Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Atti innaturali, pratiche innominabili

Di

Editore: Bompiani (Letteratura moderna)

3.6
(184)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 153 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ranieri Carano

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Atti innaturali, pratiche innominabili?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo "Ritorna, dottor Caligari", un'altra raccolta di short stories di Donald Barthelme. Lo stile di Barthelme è quello sperimentale e pirotecnico che i lettori già conoscono; nei suoi racconti è facile trovare una metropoli contemporanea invasa dai pellerossa, un pallone aerostatico che si espande fino a coprire il cielo di Manhattan, un Esame Nazionale per gli Scrittori con tanto di diploma finale, e Bob Kennedy in mantellina nera, maschera e spada: Barthelme riesce come nessun altro a mescolare i materiali pop della cultura americana, a ridisegnare l'universo in maniera esilarante, inquietante o commovente.
Ordina per
  • 5

    15 irresistibili racconti pop

    Donald Barthelme è stato uno dei grandi innovatori della narrativa americana del dopoguerra. Nel 1964 irrompeva per la prima volta sulla scena letteraria con fulminanti collage narrativi che miscelano ...continua

    Donald Barthelme è stato uno dei grandi innovatori della narrativa americana del dopoguerra. Nel 1964 irrompeva per la prima volta sulla scena letteraria con fulminanti collage narrativi che miscelano in maniera geniale immaginario pop e cultura alta, ambientazioni borghesi e invenzioni fantastiche. Quasi un nuovo genere di dadaismo, che dietro il caos apparente e la virtuosistica giustapposizione di immagini disegna in realtà un quadro precisissimo – e crudele – della condizione della civiltà contemporanea. (Minimum Fax)

    ha scritto il 

  • 3

    Alti e bassi come in ogni raccolta di racconti, ma con in mezzo un piccolo capolavoro, "Il Pallone", non a caso fonte di ispirazione per D. F. Wallace.
    Leggerò altro di Barthelme...

    ha scritto il 

  • 1

    mah?

    Sarò io lo stupido, probabilmente, ma non riesco a capire il senso di quello che sto leggendo.
    In parte è frustrante, in parte si ha la vaga sensazione di venire presi per i fondelli... Ma probabilmen ...continua

    Sarò io lo stupido, probabilmente, ma non riesco a capire il senso di quello che sto leggendo.
    In parte è frustrante, in parte si ha la vaga sensazione di venire presi per i fondelli... Ma probabilmente sono io che ho dei limiti..

    ha scritto il 

  • 5

    ATTI INNATURALI, PRATICHE INNOMINABILI

    Le parole di Donald sono come caramelle fasciate di carta scintillante, che si sciolgono dolcissime sulla lingua tingendola di rosso sangue. E non t’importa di sapere cosa c’è dentro, perché sono deli ...continua

    Le parole di Donald sono come caramelle fasciate di carta scintillante, che si sciolgono dolcissime sulla lingua tingendola di rosso sangue. E non t’importa di sapere cosa c’è dentro, perché sono deliziose, e questo ti basta. Dice Aimee Bender nella prefazione a questa raccolta di racconti: «Donald Barthelme è uno di quegli scrittori che, nel ridisegnare l’universo in maniera esilarante, grottesca o puramente assurda, hanno il dono di trasformare “un involucro di arguzia in un abisso di profondità”». Una sintesi perfetta. Non c’è altro da aggiungere.

    ha scritto il 

  • 3

    Pop!

    Intuisco con chiarezza lo spessore della scrittura di Barthelme; ma credo anche di poter dire definitivamente che il postmoderno non fa per me.
    Abbandonato.

    ha scritto il 

  • 4

    Bisognava leggerlo prima. Voglio dire, rispetto all'uscita. Avrei potuto. Letto adesso, dopo tanto e tanto altro, credo di avergli tolto gran parte della propulsione.

    L'impressione è che venga defini ...continua

    Bisognava leggerlo prima. Voglio dire, rispetto all'uscita. Avrei potuto. Letto adesso, dopo tanto e tanto altro, credo di avergli tolto gran parte della propulsione.

    L'impressione è che venga definito "pop" solo perché nel primo racconto vi si costruisce una barricata con oggetti da supermercato.

    ha scritto il 

  • 4

    Si tratta di racconti.
    Di racconti americani, tra l'altro; quindi a rigor di logica dovrebbero essere noiosi ed estremamente sopravvalutati, come tutti i racconti americani.
    Questi, al contrario, sono ...continua

    Si tratta di racconti.
    Di racconti americani, tra l'altro; quindi a rigor di logica dovrebbero essere noiosi ed estremamente sopravvalutati, come tutti i racconti americani.
    Questi, al contrario, sono intelligenti ed estremamente sottovalutati.
    Una rarità

    ha scritto il