Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Art, cérémonial et liturgie au Moyen Âge

Actes du Colloque (Lausanne-Fribourg, mars-mai 2000)

Di

Editore: Viella

0.0
(0)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 614 | Formato: Altri

Isbn-10: 8883340612 | Isbn-13: 9788883340611 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Art, cérémonial et liturgie au Moyen Âge?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    "L’interesse per i nessi tra arte e liturgia è cresciuto molto negli ultimi anni; in questa ottica, l’opera d’arte si lega in modo evidente al proprio contesto e alle proprie funzioni. Nella sfera religiosa, così come in quella profana, ne emergono le modalità d’uso dell’opera: stabili o episodic ...continua

    "L’interesse per i nessi tra arte e liturgia è cresciuto molto negli ultimi anni; in questa ottica, l’opera d’arte si lega in modo evidente al proprio contesto e alle proprie funzioni. Nella sfera religiosa, così come in quella profana, ne emergono le modalità d’uso dell’opera: stabili o episodiche, esse permettono di spiegare alcune delle sue caratteristiche, altrimenti difficili a comprendersi solo sulla base di un’analisi stilistica o iconografica.

    Il volume è suddiviso in tre sezioni, dedicate a altrettanti differenti assi problematici. Il primo, “Architettura e spazio sacro”, tocca il vasto tema dell’utilizzazione liturgica dello spazio, quindi di ciò che l’uso liturgico imponeva alle forme architettoniche. Il secondo, “Processioni e cerimoniale”, mette in particolare evidenza il ruolo delle immagini, in contesti sia sacri che profani. Infine, il terzo, “Cappelle private”, studia la questione della nascita e della configurazione degli spazi sacri ‘privati’, cioè delle cappelle private, o di famiglia, nuclei spaziali e decorativi spesso realmente autonomi, ma anche altrettanto necessariamente legati allo spazio principale del luogo di culto."

    ha scritto il