Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Arrivederci piccole donne

Di

Editore: Feltrinelli

3.5
(1335)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 238 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8807819147 | Isbn-13: 9788807819148 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Finassi Parolo M.

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Arrivederci piccole donne?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sono cugine ma si sentono sorelle, sono clonate dalle eroine di "Piccoledonne": Nieves, Ada, Luz e Lola. I loro genitori hanno dilapidato la fortunaereditata dall'antenato José Joaquín Martínez. Quando erano bambine siriunivano con Oliviero, il fratellastro di Luz, nella proprietà familiaregestita dalla zia che manteneva l'oziosa parentela. Poi, il colpo di statodell'11 settembre 1973, l'arresto di Oliviero e l'esilio di Ada a Londra,innamorata di Oliviero e rivale di Lola. Quando inizia il romanzo, nel 2002,la famiglia è sparsa per il mondo e le cugine sono in attesa di rincontrarsi.Una saga ricca di sottigliezze psicologiche femminili e accenti epocali: ilCile degli anni Settanta, Londra, Parigi, l'attentato alle Torri Gemelle.
Ordina per
  • 3

    Questo è stato il mio primo libro della Serrano. Inizialmente l'ho trovato faticoso, molto lento, ho faticato molto. Proseguendo però si è dimostrato un'ottima sorpresa. Mi è piaciuta molto l'idea delle 4 cugine moderne piccole donne, non c'è dubbio che Ada, come Jo March, sia la mia preferita. S ...continua

    Questo è stato il mio primo libro della Serrano. Inizialmente l'ho trovato faticoso, molto lento, ho faticato molto. Proseguendo però si è dimostrato un'ottima sorpresa. Mi è piaciuta molto l'idea delle 4 cugine moderne piccole donne, non c'è dubbio che Ada, come Jo March, sia la mia preferita. Sognanti i paesaggi sud americani descritti!

    ha scritto il 

  • 4

    Bellissimo!!!!

    Il mio primo libro ambientato in sud america, ho adorato i luoghi, assaporato profumi nuovi e incontrato personaggi diversi!
    Super consigliato!
    La mia recensione qui: http://libriamocisu.blogspot.it/2014/09/arrivederci-piccole-donne-marcela.html

    ha scritto il 

  • 2

    O meglio abbandonato

    L'ho voluto come regalo di Natale. L'ho scelto perchè nel titolo riporta il mio libro preferito di quando ero bimba e perchè racconta la storia di 4 cugine che si sentono sorelle. Me l'ha regalato mia cugina ma non sono riuscita a finirlo. Forse perchè è arrivato il giorno di Natale più brutto d ...continua

    L'ho voluto come regalo di Natale. L'ho scelto perchè nel titolo riporta il mio libro preferito di quando ero bimba e perchè racconta la storia di 4 cugine che si sentono sorelle. Me l'ha regalato mia cugina ma non sono riuscita a finirlo. Forse perchè è arrivato il giorno di Natale più brutto della mia vita. Forse perchè dieci anni fa non ero pronta per conoscere la Serrano (ho fatto fatica anche a finire L'albergo delle donne tristi, che mi fu prestato). Ci riproverò? Forse.

    ha scritto il 

  • 5

    piccole donne crescono

    Con un linguaggio asciutto, senza ricami, ma con molta umanità e intimità femminile si narra l'universo delle amicizie tra donne. Dei loro destini diversi e della loro comune nostalgia, che è legame e origine. La vita, le vite si susseguono, tra esili, viaggi, e ricerche di equilibri.
    Il C ...continua

    Con un linguaggio asciutto, senza ricami, ma con molta umanità e intimità femminile si narra l'universo delle amicizie tra donne. Dei loro destini diversi e della loro comune nostalgia, che è legame e origine. La vita, le vite si susseguono, tra esili, viaggi, e ricerche di equilibri.
    Il Cile, protagonista non solo storico, patria abbandonata e ritrovata...Ma sempre vi è un anello mancante, forse fondante, la voce di colei che va più lontana delle altre. E' un romanzo che ti accompagna, solidale, convinto e coraggioso. Corale nelle emozioni, piccole e grandi. Con un riscatto finale, direi, femminilmente illuminante.

    ha scritto il 

  • 3

    Una lettura abbastanza piacevole, racconta la vita di cugine che si sentono sorelle: le liti, gli amori e gli avvenimenti delle loro estati al Pueblo segneranno la loro vita da grandi... per poi ritrovarsi per chiudere il passato.

    ha scritto il 

  • 2

    l'ho trovata una brutta copia di piccole donne, libor che io amato, ma questomi ha annoiato da subito. Ho provato a portarla a termine ma proprio non ci sono riuscita. Davvero pessimo libro

    ha scritto il 

  • 3

    Non è che la Serrano sia impeccabile nelle sue narrazioni, un po' farraginosa qua e là la trovo sempre. Ma cosa volete che sia qualche scricchiolio in confronto a una storia corale, raccontata a più voci da quattro donne (qui sono cugine invece di sorelle come nel "Piccole donne" al quale liberam ...continua

    Non è che la Serrano sia impeccabile nelle sue narrazioni, un po' farraginosa qua e là la trovo sempre. Ma cosa volete che sia qualche scricchiolio in confronto a una storia corale, raccontata a più voci da quattro donne (qui sono cugine invece di sorelle come nel "Piccole donne" al quale liberamente si ispira). Quattro voci femminili, tutte diverse tra loro (c'era il rischio cliché, quattro donne quattro tipi: la sposata/madre, la donna in carriera, l'artista scombinata, la fragile debole... ma la Serrano passa sopra questo rischio con la forza della sua scrittura) unite da una famiglia decaduta e un destino comune: quello del Cile degli anni 70 e del colpo di stato. A me non è dispiaciuto e anzi, mi ha fatto tornare la voglia di rileggere le "Piccole donne" della Alcott.

    ha scritto il 

Ordina per