Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Autore ignoto presenta

Racconti scelti e introdotti da Gianni Celati

Di

Editore: Einaudi (Letture, 15)

4.1
(27)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 370 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806192469 | Isbn-13: 9788806192464 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Gianni Celati , Irene Babboni

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Autore ignoto presenta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Che Delfini sia stato autore irregolare, stravagante, dispersivo l'hanno detto in molti. Che sia stato un grande scrittore prova a spiegarlo ora Gianni Celati con questa antologia di racconti editi e inediti.
L'incontro letterario fra Delfini e Celati tocca il cuore della letteratura, la sua necessità, le sue ragioni, che stanno tra l'angoscia e il rifiuto del «pensare bene». Un libro che è la consacrazione di uno scrittore importante, con le sue pagine più belle e più rappresentative, ma anche una sofferta e appassionata dichiarazione di poetica, di politica, di vita.
Nessun autore italiano è stato mai più lontano di Delfini dall'idea di essere padrone della lingua, dunque di poter padroneggiarla come una tecnica.
Nei suoi racconti si intravede una convinzione opposta: che la lingua ne sappia sempre più di noi, e che nei suoi ritmi, nella sua musica, ci sia un elemento materno che ci guida.
È qualcosa che si avverte bene quando i personaggi delfiniani si affidano a un estro canterino, e si lanciano a cantare parole vaghe, frasi in libertà, glossolalie. È una forma di distensione fantasticante, un abbandonarsi alle parole senza creare troppe tensioni.
C'è una morale in tutto questo.
Perché quando si presume che le parole debbano seguire le nostre consapevoli intenzioni, viene un peso in testa che schiaccia l'immaginazione, e rende l'opera di scrivere come un martellamento delle parole per farle andare a posto. È qui che lo svogliato si trova a capire la lingua meglio dell'uomo volitivo, proprio perché la usa come puro suono, alla maniera di una canzonetta. Questa è la strada di Delfini. La purezza di Delfini sta in un alleggerimento del peso del linguaggio - dove non può esserci l'idea di un'espressione perfetta - perché si tratta di sapersi abbandonare alla parole come quando si canticchia a vanvera.
Ordina per
  • 5

    Un autore ingenuo, un po' infantile ci guida nel mondo provinciale della modena del fascismo e post-fascismo con tenerezza e ironia, tra impegno politico e avventure sentimentali...Divertentissima la scena in cui dà in escandescenze in una serata al partito fascista di modena tirando birra (o alt ...continua

    Un autore ingenuo, un po' infantile ci guida nel mondo provinciale della modena del fascismo e post-fascismo con tenerezza e ironia, tra impegno politico e avventure sentimentali...Divertentissima la scena in cui dà in escandescenze in una serata al partito fascista di modena tirando birra (o altri liquidi, non ricordo bene) in faccia a tutti i presenti....Consigliatissimo a tutti, se non fosse per il prezzo astronomico (ventiquattro euro per un libro in brossura!!!)

    ha scritto il 

  • 3

    incompiuto e abbozzato per scelta. alterna momenti geniali e (molte) pagine sciatte. sconfessa in pieno le tesi naif: grandi intuizioni senza lavoro spesso sprecano la loro potenza. per amanti di toni sommessi, colori pastello, e piccole cose di pessimo gusto.

    ha scritto il