Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Avere e non avere

Di

Editore: Einaudi

3.8
(430)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806045911 | Isbn-13: 9788806045913 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , Travel

Ti piace Avere e non avere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    ùbris. ciononostante

    c'è del blasfemo nel dare, io, solo tre stelle a hemingway. sono sinceramente a disagio e mi aspetto che gli dei mi puniscano per l'intollerabile ùbris. eppure, nella mia personale tassonomia di uno degli autori che amo di più, questo capitolo cubano riveste un ruolo totalmente secondario.

    ha scritto il 

  • 3

    - perché tanta amarezza? - non voglio che sia finita. ma lo è, e non c'è più niente da fare.

    « abbiamo preso tante di quelle bastonate che il nostro unico orgoglio è saper incassare. »

    « 'comunque vada, un uomo solo non ha uno straccio di possibilità.'
    chiuse gli occhi. gli ci era voluto molto tempo per dirlo e tutta la vita per impararlo. »

    ha scritto il 

  • 5

    L’Avana. Alla mattina presto “coi vagabondi ancora addormentati lungo i muri, prima che i furgoni del ghiaccio comincino il loro giro dei bar”, Harry Morgan viene avvicinato in un locale da tre

    continua a leggere su

    http://www.mangialibri.com/node/12760

    ha scritto il 

  • 4

    avere o essere?

    Questo romanzo cubano è uno dei meno belli fra quelli di Hemingway, parere assolutamente personale.
    dentro c'è una Cuba, marginale e romanzata, con personaggi desolatamente alcolizzati, disperati, senza un motivo valido per vivere e troppo vigliacchi per morire.
    Forse lo scrittore ch ...continua

    Questo romanzo cubano è uno dei meno belli fra quelli di Hemingway, parere assolutamente personale.
    dentro c'è una Cuba, marginale e romanzata, con personaggi desolatamente alcolizzati, disperati, senza un motivo valido per vivere e troppo vigliacchi per morire.
    Forse lo scrittore che s'intravede verso la fine è lui?
    Sicuramente l'attacco a certa borghesia americana è feroce e palpabile, come una certa vena maschilista che sa molto di rabbia finalizzata.
    C'è sempre da imparare da un maestro.
    Molti dialoghi, molto efficaci.

    ha scritto il 

  • 4

    Forse il romanzo più politico di Hemingway. Il suo eroe, Harry Morgan, è un contrabbandiere, e si muove sullo sfondo dei mari del Golfo, tra le Keys e Cuba. Tre racconti legati dal protagonista.


    Una particolarità: il libro contiene quella che è stata definita la "migliore scena di sesso" d ...continua

    Forse il romanzo più politico di Hemingway. Il suo eroe, Harry Morgan, è un contrabbandiere, e si muove sullo sfondo dei mari del Golfo, tra le Keys e Cuba. Tre racconti legati dal protagonista.

    Una particolarità: il libro contiene quella che è stata definita la "migliore scena di sesso" della letteratura del XX secolo.

    In realtà, è uno dei libri minori dell'autore, apprezzabile, ma non un capolavoro.

    ha scritto il 

  • 3

    Un solo grande personaggio.

    Un personaggio memorabile — il contrabbandiere Harry Morgan — che naviga sulla pagina con molta più forza esplosiva della storia imbastita da Hemingway per trasformare i primi due bellissimi racconti (che vedono appunto H. Morgan protagonista assoluto), in un romanzo "sociale" mal riuscito e priv ...continua

    Un personaggio memorabile — il contrabbandiere Harry Morgan — che naviga sulla pagina con molta più forza esplosiva della storia imbastita da Hemingway per trasformare i primi due bellissimi racconti (che vedono appunto H. Morgan protagonista assoluto), in un romanzo "sociale" mal riuscito e privo, a mio giudizio, della forza evocativa e corale presente, ad esempio, in "Manhattan Transfer" di Dos Passos,

    ha scritto il 

  • 4

    Immoralmente vero

    Mi piace sicuramente più di grandi classici come "Per chi suona la campana", perché non è mai stucchevole nei dialoghi e ruota intorno a un personaggio senza qualità morali che lo rendano desiderabile.
    E proprio per questo è fortemente identificabile con ciascuno.

    ha scritto il