Avevano spento anche la luna

Di

Editore: Mondolibri

4.3
(1366)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 298 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Olandese , Spagnolo , Portoghese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Slovacco , Tedesco

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Roberta Scarabelli

Disponibile anche come: eBook

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Avevano spento anche la luna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Non so, forse è perchè sapevo già cosa erano i campi di lavoro russi, forse perchè ho letto I racconti della Kolyma e Il racconto di Peuw bambina cambogiana, ossia testimonianze di chi a quegli orrori ...continua

    Non so, forse è perchè sapevo già cosa erano i campi di lavoro russi, forse perchè ho letto I racconti della Kolyma e Il racconto di Peuw bambina cambogiana, ossia testimonianze di chi a quegli orrori è sopravvissuto davvero, ma questo libro mi è sembrato senz'anima e - per certi versi - la fiera della banalità.
    La storia di Lina, quindicenne lituana deportata in Siberia con madre e fratellino, non mi ha trasmesso niente: la paura, la sofferenza, la perdita progressiva dell'umanità in favore dell'istinto di sopravvivenza... non li ho avvertiti in nessun momento, e anzi in certi punti ho provato un discreto fastidio verso i personaggi: la mamma, il cliché dell'anima candida che niente riesce a macchiare, che prova compassione per chiunque e che probabilmente avrebbe teso una mano anche a Hitler perche Lei È Buona™, è un personaggio non solo improbabile ma ad un certo punto fuori luogo. Lina è fin troppo moderna: mi è sembrata un'adolescente di oggi che si indigna per quegli eventi storici più che una vittima che li stava subendo. Le condizioni di vita atroci... si sente che le ha scritte qualcuno che non le ha vissute e che, ovviamente, non può comprenderne la piena portata.
    Avevamo freddo, avevamo fame, eravamo deboli...
    Non so. I voti così alti mi fanno davvero pensare che la mia esperienza di lettura sia stata così negativa perchè tutti i libri che ho letto che parlano di deportazione - in qualsiasi nazione, per qualsiasi regime - li hanno scritti i sopravvissuti, e le loro testimonianze sono, per forza di cose, più potenti.

    ha scritto il 

  • 4

    "Due sovietici stavano trascinando un prete lungo la banchina. Aveva le mani legate e la tonaca sporca di sangue. Perchè un prete? Ma in fondo...perchè chiunque di noi?"

    ha scritto il 

  • 5

    Questo romanzo è molto toccante perché narra la situazione estrema in cui vivevano le persone deportate dalla polizia sovietica e ti fa riflettere sulla vita perchè mentre loro non avevano niente e mo ...continua

    Questo romanzo è molto toccante perché narra la situazione estrema in cui vivevano le persone deportate dalla polizia sovietica e ti fa riflettere sulla vita perchè mentre loro non avevano niente e morivano pian piano,noi abbiamo ogni giorno tutto ciò di cui abbiamo bisogno e dobbiamo ritenerci fortunati. Penso che sia uno dei migliori libri che abbia letto e credo che difficilmente me ne dimenticherò.

    ha scritto il 

  • 4

    Avevano spento anche la luna

    Tristemente stupendo per l'argomento trattato. Un capitolo della storia a me sconosciuto raccontato da una ragazzina , forse anche per questo diventa ancora più struggente. Un libro che non si dimen ...continua

    Tristemente stupendo per l'argomento trattato. Un capitolo della storia a me sconosciuto raccontato da una ragazzina , forse anche per questo diventa ancora più struggente. Un libro che non si dimentica facilmente.

    ha scritto il 

  • 5

    L'orrore raccontato da una bambina coraggiosa. Il linguaggio semplice che narra una tragedia ignorata da molti rende queste pagine tanto scorrevoli quanto tristi. Penso che leggere libri come questo s ...continua

    L'orrore raccontato da una bambina coraggiosa. Il linguaggio semplice che narra una tragedia ignorata da molti rende queste pagine tanto scorrevoli quanto tristi. Penso che leggere libri come questo sia un dovere morale.
    Leggetelo e informatevi sugli orrori che furono commessi, nella speranza ( lo ammetto, purtroppo vana) che non vengano più ripetuti.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro ha un scrittura semplice, facile ma è proprio questo che lo rende disarmante...
    Non puoi restare indifferente alla storia di questa famiglia...
    Consigliato a tutti...leggetelo..!! ...continua

    Questo libro ha un scrittura semplice, facile ma è proprio questo che lo rende disarmante...
    Non puoi restare indifferente alla storia di questa famiglia...
    Consigliato a tutti...leggetelo..!!

    ha scritto il 

  • 4

    “Avevano spento anche la luna” è un romanzo struggente che tutti dovrebbero leggere. E’ una testimonianza, anche se indiretta, degli orrori dei Gulag usati come strumento di repressione. Lina rapprese ...continua

    “Avevano spento anche la luna” è un romanzo struggente che tutti dovrebbero leggere. E’ una testimonianza, anche se indiretta, degli orrori dei Gulag usati come strumento di repressione. Lina rappresenta la sofferenza e il coraggio di più di venti milioni di persone uccise “nel periodo del terrore”. Oggi c’è ancora chi nega questa realtà.

    Emozioni profonde mi hanno fatto compagnia durante la lettura di questo romanzo crudele nella sua realtà. [...]

    recensione completa su: http://pennadoro.blogspot.it/2015/01/recensione-avevano-spento-anche-la-luna.html

    ha scritto il 

  • 4

    un lbro ben scritto che ti trascina alla fine. Un libro da leggere perchè importante sapere i grandi crimini sulla terra taciuti.
    Consiglio questo libro a chi vuole colmare un vuoto a lungo taciuto ...continua

    un lbro ben scritto che ti trascina alla fine. Un libro da leggere perchè importante sapere i grandi crimini sulla terra taciuti.
    Consiglio questo libro a chi vuole colmare un vuoto a lungo taciuto

    ha scritto il 

Ordina per