Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Aurora

Pensieri sui pregiudizi morali

By Friedrich Nietzsche

(18)

| Paperback | 9788854134645

Like Aurora ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Eticità non è nient'altro (e quindi niente più) che obbedienza ai costumi, di qualunque tipo possano essere; i costumi però sono il modo tradizionale di agire e di valutare. [...] L'uomo libero è privo di etica, perché in tutto vuol dipendere da sé e Continue

Eticità non è nient'altro (e quindi niente più) che obbedienza ai costumi, di qualunque tipo possano essere; i costumi però sono il modo tradizionale di agire e di valutare. [...] L'uomo libero è privo di etica, perché in tutto vuol dipendere da sé e non da una tradizione". Da questa contrapposizione tra individualità e socialità prendono le mosse 575 pensieri sulla morale, sull'azione dell'uomo e sulla libertà e l'autodeterminazione del singolo. Pubblicata nel 1881, dunque dopo "Umano troppo umano" e prima di "La gaia scienza", "Aurora" è un'opera composta da aforismi ora articolati e complessi, ora di fulminante e incisiva brevità.

13 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful


    Penso che, ogni tanto, lo prenderò dallo scaffale, lo aprirò a caso e leggerò un aforisma.
    Per ricordare che pensieri così profondi possono cambiare il modo di vedere il mondo.

    Is this helpful?

    .:. Primix .:. said on Dec 31, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    “Aurora” segna un ulteriore tappa dell’evoluzione del pensiero di Nietzsche. Nel recensire i libri del filosofo tedesco rischio di ripetermi e di apparire finanche patetico nel sottolineare continuamente quanto mi sia difficile questo compito. Anche ...(continue)

    “Aurora” segna un ulteriore tappa dell’evoluzione del pensiero di Nietzsche. Nel recensire i libri del filosofo tedesco rischio di ripetermi e di apparire finanche patetico nel sottolineare continuamente quanto mi sia difficile questo compito. Anche in questo caso, infatti, così come per “Umano troppo umano”, mi tocca ribadire che la rilettura è stata un’esperienza nuova, appagante, per quanto sempre “difficile”.
    “Aurora” prosegue nel solco tracciato da “Umano, troppo umano”, ma il bersaglio polemico si è spostato. Se il precedente libro segnava il distacco dalla concezione estetica del mondo, in “Aurora” assistiamo a un’ulteriore presa di coscienza da parte di Nietzsche: il mondo non solo non ha un senso estetico, e quindi l’arte non può spiegarlo (può lenire, tuttavia), ma non ha nemmeno un senso morale, se per “morale” intendiamo ciò che finora abbiamo considerato come certo, acquisito, rispettabile, solo perché una qualche tradizione, più o meno imposta, più o meno inconscia, ci impone di seguire.
    Di conseguenza, Nietzsche si scaglia in un’analisi impietosa di tutto ciò che è stato spacciato per “verità”, di tutto ciò che è stato messo a presupposto di una visione della realtà improntata all’esistenza del Bene e del Male. Il cristianesimo, in quest’ottica, è certamente uno dei bersagli più in vista, anche se non vi è ancora quella ferocia che caratterizzerà il successivo “Anticristo”. Non vi è anche perché lo stile di “Aurora”, benché aforistico e potente, fa pensare, appunto, piuttosto a una placida aurora del pensiero, a un nitore, una chiarezza, una lucidità totale, che non a una tempesta, pure latente, quasi che in quest’opera il filosofo fosse riuscito a dimenticare se stesso.
    “Sono lucido come se non esistessi”, scrisse Pessoa in ben altra occasione. Ecco, ho pensato a quelle parole leggendo le pagine di Aurora.
    Circa il contenuto, rimando alla lettura, segnalo, per l’appunto, una maggiore attenzione sul tema della “morale”. Non mancano, né potevano mancare, riferimenti a Platone, Kant, Schopenhauer, Goethe, Spinoza, Pascal, Voltaire, Diderot, San Paolo e tanti altri che sono stati necessari oggetto di confronto/scontro con la mente di Nietzsche.
    Rimando inoltre, per coloro che volessero approfondire meglio l’argomento, ai libri, di Giorgio Colli, “Scritti su Nietzsche” e a quello di Mazzino Montinari, “Che cosa ha detto Nietzsche”, tutti e due editi da Adelphi.

    Is this helpful?

    Sisifo77 (Antonio Di Leta) said on Jan 21, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Libro di transizione verso quelli che poi saranno i veri capolavori del buon baffone, Aurora è di sicuro una lettura più piacevole di Umano, troppo umano.

    Is this helpful?

    rfranz said on Jan 19, 2012 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    "Se si tace per un anno si disimpara a chiacchierare e si impara a parlare." Se pensate che Oscar Wilde scrivesse begli aforismi, leggete e piangete.

    Is this helpful?

    Arika said on May 27, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Stupendo... per capire cosa è la morale, come nasce e come distrugge, la sua inutilità!

    Is this helpful?

    N01ser said on Apr 27, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (18)
    • 5 stars
    • 4 stars
  • Paperback 221 Pages
  • ISBN-10: 8854134643
  • ISBN-13: 9788854134645
  • Publisher: Newton Compton (Grandi tascabili economici)
  • Publish date: 2012-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book