Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Armir, l'esercito perduto

Di

Editore: RAI-ERI

4.6
(8)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8839707549 | Isbn-13: 9788839707543 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Genere: History , Non-fiction

Ti piace Armir, l'esercito perduto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Leggerlo perché è un libro ormai quasi introvabile, destinato al macero, ed è un peccato.
    E leggerlo per tutti quei familiari vissuti per anni o, peggio, morti col dubbio, che è peggio della morte, dice l'autore.

    ha scritto il 

  • 5

    Fieri di essere italiani

    A volte c'è bisogno di leggere un libro in cui si respira rispetto per l'Italia soprattutto di fronte al sacrificio di migliaia di ragazzi morti in russia tra privazioni orribili per una guerra folle.
    Commovente pensare a quante famiglie sono rimaste senza informazioni sulla sorte dei loro ...continua

    A volte c'è bisogno di leggere un libro in cui si respira rispetto per l'Italia soprattutto di fronte al sacrificio di migliaia di ragazzi morti in russia tra privazioni orribili per una guerra folle.
    Commovente pensare a quante famiglie sono rimaste senza informazioni sulla sorte dei loro cari e ancora 50 anni dopo cercano di scoprire anche solo il luogo e la dtaa della morte; commovente pensare ai prigionieri italiani rimasti tali e rimpatriati dopo la guerra (alcuni anche 10 anni dopo); commovente pensare a quanti sono rimasti lì in fosse comuni senza nome; commovente pensare che ci sono italiani che ha distanza di anni cerchino ancora in Russia/Ucraina /ecc di riportare a casa le salme dei nostri.
    RABBIA al pensiero di quanto poco si ricordi nelle scuole, nei nostri politici, nelle diatribe quotidiane di questo sacrificio...

    ha scritto il