Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Are You Alice? vol. 1

Di ,

Editore: RW - Goen (Velvet Collection, 01)

4.1
(53)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Giapponese , Chi tradizionale

Isbn-10: 8897349722 | Isbn-13: 9788897349723 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels , Science Fiction & Fantasy , Travel

Ti piace Are You Alice? vol. 1?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un giovane, che porta il nome di "Alice" vaga nella terra fantastica di "Wonderland", e partecipa al "Gioco per uccidere il Coniglio Bianco". In questo mondo assurdo, dove il non sense comanda, il ragazzo decide di opporsi agli ordini della Regina di Cuori e impugna una pistola per ribellarsi.
Ordina per
  • 4

    Intrigante e interessante allo stesso tempo. È un modo molto alternativo di raccontare la storia di Alice nel paese delle meraviglie; e proprio per questo è stuzzicante. Possono esserci gli stessi personaggi, ma se Alice diventa un ragazzo, già qui cambia tutto. Il problema di fondo rimane sempre ...continua

    Intrigante e interessante allo stesso tempo. È un modo molto alternativo di raccontare la storia di Alice nel paese delle meraviglie; e proprio per questo è stuzzicante. Possono esserci gli stessi personaggi, ma se Alice diventa un ragazzo, già qui cambia tutto. Il problema di fondo rimane sempre quello: sono davvero Alice o no? Ma è tutto il resto che cambia. Credevo che un cambiamento così drastico non mi sarebbe piaciuto molto, tuttavia mi sbagliavo. La storia è coinvolgente e, allo stesso tempo, piena di mistero. Moltissime domande ti assalgono nel primo volume, ma solo pochissime di quelle hanno risposta. La cosa per me eccezionale, in questi manga che richiamano la storia di Alice, è come facciano apparire lo Stegatto così affascinate! Nella storia originale, non è molto presente, ma qui e in altri fumetti, il personaggio che mi attira sempre di più è proprio lo Stregatto. È ambiguo e ammaliante allo stesso tempo, sempre molto provocante, ma anche riservato e pieno di buoni sentimenti (nascosti sotto un velo di allegria e pazzia fuori dal comune).
    Insomma, per chi ama questa storia e vuole vederla sotto una luce diversa o anche per chi vuole ritornare nel paese delle meraviglie per un'altra via, questo è il fumetto adatto. Io lo consiglio vivamente.

    ha scritto il 

  • 2

    Disegni molto belli, ma la storia sembra insistere su una serie di domande senza risposta, che se nelle intenzioni dovrebbero intrigare il lettore, nella pratica lo lasciano tra l'annoiato e il perplesso.
    Peccato.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    "Sei Alice?"
    "Sono tutto quello che vuoi se mi dai dei soldi e un posto di lavoro ben retribuito e a tempo indeterminato."

    Questa in soldoni la trama di questo primo numero, in cui un giovane (e mi si permetterà anche piuttosto avvenente) fanciullo bianco azzurro vestito (mise che pu ...continua

    "Sei Alice?"
    "Sono tutto quello che vuoi se mi dai dei soldi e un posto di lavoro ben retribuito e a tempo indeterminato."

    Questa in soldoni la trama di questo primo numero, in cui un giovane (e mi si permetterà anche piuttosto avvenente) fanciullo bianco azzurro vestito (mise che può star bene solo ai protagonisti dei manga e a Maradona) che non ricorda il suo nome viene chiamato Alice dal primo gatto stronzo che passa, mai visto prima, e da quel momento in poi dopo le prime reticenze capisce che gli conviene più essere Alice piuttosto che Pirlasenzanome.

    Accompagnato dal Cappellaio Matto al cospetto della regina di cuori gli viene data la missione di uccidere il bianconiglio in cambio del suddetto posto di lavoro e del titolo ufficioso di Alice in Wonderland.

    Perchè? Ah, boh?
    Si vedrà poi, spero...

    ha scritto il