Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Attentato al Papa

"Il mistero Ali Agca, la scomparsa di Emanuela Orlandi, la strage delle guardie svizzere. Il più grande intrigo tra le mura vaticane"

By Sandro Provvisionato,Ferdinando Imposimato

(77)

| Mass Market Paperback | 9788861901209

Like Attentato al Papa ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"CARO GIUDICE, LEI DEVE CONTINUARE A SCAVARE NEL POZZO DI SAN PIETRO, DOVE TROVERÀ IL FILO ROSSO CHE COLLEGA TRA DI LORO TUTTI I MISTERI VATICANI."
Lettera anonima pervenuta a Ferdinando Imposimato il 15 gennaio 2002

Che storia! Vale la pena provare Continue

"CARO GIUDICE, LEI DEVE CONTINUARE A SCAVARE NEL POZZO DI SAN PIETRO, DOVE TROVERÀ IL FILO ROSSO CHE COLLEGA TRA DI LORO TUTTI I MISTERI VATICANI."
Lettera anonima pervenuta a Ferdinando Imposimato il 15 gennaio 2002

Che storia! Vale la pena provare a ricostruirla, tutta. Vi sono coinvolti ben sei paesi (Francia, Bulgaria, Russia, Germania,Turchia, Polonia), un killer, Ali Agca, l'attentatore del papa (altri suoi obiettivi Bourguiba, Walesa, Dom Mintoff, Khomeini) che dice di essere Gesù Cristo. Un bel gruppo di spie (monsignori, cardinali e persino guardie svizzere) che s'infiltrano nelle stanze del papa, due giudici bulgari che giudici non sono e anzi sono ritenuti i due organizzatori del sequestro nel 1983 di Emanuela Orlandi, strumento inconsapevole del terrorismo internazionale. E non è finita: un morto che in realtà non è morto (il presunto organizzatore dell'attentato al papa), due italiani trattati come spie dal governo bulgaro per ritorsione nei confronti del nostro ma che spie non sono, un sindacalista incarcerato e poi scagionato vent'anni dopo, senza nemmeno ricevere le scuse.
Omicidi, sequestri, furti, ricatti, minacce (anche ai giudici); spie, terroristi, servizi segreti al gran completo, criminalità organizzata: come in una vera spy story entrano ed escono personaggi di ogni tipo (anche un monaco benedettino con Maserati Biturbo color giallo oro, spia della Stasi), e non mancano le sorprese.
I due autori, un noto giornalista e un noto magistrato che ha seguito un filone dell'inchiesta sull'attentato ed è avvocato della famiglia Orlandi, hanno lavorato su documenti e testimonianze, contro silenzi e omertà. Il loro libro entra nel cuore del Novecento, tra equilibri politici mondiali e storie personali.
A distanza di trent'anni da quel giorno (13 maggio 1981), la verità deve ancora essere chiarita del tutto, anche perché il giallo non finisce mai: ancora nel 1998 l'omicidio del comandante delle guardie svizzere (con sua moglie e il vicecaporale) e il furto dei documenti che aveva con sé mandano un messaggio molto chiaro: guai a chi vuole parlare, alle spie non si fanno sconti. Mai. E questo è un monito che vale per tutti, anche per il papa.

Ferdinando Imposimato è uno dei magistrati che hanno lavorato di più sul caso Moro. Si è occupato anche della lotta ai sequestri di persona e di terrorismo, di mafia e di camorra, oltre che dell'attentato al papa. Ha lavorato per conto dell'Unione europea e dell'Onu. Parlamentare della sinistra indipendente per tre legislature, docente universitario, ha scritto per diversi quotidiani e settimanali. Attualmente è avvocato penalista.

Sandro Provvisionato, giornalista professionista, già direttore di Radio Città Futura, ha lavorato per dodici anni all'Ansa (da praticante a capo della redazione politica), per poi passare come inviato speciale al settimanale «L'Europeo» e diventare in seguito capo della cronaca del Tg5. Per questa testata ha lavorato anche nella redazione inchieste, è stato conduttore del tg della notte e inviato di guerra (in Kosovo e in Iraq). Dal 2000 è curatore del settimanale TERRA! di cui è anche conduttore. Dirige il sito www.misteriditalia.it.

Imposimato e Provvisionato hanno pubblicato per Chiarelettere DOVEVA MORIRE (2008), inchiesta sul caso Moro.
http://www.chiarelettere.it/libro/principio-attivo/atte…

5 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Dettagliatissimo,limpido e chiaro,scrupoloso,tagliente,agghiacciante nelle sue verità!

    Is this helpful?

    Paolodompe said on Jan 17, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    incredibile! affascinante ed avvincente. uno spaccato triste della nostra (triste) storia degli anni ottanta. certo che i media ce ne raccontano di bugie, alcune inventate da loro, alcune inventate appositamente da altri per nascondere la verità. Da ...(continue)

    incredibile! affascinante ed avvincente. uno spaccato triste della nostra (triste) storia degli anni ottanta. certo che i media ce ne raccontano di bugie, alcune inventate da loro, alcune inventate appositamente da altri per nascondere la verità. Da leggere

    Is this helpful?

    Wmoon said on Oct 14, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Entusiasmante, avvincente, intrigante, come un romanzo, peccato però che non si tratta di un romanzo ma della triste realtà che ha percorso una parte della storia di questo paese

    Is this helpful?

    Mcmartin74 said on Jun 28, 2011 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    E' una lettura devastante e lo dico senza retorica o eccessiva ingenuità. Intravedere cosa c'è dentro le mura del Vaticano fa davvero paura. Come si faccia ad essere ancora credenti, oggi, è l'unico mistero della fede che ho esperito.

    Is this helpful?

    Petulia said on Jun 7, 2011 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    "Il mistero Ali Agca, la scomparsa di Emanuela Orlandi, la strage delle guardie svizzere. Il più grande intrigo tra le mura vaticane"

    Ci si può forse anche rassegnare ad una assenza di verità giudiziaria, o anche di sentenze che non riescano a spieg ...(continue)

    "Il mistero Ali Agca, la scomparsa di Emanuela Orlandi, la strage delle guardie svizzere. Il più grande intrigo tra le mura vaticane"

    Ci si può forse anche rassegnare ad una assenza di verità giudiziaria, o anche di sentenze che non riescano a spiegare tutti i perchè ancora oscuri su alcune vicende del nostro passato.
    Ma l'ex magistrato Ferdinando Imposimato, non è uno di questi, uno che si rassegna a vivere con dei buchi neri sulla propria coscienza : nel libro intervista “Attentato al papa” racconta al giornalista Sandro Provvisionato la sua teoria sull'attentato contro la persona del papa Giovanni Paolo II, il 13 maggio del 1981. Una teoria costruita sulla base dell'esperienza personale: di questa vicenda si è occupato sebbene indirettamente come ex giudice a Roma (collaborando con i magistrati Priore e Martella giudice istruttore al processo sulla pista bulgara), ma una volta andato in pensione, ha continuato a seguire una sua indagine personale, sia per un suo bisogno immagine, e anche per l'amicizia con la famiglia Orlandi, di cui è diventato rappresentante legale.

    Cosa c'entra il caso Orlandi (il rapimento di una ragazza diciasettenne, nelle mura del Vaticano)? La sua teoria, esposta nel libro in modo accurato, mettendo assieme pezzi dell'inchiesta sull'attentato, spezzoni degli atti del processo (sulla pista internazionale dietro Ali Agca), ma anche andando ad intervistare persone coinvolte nell'intreccio (come ex esponenti della polizia politica della Germania Democratica, la Stasi), da un'unica spiegazione ai tre episodi raccontati: l'attentato al papa, il rapimento di Emanuela Orlandi (e anche di altri italiani, come Mirella Gregori) e l'omicidio del comandante della Guardia Svizzera, Alois Estermann, avvenuto nel maggio del 1998.

    Wojtyla sarebbe stato vittima di un attentato organizzato dal Kgb, per la sua politica di attacco ai regimi comunisti nell'est (e soprattutto nella sua Polonia). Attentato che sarebbe stato poi gestito dal Kgb e dai servizi segreti bulgari, che avevano (come dimostra bene l'autore) una forte penetrazione in Italia (persino in grado di influenzare il Sismi) e dentro il Vaticano (come il giornalista benedettino Brammertz e persino la persona di don Stanislao si pensa possa essere stato un tramite con i servizi polacchi). Per portare a termine l'attentato, i bulgari si appoggiarono alla mafia turca e a gruppi di estrema destra (su cui poi avrebbero scaricato le colpe), come i Lupi Grigi di cui Ali Agca era membro.
    Ali Agca molto probabilmente non era solo quel giorno a Roma: se le indagini (e la collaborazione del Vaticano) fosse stata più approfondita, forse si sarebbero trovate le prove di altre persone: Agca stesso, al processo istruito dal giudice Martella, ha contribuito a demolire la pista internazionale che avrebbe portato ad incriminare prima e prosciogliere poi, alcuni membri dei servizi bulgari. Antonov (funzionario della Balkan Air), Vassilev, Ayvazov.
    Pista che lui stesso andò a demolire, col suo atteggiamento durante il processo, in cui alternò fasi in cui sembrava voler collaborare (fornendo prove ritenute attendibili dei suoi contatti e dei suoi viaggi in giro per l'Europa) a momenti in cui vaneggiava come un novello Cristo.
    Come mai?

    Lo spiegano bene gli autori: le date sono importanti per capire i retroscena. Nel periodo in cui Agca inizia dal carcere a far capire di voler raccontare la sua storia , i servizi dell'est iniziano una loro campagna di intimidazione, di disinformazione e di “azioni attive”, nel gergo significa azioni criminali.
    Siamo nel maggio del 1983, il papa ha compiuto il suo secondo viaggio in Polonia.
    Due presunti magistrati bulgari si presentano di fronte ai colleghi romani per interrogare Agca: sono in realtà agenti bulgari (Petkov e Ormankov), venuti in Italia per minacciare il turco.
    Il 7 maggio 1983 scompare una ragazza a Roma: si chiama Mirella Gregori e di lei non se ne saprà più nulla.
    Il 22 giugno viene rapita Emanuela Orlandi a Roma: il primo a intuire le ragioni del rapimento è proprio Ali Agca, che due giorni dopo, inizia a ritrattare (per le minacce subite in carcere proprio dal falso magistrato Petkov, ed è lo stesso Agca ad ammetterlo anni dopo) quanto aveva iniziato a raccontare a Martella, sulla pista bulgara dietro l'attentato. E a demolire tutta la pista bulgara, archiviata definitivamente nel 1997.

    Sul rapimento della Orlandi (ma anche dell'altra ragazza, meno nota, la Gregori, anche lei rapita in Vaticano) si è parlato molto sulla stampa. L'autore è riuscito a mettere in luce, mettendo in fila le rivendicazioni, le telefonate, le lettere, la guerra di nervi portata avanti, per raggiungere diversi obiettivi: distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalla pista che portava all'est. Mettere in crisi il Vaticano, addossando le responsabilità sulla sorte della ragazza e, come ultimo obiettivo, attaccare il papa (per la sua politica anticomunista, a favore di Solidarnosc).
    Una campagna di disinformazione, portata avanti dalle menti della Stasi, approfondita nella seconda parte del libro all'autore direttamente dagli agenti della Stasi stessa (anni dopo la caduta del muro): l'agente Wolf (agente della Stasi a Berlino) e Bohnsack (capo della branca della Stasi che si occupava della disinformatja) per inseguire le tracce dell'Operation papst, nei dossier della Stasi.

    Le spie in Vaticano
    Come è stata possibile quest'opera di disinformazione, come facevano i rapitori a conoscere quasi in tempo reale le mosse del giudice Domenico Sica (il pm che seguiva il caso)? Grazie ad una rete di spie nel Vaticano: il giornalista benedettino Eugen Brammertz e anche (pure questo rivelato seguendo i dossier della Stasi) persino membri della Guardie Svizzere che avrebbero dovuto proteggere il papa. Come l'allora capitano Alois Estermann, ucciso il 4 giugno 1998, nel suo appartamento: ufficialmente per un raptus di follia da parte del vicecaporale Cedric Tornay.
    Anche questa una triste vicenda di sangue, archiviata troppo in fretta senza chiamare in causa la magistratura italiana per le indagini e con troppa opacità nel rendere pubblici gli atti dell'inchiesta. Troppo per non suscitare seri dubbi , nel giudice Imposimato: l'omicidio suicidio sarebbe in realtà una messa in scena per togliere di scena un testimone imbarazzante.
    Sempre dai colloqui con gli ex membri della Stasi (e dai vecchi documenti della temibile polizia della DDR) si scopre che esisteva un'agente a libro paga di nome Werder, dentro il Vaticano. Proprio il capitano Estermann.
    Che sarebbe stato ucciso nel 1998 (e i suoi documenti trafugati) per toglierlo di mezzo, per evitare che si mettesse in pista dei ricatti per i fatti nelle mura Vaticane di cui era in possesso.

    Nel corso del libro Imposimato demolisce la suggestiva pista della Banda della Magliana, come responsabile del rapimento della povera Emanuela Orlandi. Per alcuni semplici motivi: le presunte rivelazioni della superteste Minardi si sono smentite da sole (per le troppe inesattezze) e poi, e questa è la cosa più importante, la banda non avrebbe avuto sufficienti entrature dentro i servizi dell'est, e dentro il Vaticano, per poter gestire tutta la mole di messaggi, lettere da tutto il mondo (anche dall'america).

    Infine il ruolo dei servizi: il Sismi sapeva che i due magistrati bulgari erano in realtà agenti venuti in Italia per inquinare le prove e destabilizzare il processo.
    Eppure, il nostro servizio segreto, all'epoca inquinato dalla presenza della loggia P2, non avvisò la magistratura. Destabilizzare per stabilizzare il potere politico al centro.
    Lo SDECE avvisò il Vaticano di possibili attentati nei confronti del papa (per prima del maggio 1981): anche qui, in Vaticano in molti sapevano (come il cardinale Casaroli). Eppure, quell'informazione non fu usata per prevenire e per poi indicare una pista.

    Se, al termine della lettura, la pista indicata da Imposimato permette di spiegare i tanti misteri sui segreti del Vaticano, rimangono ancora troppe domande senza risposta: a cominciare dalla più terribile. Emanuela è ancora viva?
    E poi, come spiegare il velo di oblio che il Vaticano stesso ha steso su tutti gli aspetti di questa vicenda: “l'accertamento della verità si è rivelato un percorso ad ostacoli non solo per i magistrati , cui furono negate non poche rogatorie , ma anche per gli storici, che non possono accedere ai documenti su quei fatti conservati negli archivi vaticani”.

    Is this helpful?

    alduccio said on May 29, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (77)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Mass Market Paperback 368 Pages
  • ISBN-10: 8861901204
  • ISBN-13: 9788861901209
  • Publisher: Chiarelettere
  • Publish date: 2011-05-12
Improve_data of this book