Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Auschwitz

Ero il numero 220543

By Denis Avey,Rob Broomby

(1001)

| Hardcover | 9788854131958

Like Auschwitz ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nel 1944 Denis Avey, un soldato britannico che stava combattendo nel Nord Africa, viene catturato dai tedeschi e spedito in un campo di lavoro per prigionieri.
Durante il giorno si trova a lavorare insieme ai detenuti del campo vicino chiamato Ausch Continue

Nel 1944 Denis Avey, un soldato britannico che stava combattendo nel Nord Africa, viene catturato dai tedeschi e spedito in un campo di lavoro per prigionieri.
Durante il giorno si trova a lavorare insieme ai detenuti del campo vicino chiamato Auschwitz.
Inorridito dai racconti che ascolta, Denis è determinato a scoprire qualcosa in più. Così trova il modo di fare uno scambio di persone: consegna la sua uniforme inglese a un prigioniero di Auschwitz e si fa passare per lui.
Uno scambio che significa nuova vita per il prigioniero mentre per Denis segna l'ingresso nell'orrore, ma gli concede anche la possibilità di raccogliere testimonianze su ciò che accade nel lager.
Quando milioni di persone avrebbero dato qualsiasi cosa per uscirne, lui, coraggiosamente, vi fece ingresso, per testimoniare un giorno la verità.
La storia è stata resa pubblica per la prima volta da un giornalista della BBC, Rob Broomby, nel novembre 2009.
Grazie a lui Denis ha potuto incontrare la sorella del giovane ebreo che salvò dal campo.
Nel marzo del 2010, con una cerimonia presso la residenza del Primo ministro del Regno Unito, è stato insignito della medaglia come "eroe dell'Olocausto".

128 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Trovo difficile recensirlo...mi sono commossa e mi sono disgustata seguendo il protagonista e narratore ma non posso esprimere il mio parere, non si può giudicare una simile testimonianza e la storia di una vita..neanche dal punto di vista stilistico ...(continue)

    Trovo difficile recensirlo...mi sono commossa e mi sono disgustata seguendo il protagonista e narratore ma non posso esprimere il mio parere, non si può giudicare una simile testimonianza e la storia di una vita..neanche dal punto di vista stilistico!!

    Is this helpful?

    Artemide said on Oct 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il titolo, come al solito, è fuorviante. Ti aspetti un libro su Auschwitz e invece si tratta delle memorie di un soldato inglese che ha fatto la II guerra mondiale, passando anche da lì e, per sua fortuna, venendo fuori, ma portando negli occhi e nel ...(continue)

    Il titolo, come al solito, è fuorviante. Ti aspetti un libro su Auschwitz e invece si tratta delle memorie di un soldato inglese che ha fatto la II guerra mondiale, passando anche da lì e, per sua fortuna, venendo fuori, ma portando negli occhi e nella mente l'orrore, della guerra in generale.

    Is this helpful?

    Costa said on Aug 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    la storia vera di un soldato inglese che per due volte riesce ad organizzare uno scambio di persona e a verificare con i suoi occhi e sulla sua pelle cosa devono sopportare gli ebrei prigionieri nei lager... molto bello...

    Is this helpful?

    Simona said on Jul 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Titolo fuorviante. E' infatti il diario di un soldato inglese nella seconda guerra mondiale che si svolge per la massima parte altrove da Auschwitz.
    Scrittura piatta, senza il minimo pathos. Biografie di questo tipo sulle 2nda guerra e sulla vita nei ...(continue)

    Titolo fuorviante. E' infatti il diario di un soldato inglese nella seconda guerra mondiale che si svolge per la massima parte altrove da Auschwitz.
    Scrittura piatta, senza il minimo pathos. Biografie di questo tipo sulle 2nda guerra e sulla vita nei campi di concentramento, ma molto più coinvolgenti ce ne sono a bizzeffe.
    E poi descrive in modo piuttosto spregiativo il comportamento degli italiani in Nord Africa, sorvolando tranquillamente....poche righe quasi elogiative....sic! sulla ritirata degli inglesi a Dunkerque.

    Is this helpful?

    shellback said on Jun 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tralasciando il titolo fuorviante che lascia pensare una storia differente, questo libro, ben scritto, è consigliatissimo. Per non dimenticare gli orrori della guerra e per non dimenticare gli orrori dei campi di sterminio. MAI.

    Is this helpful?

    Nirvana said on May 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    libro che si dovrebbe leggere per non dimenticare

    Is this helpful?

    Macmo82 said on May 5, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (1001)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Hardcover 329 Pages
  • ISBN-10: 8854131954
  • ISBN-13: 9788854131958
  • Publisher: Newton Compton (I volti della storia; 221)
  • Publish date: 2011-10-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book

Margin notes of this book