Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Arcobaleno

Di

Editore: Feltrinelli

3.6
(1913)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 135 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Portoghese , Giapponese

Isbn-10: 8807818558 | Isbn-13: 9788807818554 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Alessandro Giovanni Gerevini

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Travel

Ti piace Arcobaleno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Orfana del padre, Eiko vive con la madre e la nonna, proprietarie di un ristorante. Finito il liceo, la giovane decide di trasferirsi a Tokyo e trova un'occupazione in un ristorante indonesiano, l'Arcobaleno. Alla morte delle due donne, si ritrova completamente sola. Per vincere il dolore della perdita, Eiko si concentra completamente sul suo lavoro. Il signor Takada, proprietario dell'Arcobaleno, si dimostra molto solidale e comprensivo con lei e le propone di aiutare la moglie incinta nella conduzione domestica. Questo nuovo impegno,a contatto con un ambiente in apparenza tranquillo, consente a Eiko di riprendersi. Ma presto si accorge di quanto siano orribili i rapporti tra il marito e la moglie, fatti di bugie e tradimenti.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Mah, che dire. Come ogni libro di questa autrice devo assorbirlo un pò per capire se mi piace o meno. <br />Uno dei pochi casi in cui il finale è limpido e a lieto fine, mi sono sentita particolarmente partecipe quando vengono narrati l'amore e gli episodi che coinvolgono gli animali.<br ...continua

    Mah, che dire. Come ogni libro di questa autrice devo assorbirlo un pò per capire se mi piace o meno. <br />Uno dei pochi casi in cui il finale è limpido e a lieto fine, mi sono sentita particolarmente partecipe quando vengono narrati l'amore e gli episodi che coinvolgono gli animali.<br />Come sempre però Banana sa emozionarmi e stupirmi nel giro di due righe.

    ha scritto il 

  • 1

    Non è il suo peggiore (per quello ci si deve rivolgere ad "A Proposito Di Lei"), anche perché, tra le pagine, qualche momento di fosforo lo si trova e perché gli ambienti marini, caraibici ed esotici vengono raccontati alla perfezione, immergendo il lettore in un clima torrido e di assoluto relax ...continua

    Non è il suo peggiore (per quello ci si deve rivolgere ad "A Proposito Di Lei"), anche perché, tra le pagine, qualche momento di fosforo lo si trova e perché gli ambienti marini, caraibici ed esotici vengono raccontati alla perfezione, immergendo il lettore in un clima torrido e di assoluto relax. Tuttavia, ha il pericolo dell'inutilità: la narrazione è inconsistente e si dimentica ciò che è appena successo durante la lettura. Forse perché, effettivamente, poco succede.

    Non è minimalismo, è inconsistenza pura. La lettura scorre veloce, ma scivola addosso alla pelle, senza lasciare alcuna traccia.

    è meno peggio di "A Proposito Di Lei", dicevo. Eppure, mentre quel romanzo (a fatica) ero riuscito a finirlo, questo -colpa il tedio che questo romanzo di niente scatena- a dieci pagine della fine, ho deciso di arrendermi.

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero un arcobaleno di emozioni!

    "Arcobaleno" è stato scritto dall'autrice Giapponese Banana Yoshimoto nel 2002 e pubblicato in Italia da Feltrinelli nel 2003 nella collana i Canguri.
    La sua trama parla di Eiko una ragazza che lascia a zona natia, zona di mare, dove è nata e cresciuta e dove la sua famiglia gestiva un ristorante ...continua

    "Arcobaleno" è stato scritto dall'autrice Giapponese Banana Yoshimoto nel 2002 e pubblicato in Italia da Feltrinelli nel 2003 nella collana i Canguri. La sua trama parla di Eiko una ragazza che lascia a zona natia, zona di mare, dove è nata e cresciuta e dove la sua famiglia gestiva un ristorante per trasferirsi a Tokyo e lavorare in un ristorante Tahitiano. Dopo la morte della nonna e della mamma Eyko non regge più i suoi ritmi di vita e il gestore del suo ristorante le concede un periodo di riposo facendola lavorare come domestica nella sua casa prima poi lasciandole del tempo libero per farle fare un viaggio proprio a Tahiti. In questo periodo di tempo Eiko si rende conto dei suoi reali sentimenti verso le persone che la circondano e del loro modo di vivere.

    Questo libro è un continuo avvicendarsi di racconti della vita di Eiko fino al momento in cui parte per il suo viaggio a Tahiti e di momenti della sua vacanza in cui analizza e mette a fuoco il suo modo di essere e il suo modo di approcciarsi alla vita, alle emozioni e alla realtà. Prende delle posizioni rispetto a tutto quello che è ed è stata la sua vita fino a quel momento perché capisce che la bellezza della vita sta nello stupirsi e nel godere prima di tutto della meraviglia che ci danno le piccole cose. E' così bello vedere i colori e la vivacità di quei posti incantati e puri attraverso la vista inizialmente annebbiata e poi man mano più vivida e vivace di Eiko. Una Eiko che potremmo in realtà essere noi in prima persona. Spesso ci si appanna la visione della vita e non ce ne rendiamo conto perdendo di vista gli obbiettivi primari della nostra felicità. Un libro che non sai come va a finire fino all'ultima pagina perché come solo Banana Yoshimoto sa fare, un momento ci da un colpetto di malinconia, un altro di ottimismo...

    Due frasi che ho trovato stupende in questo libro:

    "A me succede sempre così. Quando mi accorgo delle mie emozioni, all'inizio non riesco mai a mettere a fuoco la situazione. Solo dopo che la confusione si è trasformata in immagini, allora tutto mi appare chiaro. No si tratta di stupidità, ma della prova che il mio animo non è corrotto, una cosa di cui vado orgogliosa. Il trucco sta nell'abbandonarmi al torpore fintanto che non prendo coscienza, attendendo senza scuotermi di risvergliarmi spontaneamente. Solo quello che emerge in quel momento rappresenta la mia verità."

    "Per me i veri angeli sono le persone che in certi momenti compaiono all'improvviso a dare luce alla vita."

    ha scritto il 

  • 5

    Emozionante

    Ho trovato questo piccolo romanzo davvero ben strutturato. Un racconto in prima persona che attraverso i flash back ti fa comprendere le vicende della protagonista.
    Non ci sono grandi vicende, ma tanto cuore, tanto amore e passione per il lavoro.
    E' la storia della crescita e del cambiamento di u ...continua

    Ho trovato questo piccolo romanzo davvero ben strutturato. Un racconto in prima persona che attraverso i flash back ti fa comprendere le vicende della protagonista. Non ci sono grandi vicende, ma tanto cuore, tanto amore e passione per il lavoro. E' la storia della crescita e del cambiamento di una giovane donna, della sua rinascita dopo un difficile periodo. Ho trovato alcuni punti troppo lenti e superflui. Il romanzo è breve, 134 pagine, ma sarebbe stato perfetto se, magari, avesse avuto qualche pagina in meno. Sicuramente consigliato!

    ha scritto il 

  • 5

    Quando ho iniziato a leggere “Arcobaleno” non mi piaceva per niente, le pagine iniziali non riuscivano a coinvolgermi, mi sembrava di ritrovarmi di fronte all’ennesima produzione di questa autrice in cui la protagonista è una ragazza alla ricerca del suo equilibrio perso in seguito alla morte di ...continua

    Quando ho iniziato a leggere “Arcobaleno” non mi piaceva per niente, le pagine iniziali non riuscivano a coinvolgermi, mi sembrava di ritrovarmi di fronte all’ennesima produzione di questa autrice in cui la protagonista è una ragazza alla ricerca del suo equilibrio perso in seguito alla morte di una persona a lei cara. Ma avanzando pian piano con fare incerto tra le pagine iniziali sono rimasta colpita da Eiko, l’unica protagonista che per ora è stata in grado di colpirmi più di chiunque altra racchiusa nelle delicate e preziose storie di Mahoko Yoshimoto. E’ un personaggio davvero affascinante, secondo una mia personale impressione oserei dire che questa giovane giapponese ha un carattere non solo di tipo orientale ma anche occidentale e forse è proprio questo ad avermi conquistato. Inoltre anche l’ambientazione è incantevole, la descrizione dei luoghi visitati da Eiko a Tahiti sono talmente accurate da riuscire a trasportare il lettore in quei posti meravigliosi. Ancora una volto Mahoko Yoshimoto, più famosa come Banana Yoshimoto, ancora una volta ci ha regalato una storia meravigliosa in cui secondo un mio modesto parare l’amore è più tangibile e visibile che nelle sue altre opere. A tutti i fedeli lettori di questa autrice consiglio di non lasciarselo scappare e mi sento in dovere di consigliare lo stesso anche a coloro che hanno deciso d’iniziare a leggere qualche opera di questa tanto acclamata scrittrice.

    Voto: 9/10

    ha scritto il 

Ordina per