Un territorio de leyenda, un cementerio en un pequeño pueblo norteamericano, la voz de los muertos que repasan sus vidas, sus anhelos, sus victorias y derrotas, sus amores inocentes, sencillos, desgraciados o dolorosos, los borrachos y perdedores, los poe

    ha scritto il 

  • 3

    Il fascino della morte, inscindibilmente legato a quello della vita

    Una raccolta affascinante di pensieri a cuore aperto. Penso che sia giusto leggerlo con calma, magari alternandolo ad una lettura più canonica. Non sono riuscito sempre a seguire il legame tra i personaggi, ma questo non mi ha impedito di apprezzarne il valore.

    ha scritto il 

  • 4

    bisogna coglierne l'essenza!

    Non smetterò Mai di ringraziare la mia professoressa di inglese del liceo. Una raccolta di poesie / racconti che a me é piaciuto tantissimo tanto da meritare un discorso nella mia tesina di quinto. È un libro che se letto superficialmente vi annoierá, ma provate a coglierne l'essenza e vi rimarr ...continua

    Non smetterò Mai di ringraziare la mia professoressa di inglese del liceo. Una raccolta di poesie / racconti che a me é piaciuto tantissimo tanto da meritare un discorso nella mia tesina di quinto. È un libro che se letto superficialmente vi annoierá, ma provate a coglierne l'essenza e vi rimarrà impresso! Se vi Piace il cantautore Fabrizio De André avete un motivo in più per leggerlo perche proprio lui quando aveva diciotto anni si ispirò alla vita di alcuni personaggi di spoon river e ne ha fatto delle canzoni racchiuse nell'album: non al denaro non all'amore né al cielo! Adoro!

    ha scritto il 

  • 5

    Tutti hanno un epitaffio

    Lessi per la prima volta alcune poesie alle elementari... non ho più smesso. Forse proprio l'atmosfera crepuscolare di questa raccolta fa' sì che tutti, in varie fasi della propria vita possano tornare a specchiarsi su queste lapidi.

    ha scritto il 

  • 5

    Si dice che ognuno possa trovare l'epitaffio di Spoon River che lo riguarda...

    ...il mio è Non ero amato dagli abitanti del villaggio,
    tutto perché dicevo il mio pensiero,
    e affrontavo quelli che mancavano verso di me
    con chiara protesta, non nascondendo né nutrendo
    segreti affanni o rancori.
    È assai lodato l'atto del ragazzo spartano,
    ch ...continua

    ...il mio è Non ero amato dagli abitanti del villaggio,
    tutto perché dicevo il mio pensiero,
    e affrontavo quelli che mancavano verso di me
    con chiara protesta, non nascondendo né nutrendo
    segreti affanni o rancori.
    È assai lodato l'atto del ragazzo spartano,
    che si nascose il lupo sotto il mantello,
    lasciandosi divorare, senza lamentarsi.
    È più coraggioso, io penso, strapparsi il lupo dal corpo
    e lottare con lui all'aperto, magari per strada,
    tra polvere e ululi di dolore.
    La lingua è magari un membro indisciplinato —
    ma il silenzio avvelena l'anima.
    Mi biasimi chi vuole — io son contento.
    -- Edgar Lee Masters (scheda)
    da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-14232>

    ha scritto il 

Ordina per