Armance

Di

Editore: Rizzoli (BUR)

3.5
(172)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 221 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 8817038539 | Isbn-13: 9788817038539 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Piero Bianconi ; Prefazione: Francesco Spandri

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura

Ti piace Armance?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    La spietata analisi di una costruzione sociale giunta al termine della sua storia

    Armance è il primo romanzo scritto da Stendhal. Pubblicato nel 1827, è sicuramente un’opera più acerba dei tre grandi romanzi della maturità, ma contiene in sé tutti gli elementi formali e di contenut ...continua

    Armance è il primo romanzo scritto da Stendhal. Pubblicato nel 1827, è sicuramente un’opera più acerba dei tre grandi romanzi della maturità, ma contiene in sé tutti gli elementi formali e di contenuto che fanno di Stendhal uno dei scrittori più rivoluzionari della storia della letteratura, per la sua capacità di analizzare e criticare la società in cui vive, per la sua dichiarata convinzione che i rapporti sociali determinati dalle effettive condizioni materiali ed economiche fondano e condizionano l’organizzazione sociale, il comportamento dei singoli e i rapporti interpersonali.
    Anche da un punto di vista formale e stilistico, questo romanzo d’esordio - in realtà Stendhal ha già 44 anni, ed ha già alle spalle una vita da funzionario napoleonico nonché la pubblicazione di saggi e scritti sull’Italia, sulla musica e sulla letteratura – ci permette subito di entrare in quell’atmosfera di scrittura essenziale, cronachistica, da molti percepita come letterariamente sciatta, che caratterizza i romanzi del nostro, e che lo ha fatto contrapporre da sempre, soprattutto nel cuore dei francesi, al quasi contemporaneo maestro indiscusso della bella pagina, Flaubert. Scherzando (ma non troppo) si potrebbe dire che la divisione che esiste in Francia tra stendhaliani e flaubertiani assume la stessa importanza che nel nostro paese ha quella tra chi preferisce il panettone e chi il pandoro: ogni paese ha le spaccature culturali che si merita in base alla propria storia.
    Personalmente, pur non disprezzando affatto la bellezza della pagina flaubertiana, ritengo che lo stile di Stendhal sia la diretta conseguenza, quasi programmatica della piena coscienza che egli ha della funzione politica della letteratura: parafrasando Von Clausewitz, ritengo si possa dire che per Stendhal la letteratura non è che la continuazione della politica con altri mezzi. Come giustamente dice Piergiorgio Bellocchio nella breve ma preziosa prefazione a questa vecchia edizione Garzanti del romanzo (prefazione su cui tornerò) il romanzo costituisce per Stendhal … lo strumento capace di connettere i suoi molti interessi e di analizzare e soddisfare i suoi bisogni più intimi. E’ indubbio che gli interessi di Stendhal in quegli anni siano soprattutto legati alla necessità di analizzare la società in cui viveva, la Francia della restaurazione post-napoleonica, che lo aveva emarginato (vivrà sino al 1822 a Milano) in quanto organico al passato regime, in quanto repubblicano di antica fede, in quanto in definitiva potenzialmente sovversivo. La pagina di Stendhal deve quindi essere essenziale, non badare alla forma se vuole essere reale, se vuole trasmettere quanto più direttamente possibile il contenuto politico delle storie che narra.
    La storia di Armance è, secondo i canoni più ortodossi del romanticismo, la storia dell’amore infelice tra due giovani: Armance de Zohiloff, ragazza povera di origini russe che è stata accolta nella casa della zia, la brillante e nobile M.me de Bonnivet, e Octave, visconte di Malivert, suo cugino, rampollo di una delle famiglie più antiche di Francia. Questa semplice cornice, che – soprattutto agli occhi del lettore contemporaneo potrebbe apparire convenzionale – è distorta da due elementi di grande importanza per lo sviluppo del romanzo, che certamente rappresentarono i motivi per cui il romanzo fu quasi ignorato all’epoca ma che oggi ne testimoniano la grandezza. Il primo è che Stendhal ambienta la storia nel 1827, come esplicitamente riportato nel sottotitolo. Egli quindi scrive in presa diretta, descrive i salotti dell’aristocrazia restaurata, analizza la loro fatuità, il revanchismo nei confronti della borghesia, il loro vano opporsi all’inevitabile dominio della ricchezza rispetto alla nascita, il loro essere a loro volta ormai schiavi del denaro nel momento stesso in cui queste cose accadono, in cui le certezze seguite alla restaurazione del 1815 stanno lasciando il passo al presentimento di ciò che accadrà nel luglio 1830. Il secondo elemento di meraviglioso realismo della storia, che all’epoca fu senza dubbio percepito come eccessivamente scabroso, sta nell’impotenza sessuale di Octave.
    Octave de Malivert è in assoluto il vero protagonista del romanzo, rispetto al quale la figura di Armance non assume altro ruolo che quello di spalla, di strumento per poter dispiegare compiutamente l’analisi del dramma psicologico e sociale del giovane visconte. Egli è la plastica rappresentazione dell’impotenza dell’aristocrazia, formalmente di nuovo al potere, di arrestare l’avanzata dei tempi nuovi,di fermare il suo annientamento in quanto classe dominante.
    L’impotenza sessuale di Octave, mai dichiarata apertamente da Stendhal e anche contraddetta nel finale ma facilmente deducibile da una serie di indizi sparsi nel racconto, è la metafora della sua impotenza ad uscire dalle contraddizioni oggettive in cui il suo essere un rappresentante dell’aristocrazia in quel preciso momento storico lo pone. Octave è un ribelle, legge i libri proibiti degli illuministi, le riviste giacobine. Sa perfettamente che l’aristocrazia a cui appartiene così com’è non ha futuro. Ormai, ci dice in una delle sue tante riflessioni, essa fonda il proprio potere solo sulla necessità di difendersi dagli assedianti e non più su una leadership culturale e morale sulla società intera. D’altro canto egli è anche perfettamente consapevole che la borghesia, fondando il potere sul denaro e l’arricchimento personale, spinge il mondo verso una nuova, sconosciuta volgarità. Infatti l’aristocrazia, pur aborrendo la borghesia e gli arricchiti dalla rivoluzione, ha ormai assorbito da questi ultimi la piena coscienza che il potere è strettamente legato al possesso del denaro, più che ai diritti di nascita. Per questo nei primi capitoli del romanzo Octave, con le sue idee giacobine prima mal sopportate in società, diverrà una star dei salotti nel momento in cui, grazie all’approvazione di una legge di risarcimento dei nobili, entrerà in possesso di una considerevole fortuna. Allora le sue idee, il suo comportamento scostante verranno letti come elementi di brillantezza, e le madri faranno a gara per proporgli una figlia in moglie.
    Armance, sottilmente disprezzata in società in quanto povera, è l’unica che apprezza Octave per quello che è, e fatalmente i due finiranno per innamorarsi. Questo amore, però, non viene dichiarato. Octave, a causa del suo mostruoso segreto ha infatti deciso di non innamorarsi mai, e Armance teme le conseguenze sociali riservate alla povera ragazza che sposa il bel partito. La storia si dipana quindi lungo una serie di equivoci e sotterfugi tra i due giovani, che non hanno il coraggio di dichiararsi reciprocamente. Sono pagine molto belle, in cui emerge la capacità di Stendhal di analizzare l’animo dei protagonisti, e che arricchiscono il romanzo di una componente schiettamente romantica e intimistica che magnificamente si accompagna all’ordito sociale e politico. Quest’ultimo appare clamorosamente nel capitolo XIV, nel quale Octave e Armance discutono apertamente delle contrapposizioni sociali e del disagio di Octave rispetto al ruolo che la società gli ha cucito addosso. Il capitolo si chiude con una riflessione del narratore, che dice tra l’altro che la politica che viene a interrompere un racconto così semplice può fare l’effetto di un colpo di pistola nel bel mezzo di un concerto, immagine che – ci dice Piergiorgio Bellocchio, Stendhal utilizzerà anche nei romanzi maggiori, a testimonianza del ruolo politico che l’autore attribuisce ai suoi romanzi.
    Gli equivoci tra Armance e Octave cadranno in conseguenza di un episodio drammatico e del fatto che Armance erediti da parenti russi una piccola fortuna, per venire subito di nuovo innescati dalle macchinazioni di un parente, che – guarda caso – agisce spinto da sete di denaro. Il romanzo si chiude in tragedia, con un finale che dal punto di vista narrativo appare quasi posticcio. Dal capitolo XXV in poi sembra infatti che si apra una nuova storia, forse troppo macchinosa per avere l’appeal di ciò che la precede, ma pienamente coerente con il tema, che pervade tutto il libro, del disfacimento prossimo venturo di un ordine sociale non coerente con i tempi. Questo finale, nel quale tra l’altro come detto sembra contraddetta l’impotenza sessuale di Octave, è forse il segno più tangibile dell’inesperienza di Stendhal in quanto narratore, ma nulla toglie alla forza della vicenda narrata, forza che si dispiega a vari livelli, tra i quali vorrei citarne almeno tre.
    Innanzitutto c’è la straordinaria capacità analitica di Stendhal nell’identificare la dicotomia allora esistente tra la pretesa dell’aristocrazia di preservare il proprio predominio politico e le dinamiche di una società ormai di fatto dominata dalla borghesia, di cui peraltro l’autore percepisce i vizi d’origine, perlomeno a livello sovrastrutturale. In questo senso appaiono quasi profetiche alcune considerazioni sparse qua e là nel romanzo, che prevedono direttamente l’imminente fine della monarchia dei Borboni. Vi è poi, strettamente connesso a questo, il tema del dominio del denaro quale fattore che determina le relazioni tra le classi e gli uomini, che costituisce la piattaforma su cui si innalzerà di lì a pochissimo il monumento letterario eretto da Balzac. Infine, ultimo ma non meno importante degli architravi su cui è costruito Armance, l’uso quasi metaforico di un tema, come quello dell’impotenza, dai chiari risvolti metaforici e psicanalitici, inusitato per l’epoca e che quindi – anche se arditamente – può avvicinare questo romanzo a tematiche squisitamente novecentesche.
    Armance costituisce in definitiva la prova generale di un autore che ci avrebbe regalato tre dei più importanti romanzi della letteratura di ogni tempo (non dimentichiamoci infatti di Lucien Leuwen), e come tale si può dire che sia una prova perfettamente riuscita, ancorché passibile di affinamenti.
    L’edizione Garzanti da me letta, risalente al 1982, è preceduta come detto da un breve saggio di Piergiorgio Bellocchio, intellettuale della nuova sinistra degli anni ‘60 e ‘70 del secolo scorso, fondatore tra l’altro dei Quaderni piacentini. Consiglio di leggerlo attentamente, perché pur nella sua brevità e schematicità, questo saggio a mio avviso è un chiaro esempio di come la critica letteraria di matrice marxiana riesca ad interpretare in maniera illuminante le radici profonde della produzione letteraria.

    ha scritto il 

  • 4

    Nella strana incoerenza del periodo della Restaurazione francese quando i nobili impoveriti ,che avevano resistito alle lusinghe di Napoleone, erano stati ricompensati da Carlo X per la loro fedeltà a ...continua

    Nella strana incoerenza del periodo della Restaurazione francese quando i nobili impoveriti ,che avevano resistito alle lusinghe di Napoleone, erano stati ricompensati da Carlo X per la loro fedeltà ai Borboni si muove il giovane Octave, un cliché aristocratico.Ma la sua esistenza è oscurata da un segreto che non diventa mai abbastanza chiaro nel romanzo : i più sostengono si tratti di impotenza sessuale a mio avviso, invece, Octave è affetto da una sorta di ripugnanza per l'innamoramento e, per reticente e velata che sia, da una passione incestuosa nei confronti di sua madre, ombra che compare e si stende su tutta la vicenda. " Anomalie" caratteriali che giustificherebbero l'accenno alla necessità di una passione folle da parte di Octave. Anche in questa sorprendente e misteriosa opera Stendhal non si smentisce, raccontando la vicenda con l'urgenza e la conoscenza della natura umana che caratterizzerà le sue opere successive: il disordine del mondo ridotto alla miserabile scala di una inquietudine privata.

    ha scritto il 

  • 2

    Tutta la trama si basa su un elemento fondamentale "la coglionaggine dei protagonisti", vale benissimo come memento per quando vi viene voglia di essere nati in altri tempi, per farvela passare. ...continua

    Tutta la trama si basa su un elemento fondamentale "la coglionaggine dei protagonisti", vale benissimo come memento per quando vi viene voglia di essere nati in altri tempi, per farvela passare.

    ha scritto il 

  • 4

    Verité romanesque

    "Siamo come i preti degli idoli..." [p. 91]

    Armance m'ha sempre fatto paura. Non l'ho mai avvicinata senza sentire che comparivo davanti al padrone... [p. 189]

    "Ah! mi sottometterò...mio nobile amico, ...continua

    "Siamo come i preti degli idoli..." [p. 91]

    Armance m'ha sempre fatto paura. Non l'ho mai avvicinata senza sentire che comparivo davanti al padrone... [p. 189]

    "Ah! mi sottometterò...mio nobile amico, mio caro Octave" [p. 53]

    ha scritto il 

  • 5

    Strane condizioni e antri sibillini...

    Un sottile, imbarazzante problema, che mai è davvero nominato né tanto meno discusso, serve da spunto a Stendhal per scrivere una storia dalle possibili letture simboliche – in senso tutto politico, p ...continua

    Un sottile, imbarazzante problema, che mai è davvero nominato né tanto meno discusso, serve da spunto a Stendhal per scrivere una storia dalle possibili letture simboliche – in senso tutto politico, per carità, non psicologico... come sempre in lui!
    Così, si può leggere un bellissimo romanzo, dalla strana atmosfera – che insegna, tra l’altro, quanta bravura sia necessaria a parlare di qualcosa, parlando d’altro: quale maggior sottigliezza di pensiero ci sia in un indovinello condotto con pudore filosofico, rispetto alla nostra odierna spregiudicatezza, alla nostra psicologia stracciona e fissata...

    ha scritto il 

  • 4

    Stendhal un po' insolito

    Preso in prestito in biblioteca per rivalutare Stendhal, dopo la mia brutta esperienza con Il Rosso e Il Nero, e ne esco vittoriosa!

    Armance, primo romanzo dell'autore, si presenta come la storia d'am ...continua

    Preso in prestito in biblioteca per rivalutare Stendhal, dopo la mia brutta esperienza con Il Rosso e Il Nero, e ne esco vittoriosa!

    Armance, primo romanzo dell'autore, si presenta come la storia d'amore tra due cugini: Armance, orfana e senza una lira, e Octave, un reietto della società che ha un modo particolare di vivere la vita.
    In realtà, ho visto più protagonista Octave, dalle prime pagine ci viene presentato come un amante dei libri, con un'insofferenza verso tutto il mondo, un carattere che tende alla tristezza e all'essere cupo, non un frequentatore assiduo dei salotti più importanti di Parigi(almeno fino a quando non inizia il rapporto d'amicizia con Armance), un rapporto d'amore con la madre e di rispetto con il padre ma di un odio sprezzante, ma mai visibile, verso lo zio colonnello.
    Armance è una ragazzina di diciotto anni, rimasta orfana durante la guerra, e senza denaro (fino più o meno alla fine), la dama di compagnia di Mme de Bonnivet (parente di entrambi i protagonisti), una ragazza silenziosa, riservata, che non crede troppo in sé stessa e che ha paura dell'opinione pubblica, ma con un cuore grande grande.

    Presentata così sembra che il libro tratti di una storia d'amore tra i due, ed è vero perchè così avverrà ma in realtà lo scopo di Stendhal era creare un opera su un tema che ai suoi tempi non era neanche possibile accennare ovvero l'impotenza.
    Diciamo che non so quanto ci sia riuscito perchè nel romanzo, del terribile segreto al quale accenna Octave si viene a parlare due volte sole ma senza capirne il significato.
    Il tema dell'impotenza viene fuori solo se si legge l'introduzione in cui troviamo alcune righe tratte da una lettera che il nostro autore scrisse a Mérimée e dove spiegò all'amico le sue scelte letteriare e stilistiche.
    (Per esempio il fatto che il romanzo doveva chiamarsi Olivier in principio, o che Stendhal voleva un finale diverso, e importantissima per i lettori la spiegazione della tematica fondamentale)

    Insomma, sono riuscita a rivalutare Stendhal perchè ho apprezzato molto questo suo primo libro che scorre molto velocemente e mi è piaciuta molto la vicenda tra i due giovani; l'unica pecca è che se non fosse esistita quella lettere credo che nessuno di noi avrebbe pensato all'impotenza come tema centrale.

    Ultima cosa, che mi stavo scordando, molto belle e originali l'epigrafi a inizio di ogni capitolo che annunciano il tema di quello che verrà narrato.

    Quattro stelline per Stendhal.

    ha scritto il 

  • 4

    “Per l’uomo grossolano e sordo la cui anima volgare non è sensibile che ai rozzi e meschini interessi della vita quotidiana, lo spettacolo di un essere nobile immerso nella disperazione dalla forza ir ...continua

    “Per l’uomo grossolano e sordo la cui anima volgare non è sensibile che ai rozzi e meschini interessi della vita quotidiana, lo spettacolo di un essere nobile immerso nella disperazione dalla forza irresistibile della passione non è che oggetto di sprezzo e di riso. – Deckar”

    E’ l’epigrafe al XXII capitolo e riassume bene il fulcro dell’opera: due anime pure e schiette che, per diversi motivi, lottano per non arrendersi alla tenera e innocente – ma ugualmente incontrollabile – passione che li unisce.

    Il romanzo, come avvenimenti, non è neanche gran che: tra i nobili frequentatori dei salotti parigini si svolge la complicata schermaglia amorosa tra i due che danno luogo, a ruoli alterni, ad un timido ma avvincente corteggiamento; già esitanti in cuor loro – Octave per il suo segreto e Armance per la sua povertà – sono sempre più spesso ed irrimediabilmente depistati dall’intromissione altrui nei loro rapporti. E se all’inizio sembra una commedia degli equivoci, il finale è tragico.

    Ma vero protagonista del romanzo, come detto prima, è il loro tormento, il loro conflitto interiore. Tuttavia Sthendal, fin troppo discreto, mai una volta esplicita l’opprimente segreto di Octave (è impotente) e tanto meno lo lascia intuire: lo si capisce solo leggendo una lettera di Stendhal indirizzata a Merimèè, di cui uno stralcio è riportato nell’introduzione.

    ha scritto il 

  • 4

    Più di una novella e meno di un romanzo, Armance ha dell'ibrido in tutti i suoi aspetti e sopra ogni altro nella figura del protagonista, Octave.
    Ambivalente, contraddittorio, rigido, fanatico di una ...continua

    Più di una novella e meno di un romanzo, Armance ha dell'ibrido in tutti i suoi aspetti e sopra ogni altro nella figura del protagonista, Octave.
    Ambivalente, contraddittorio, rigido, fanatico di una virtù che non possiede e della cui carenza è in fondo consapevole, agisce con leggerezza e superficialità, pur serbando la pretesa di ispirare profondità e suscitare l'altrui stima.
    La sua dualità lo pone in una situazione di gravissimo disagio morale, non senza qualche manifestazione della più franca follia.
    E, per completare l'opera beffarda della natura, Octave è impotente...
    Tale condizione lo pervade interamente, riflettendosi su tutti i versanti della sua personalità, la cui caratterizzazione, magistralmente tracciata da Stendhal, fa da perno a tutto il racconto, elemento essenziale senza il quale la vicenda di per sé sarebbe poca cosa.

    Per una corretta interpretazione risulta indispensabile la conoscenza della lettera del 23 dicembre indirizzata a Mérimée, che in questa edizione viene parzialmente riportata nell'introduzione.


    Rilasciato da .•.•´*`•.•. LaFigliaDelPittore .•.•´*`•.•. con licenza CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia. http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/

    ha scritto il 

  • 4

    Armance - Stendhal

    Un discreto classico della letteratura francese (epoca romantica).
    La storia è ambientata nei salotti parigini del primo Ottocento dove, contrariamente al titolo, il protagonista dell'opera sembra ess ...continua

    Un discreto classico della letteratura francese (epoca romantica).
    La storia è ambientata nei salotti parigini del primo Ottocento dove, contrariamente al titolo, il protagonista dell'opera sembra essere più Octave che Armance. Octave, gravato da impotenza fisica, si fa portatore di quell'impotenza e staticità vissuta dalla nobiltà francese a inizio secolo, dove i salotti poco fa citati sembrano calare l'alta casta in una dimensione avulsa dal tempo...
    Sublime, scorrevole non privo di colpi di scena!

    ha scritto il