Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Artemis Fowl

Di

Editore: Mondadori (Oscar Bestsellers, 1452)

3.6
(1954)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 283 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Catalano , Olandese , Ceco

Isbn-10: 8804530219 | Isbn-13: 9788804530213 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Angela Ragusa

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Altri

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace Artemis Fowl?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Chi è Artemis Fowl? Un genio? Certo, visto che gioca con la tecnologia come altri giocherebbero con i soldatini. Un criminale? Indubbiamente, non a caso discende da un'illustre stirpe di malfattori. Ma Artemis è soprattutto colui che ha ideato il colpo più audace di questo secolo: impadronirsi dell'oro che il Piccolo Popolo custodisce gelosamente da millenni. Questo, dunque, è il racconto della sua guerra privata con fate, folletti, gnomi e troll e,soprattutto, con la super poliziotta elfica Spinella Tappo. Età di lettura: da 11 anni.
Ordina per
  • 3

    Un fantasy strano. L'ho letto molti anni fa e devo dire, purtroppo, che non mi ha divertito come la prima volta che l'ho letto. In ogni caso è una lettura piacevole e veloce.

    ha scritto il 

  • 4

    Acquistato con molta titubanza dopo aver letto un sacco di recensioni positive si e', invece, rivelato una lettura piacevolissima! Benchè il protagonista sia un po'egoista e cinico e calcolatore si ...continua

    Acquistato con molta titubanza dopo aver letto un sacco di recensioni positive si e', invece, rivelato una lettura piacevolissima! Benchè il protagonista sia un po'egoista e cinico e calcolatore si rivela, pur essendo appena dodicenne, un ragazzo geniale...e quindi ti ritrovi a fare"il tifo" per lui sperando che nonostante sia il"cattivo di turno"riesca nei suoi intenti criminali. Il libro e'correvolissimo (divorato in un paio di giorni), divertente (mi sono fatta un sacco di risate) e appassionante (sono andata in biblioteca a cercare i libri successivi della saga prima ancora di finirlo!):lo consiglio vivamente a ragazzi e non!

    ha scritto il 

  • 3

    Artemis Fowl: giovane, intelligente, con un irrefrenabile impulso verso la criminalità. Il suo progetto più ambizioso? Derubare il popolo delle creature fatate delle loro ricchezze. Un libro ...continua

    Artemis Fowl: giovane, intelligente, con un irrefrenabile impulso verso la criminalità. Il suo progetto più ambizioso? Derubare il popolo delle creature fatate delle loro ricchezze. Un libro veramente molto carino, spiritoso, appassionante, avventuroso; ci si affeziona al protagonista nonostante sia una tipo un po' difficile e nonostante tutto si spera che non gli accada nulla di male. Un ottimo inizio di saga fantasy, adatta ai più giovani ma che può trovare fan anche tra gli adulti.

    ha scritto il 

  • 0

    12 anni, genio criminale. Solo chi crede ancora nelle favole e allo stesso tempo intesse inganni come il peggiore dei truffatori poteva riuscire in questo: rubare al Popolo fatato il suo oro. Se si ...continua

    12 anni, genio criminale. Solo chi crede ancora nelle favole e allo stesso tempo intesse inganni come il peggiore dei truffatori poteva riuscire in questo: rubare al Popolo fatato il suo oro. Se si può parlare di cotta nei confronti di un personaggio letterario, è quello che provavo nei confronti di Artemis. E ad ogni lettura, quando risultavamo coetani, direi che andava ogni volta allo stesso modo. Beh, ora mi rifiuto di avere una cotta per un dodicenne, ma non avendo più continuato a leggerlo, non saprei se potrei provare lo stesso negli ultimi libri della serie, dove è cresciuto. Chissà...

    ha scritto il 

  • 3

    Ma che carino!

    Per quanto sia evidentemente una storia per ragazzi, è di quelle che il grande C. S. Lewis ha definito adatte ad ogni età, perché scritte in modo da piacere ad ogni lettore. Infatti è così, la ...continua

    Per quanto sia evidentemente una storia per ragazzi, è di quelle che il grande C. S. Lewis ha definito adatte ad ogni età, perché scritte in modo da piacere ad ogni lettore. Infatti è così, la storia è estremamente godibile, la scrittura molto buona... davvero carino! Consigliabile anche a chi vuole far leggere dei ragazzini riottosi.

    Nota sulla storia: io sto con il Piccolo Popolo! Sono l'unica? Non credo, sono irresistibili!

    Seconda lettura: ho alzato il voto, perché mi sono resa conto che avevo una gran voglia di rileggerlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Grazie, Colfer!

    Lo so, non sono stata oggettiva nel dargli 4 stelle, ma a me piace da matti, mi è sempre piaciuto da quando avevo 12 anni, tanto che adesso (8 anni dopo)continuo a rileggerlo periodicamente e a ...continua

    Lo so, non sono stata oggettiva nel dargli 4 stelle, ma a me piace da matti, mi è sempre piaciuto da quando avevo 12 anni, tanto che adesso (8 anni dopo)continuo a rileggerlo periodicamente e a riderci sopra come una cretina. Certo, ci sono errori, ci sono parti assurde e altre che fanno cadere le braccia, però ci sono gli elfi migliori che io abbia mai visto, c'è tecnologia e scienza mischiate perfettamente, c'è Holly e c'è Artemis. Artemis è perfetto: è geniale, è cinico, è distaccato ed egoista ed è giustamente odioso. Lo ammiri per la sua genialità, ma non puoi non odiarlo per il suo modo di essere, un mix perfetto che si sposa benissimo con il carattere idelaista e impulsivo di Holly (MI RIFIUTO di usare il nome tradotto) facendone un'accoppiata di protagonisti geniale.

    Un appunto finale. Io non so perché Artemis venga presentato come l'anti-Harry Potter, sappiate che non solo non è così, non solo non c'entrano una mazza l'uno con l'altro, ma non ci prova nemmeno a paragonarsi con Harry Potter in nessun modo. Sono due cose staccate, che non hanno nulla in comune fra loro, poi si può ritenere migliore l'una o l'altra, ma non c'è motivo di definire Artemis così.

    Non commento l'orrore di traduzione che ci siamo beccati, verrei bannata per turpiloquio.

    ha scritto il 

Ordina per