Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ask the Dust

By

Publisher: HarperCollins Publishers

4.0
(9045)

Language:English | Number of Pages: 165 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , French , German , Catalan , Portuguese , Turkish , Croatian , Hungarian , Polish , Swedish

Isbn-10: 0060822554 | Isbn-13: 9780060822552 | Publish date:  | Edition Reprint

Contributor: Charles Bukowski

Also available as: Hardcover , Softcover and Stapled , eBook , Others

Category: Biography , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like Ask the Dust ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Ask the Dust is a virtuoso performance by an influential master of the twentieth-century American novel. It is the story of Arturo Bandini, a young writer in 1930s Los Angeles who falls hard for the elusive, mocking, unstable Camilla Lopez, a Mexican waitress. Struggling to survive, he perseveres until, at last, his first novel is published. But the bright light of success is extinguished when Camilla has a nervous breakdown and disappears . . . and Bandini forever rejects the writer's life he fought so hard to attain.

Sorting by
  • 4

    “ A parte il contorno del viso e il candore dei denti, non era bella.”

    Arturo Bandini , il giovane protagonista tanto generoso quanto sprovveduto , dopo il discreto successo ottenuto qualche tempo prima da un suo racconto pubblicato su una rivista , perde l'ispirazione e piomba in uno stato di miseria che lo costringe a campare alla giornata riuscendo a sopravvivere ...continue

    Arturo Bandini , il giovane protagonista tanto generoso quanto sprovveduto , dopo il discreto successo ottenuto qualche tempo prima da un suo racconto pubblicato su una rivista , perde l'ispirazione e piomba in uno stato di miseria che lo costringe a campare alla giornata riuscendo a sopravvivere solo grazie ai pochi soldi che egli è costretto a chiedere alla madre di quando in quando.
    Ma l'incontro con due donne , Camilla e Vera , lascerà un segno indelebile nella sua vita.
    Confesso di aver sempre trascurato John Fante considerandolo colpevolmente uno scrittore di “seconda fascia” , da leggersi giusto per rilassarsi con qualcosa di leggero magari dopo una lettura più impegnativa.
    E sebbene il mio Kindle ce l'abbia messa tutta per farmi desistere , dalla lettura storpiando indecentemente alcune parti del testo (probabilmente ad arte , proprio per scoraggiare chi , come me , si ostini a scaricarvi libri non acquistati regolarmente ) devo ammettere che questo romanzo mi ha invece indotto a rivedere drasticamente le mie convinzioni sorprendendomi e colpendomi piacevolmente , soprattutto nella sua parte finale che ho giudicato di grande intensità .

    said on 

  • 4

    Il ritmo ironico mi è piaciuto, meno la foga nello scrivere il romanzo. Tutto si succede freneticamente, ma le storie di strada raccontate sono quelle che amo. Non per nulla Bukowski ne era un grande fan.

    said on 

  • 5

    Perché nessuno fino ad oggi mi ha detto di leggere John Fante?

    Come è possibile che un lettore forte (come ci definiamo, ammiccando con fare saputello, tutti noi che leggiamo più di un libro all'anno, quindi il 5% della popolazione italiana...) come me non abbia in quasi 40 anni mai sbattuto in John Fante? In un solo modo: la colpa è dei miei amici lettori f ...continue

    Come è possibile che un lettore forte (come ci definiamo, ammiccando con fare saputello, tutti noi che leggiamo più di un libro all'anno, quindi il 5% della popolazione italiana...) come me non abbia in quasi 40 anni mai sbattuto in John Fante? In un solo modo: la colpa è dei miei amici lettori forti, che non mi hanno mai detto "oh, Torre, guarda che John Fante è un grande e tu lo devi leggere"! Quindi in primo luogo, shame on me, ma anche shame on you, amici lettori.
    Detto tutto ciò, Chiedi alla polvere è il primo (ma di sicuro non l'ultimo) romanzo di Fante che ho affrontato. Bellissimo, la personalità di Bandini è irritante e commuovente insieme. Pare incredibile - leggendolo - che questo libro abbia l'età che ha: risulta di una modernità e di un'attualità sconvolgente. E' poetico, toccante, mai banale e si legge davvero in un sol boccone. Bello bello.

    said on 

  • 4

    Arturo Bandini è molto più che lo stereotipo dello squattrinato scrittore alle prime armi in cerca del successo, è un ventenne ingenuo, vulnerabile, contraddittorio e innamorato che si muove a piccoli passi nel mondo, nelle strade polverose dell'Est e del Middle West «ed è una polvere da cui n ...continue

    Arturo Bandini è molto più che lo stereotipo dello squattrinato scrittore alle prime armi in cerca del successo, è un ventenne ingenuo, vulnerabile, contraddittorio e innamorato che si muove a piccoli passi nel mondo, nelle strade polverose dell'Est e del Middle West «ed è una polvere da cui non cresce nulla, una cultura senza radici, una frenetica ricerca di un riparo, la furia cieca di un popolo perso e senza speranza alle prese con la ricerca affannosa di una pace che non potrà mai raggiungere.»..

    said on 

Sorting by