Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Arte d'Oriente Arte d'Occidente

Per una storia delle immagini nell'era della globalità

Di

Editore: Mondadori Electa

3.5
(20)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 159 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8837041926 | Isbn-13: 9788837041922 | Data di pubblicazione: 

Genere: Art, Architecture & Photography

Ti piace Arte d'Oriente Arte d'Occidente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il testo affronta il tema del dialogo delle civiltà tra Oriente e Occidente.Attraverso esempi scelti nella storia dell'arte dall'antichità romana a oggi,viene tracciato un percorso parallelo tra due culture artistiche,evidenziandone le peculiarità, le ricerche parallele, i momenti di scambio. Sivede così che se il dialogo esiste da secoli, solo nella seconda metàdell'Ottocento si crea una vera e propria apertura culturale sistematica tra idue mondi, quando arrivano in Occidente le prime stampe giapponesi e l'Orienteesce dal suo isolamento aprendosi agli apporti esterni.
Ordina per
  • 3

    benino ma...

    Contento di averlo letto, ma non sono riuscito a trattenere molto di quel che leggevo. Ho letto più d'un libro di Caroli, e noto sempre che non riesco a "entrare" e trattenere appieno come vorrei, ma non importa... meglio che niente: per uno come me, poco esperto, è sempre bello poter vedere oper ...continua

    Contento di averlo letto, ma non sono riuscito a trattenere molto di quel che leggevo. Ho letto più d'un libro di Caroli, e noto sempre che non riesco a "entrare" e trattenere appieno come vorrei, ma non importa... meglio che niente: per uno come me, poco esperto, è sempre bello poter vedere opere d'arte e sentirne parlare.

    ha scritto il 

  • 1

    Ho letto un paio di libri di Caroli

    e sono sempre dello stesso parere: se non si è specialisti vanno più che bene, ma se si ha una conoscenza più approfondita della materia si rivelano delle banalità incredibili.
    In ogni caso ben venga la divulgazione, l'arte non è di "chi ne capisce" o di chi la vende, l'arte è patrimonio co ...continua

    e sono sempre dello stesso parere: se non si è specialisti vanno più che bene, ma se si ha una conoscenza più approfondita della materia si rivelano delle banalità incredibili.
    In ogni caso ben venga la divulgazione, l'arte non è di "chi ne capisce" o di chi la vende, l'arte è patrimonio comune, universale. Se lui nel suo piccolo aiuta qualcuno ad appassionarsi o a saperne un po' di più bene venga.

    ha scritto il 

  • 4

    Premetto che non amo particolarmente questo critico, ma ho appena iniziato questo libro e ne sono già conquistata, sia per la bellezza delle immagini scelte, sia per l'ampiezza geografica e cronologica dell'argomento. Finalmente un libro divulgativo che dedica pari spazio e dignità all'arte orien ...continua

    Premetto che non amo particolarmente questo critico, ma ho appena iniziato questo libro e ne sono già conquistata, sia per la bellezza delle immagini scelte, sia per l'ampiezza geografica e cronologica dell'argomento. Finalmente un libro divulgativo che dedica pari spazio e dignità all'arte orientale, confrontandola con quella occidentale sullo stesso piano, invece di relegarla al classico capitoletto in fondo al libro.
    Sicuramente la trattazone non è molto approfondita, però le immagini scelte compensano abbondantemente questo difetto...

    ha scritto il 

  • 3

    Caroli è un furbone, rigira sempre la stessa zuppa, la suddivide in modo diverso e la presenta come una novità. Ho assistito ad una sua conferenza in cui avrebbe dovuta parlare di Mirò, ma ha fatto una storia dell'arte (che avrà presentato altre decine di volte) con un breve accenno finale all'ar ...continua

    Caroli è un furbone, rigira sempre la stessa zuppa, la suddivide in modo diverso e la presenta come una novità. Ho assistito ad una sua conferenza in cui avrebbe dovuta parlare di Mirò, ma ha fatto una storia dell'arte (che avrà presentato altre decine di volte) con un breve accenno finale all'artista soggetto dell'incontro. Il libro si lascia leggere, ma è molto superficiale.

    ha scritto il 

  • 1

    Supponenze e orientalismi (per non parlare delle cantonate)

    Le descrizioni e le critiche sui pezzi d'arte presentati sono ben fatte e chiare. Peccato, però, che il libro tratti solo di sfuggita l'arte in senso stretto per concentrarsi su improvvisazioni storiche, teologiche e antropologiche quantomeno stucchevoli. Un libercolo di poche pagine da cui, chi ...continua

    Le descrizioni e le critiche sui pezzi d'arte presentati sono ben fatte e chiare. Peccato, però, che il libro tratti solo di sfuggita l'arte in senso stretto per concentrarsi su improvvisazioni storiche, teologiche e antropologiche quantomeno stucchevoli. Un libercolo di poche pagine da cui, chi scrive, non chiedeva troppo. Le aspettative, quindi, si può dire fossero basse. Ma il professor Caroli è riuscito a disattenderle completamente. Anzi, tocca davvero il fondo con sparate orientaliste (lo zen, quale non si sa, evidentemente è molto "in"), giudizi storici che puzzano di razzismo (i Khmer che hanno nel genoma una propensione all'irreggimentazione) e clamorosi errori sia teologici (il Buddha mahayana magicamente viene considerato un dio e nel capitolo sull'Islam il buddhismo viene addirittura annoverato tra le religioni monoteistiche!!) che iconografici, ovvero il "pane" del professore. A quanto pare l'ushnisha del Buddha (qui traslitterato usnisa) viene scambiato clamorosamente per l'Urna che ha in mezzo alle sopracciglia (nel 2010 basta wikipedia, per controllare certe vaccate), mentre il buddhismo, da quanto traspare, sembra aver prodotto da sempre un'iconografia antropomorfa, il che è semplicemente falso. Lasciamo perdere la descrizione del theravada e dintorni, chiamati nel libro "hinayana" senza troppi problemi. Tanto, a questo punto, non ci si poteva aspettare nulla di diverso. Islam e induismo non sono trattati diversamente. Quest'ultimo, venendo toccato solo marginalmente, dimostra solo la superficialità della conoscenza dell'argomento, mentre nel primo si osano interpretazioni fino a somiglianze davvero improbabili tra Maometto e Buddha.
    Seriamente, risparmiate 29 euro per un libro più serio.

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente un testo di livello divulgativo che aiuta a mettere in relazione le principali espressioni artistiche fiorite nel mondo, e a correggere la nostra vista un pò distorta dalla prospettiva rinascimentale; non di sola ortogonalità vive l'uomo...

    ha scritto il