Avventure della ragazza cattiva

Di

Editore: Einaudi

4.1
(2144)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 357 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Svedese , Inglese , Tedesco , Portoghese , Francese , Sloveno , Olandese

Isbn-10: 880618377X | Isbn-13: 9788806183776 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Glauco Felici

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Avventure della ragazza cattiva?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ricardo conosce la "ragazza cattiva" da adolescente, a Lima, e per trent'anni la rincorre in lungo e in largo per il mondo, colpito da un amore folle e sconsiderato. Lei ama nascondersi sotto false identità, è sempre in fuga da qualcosa, irretita da ideali politici, alla ricerca di libertà, ma anche di patrimoni da depredare. La rincontra a Parigi, dove lei è di passaggio, guerrigliera della MIR destinata all'addestramento a Cuba: sull'isola seduce un capo castrista, poi un diplomatico francese che la riporta con sé in Europa. Seduce poi un benestante inglese, per poi finire con un mafioso giapponese, che la devasta nel morale e nel fisico con ripetute, terribili violenze sessuali. Ogni volta Ricardo è lì a proteggerla. E ogni volta lei riprende la sua via di fuga.
Ordina per
  • 3

    Prosa semplice e scorrevole. Mi aspettavo un viaggio nell'anima dei protagonisti, non un parziale realismo delle due figure all'estremo opposto fra opportunismo, arrivismo ed egoismo da un lato e umil ...continua

    Prosa semplice e scorrevole. Mi aspettavo un viaggio nell'anima dei protagonisti, non un parziale realismo delle due figure all'estremo opposto fra opportunismo, arrivismo ed egoismo da un lato e umiliazione, debolezza e romanticismo (cieco) dall'altra. Sebbene un amore malato - è anche sbagliato usare il termine "amore", qui non abbiamo comunione delle anime, ma bisogni dei singoli - possa esistere, trovo esagerato la scelta dei due comportamenti estremi. Ogni uomo o donna è un insieme di colori, siamo sfumature di grigio non bianchi o neri.
    Insensati anche gli incontri casuali sparsi per il mondo.

    In quest'ultimo caso posso credere al ricorso, molto sudamericano, al realismo magico, in cui le energie e il fato ti conducono nelle circostanze più improbabili.
    L'assenza di profondità dei personaggi, che sono caratterizzati da qualità estreme che porterebbe a credere di avere davanti un santo e una indemoniata, mi fa pensare alla trasposizione dello scrittore nel personaggio "buono". Così potrebbe avere un senso il romanzo, via d'espressione di M.V.L. che, nella mia ipotesi, preso per il naso da una donna per un lungo periodo, in questo modo si cuce l'abito del martire ingabbiato in un amore cieco da una Circe senza scrupoli, fino alla pseudo redenzione finale della maga mitologica in veste peruviana.
    A prescindere da questa opzione, mi viene spontaneo un "Mah", l'ha scritto un premio Nobel no?

    ha scritto il 

  • 4

    "In verità c'era in lei qualcosa che era impossibile non ammirare, per quei motivi che ci portano ad apprezzare le opere ben fatte, anche se perverse."
    Uno stile fresco e garbato, leggero, non banale ...continua

    "In verità c'era in lei qualcosa che era impossibile non ammirare, per quei motivi che ci portano ad apprezzare le opere ben fatte, anche se perverse."
    Uno stile fresco e garbato, leggero, non banale né raffinato.
    Si legge che è un piacere e ti rimane nella memoria.

    ha scritto il 

  • 5

    Siamo tutti un po' buoni e un po' cattivi..

    Non riesco a razionalizzare questo pianto che mi ha preso tutto insieme
    a dieci,quindici pagine dalla fine.
    Da qualche parte ricordo di aver letto che questo romanzo ha una sola controindicazione: rim ...continua

    Non riesco a razionalizzare questo pianto che mi ha preso tutto insieme
    a dieci,quindici pagine dalla fine.
    Da qualche parte ricordo di aver letto che questo romanzo ha una sola controindicazione: rimestare il passato e far riaffiorare ricordi,situazioni,pensieri che sembravano finiti nel dimenticatoio.
    E' così. O almeno per me lo è stato.

    Me ne sono innamorata perdutamente.

    ha scritto il 

  • 5

    Il dono di una persona sconosciuta..

    Ho saputo di Vargas quest'estate, una persona a me cara mi ha raccontato di lui, del loro incontro a Palermo.. Mi ero ripromessa di leggere di lui, ma probabilmente non lo avrei fatto così presto se a ...continua

    Ho saputo di Vargas quest'estate, una persona a me cara mi ha raccontato di lui, del loro incontro a Palermo.. Mi ero ripromessa di leggere di lui, ma probabilmente non lo avrei fatto così presto se a fine dicembre questo libro non mi avesse cercata e trovata. Durante una serata organizzata dalla libreria Modus Vivendi ogni libro veniva presentato ad alta voce e chi lo sentiva più suo si avvicinava.. Il libraio ha detto di lui: "questo libro è per una ragazza monella" e la mia Amica mi ha guardata dicendomi che secondo lei potevo avvicinarmi e poi ancora il libraio: "...e per una persona complicata " a quel punto un'altra persona che mi conosce come le sue tasche ha detto: "vai è il Tuo"..e così è stato.
    Una storia stupenda, piena di attesa..ma quanto tempo sprecato, quanti ricordi rubati..magari l'Amore è così o più probabilmente l'Amore così non esiste..
    Sapevo già che ci sono legami che non scompaiono mai e Vargas mi ha detto che la pensa come me, mi ha detto che il tempo e gli spazi non esistono, che non esiste il male e il bene e che, anche quando le azioni dimostrano una verità tangibile..la realtà è sempre un'altra..
    La dedica che ho trovato sul libro dice così: "inquietudine e passione senza le quali non c'è anima"
    Grazie mio Amico lettore, grazie di avermi donato queste emozioni..

    ha scritto il 

  • 5

    Il maestro Mario riuscirebbe a rendere piacevole e coinvolgente pure il catalogo del Postalmarket che fu. Anche esagerato, forse inverosimile (ma l'amore non si controlla). Sul podio dei miei autori p ...continua

    Il maestro Mario riuscirebbe a rendere piacevole e coinvolgente pure il catalogo del Postalmarket che fu. Anche esagerato, forse inverosimile (ma l'amore non si controlla). Sul podio dei miei autori preferiti.

    ha scritto il 

  • 5

    Il mio primo incontro con Vargas Llosa: fatale come quello tra il Pichiruci e la niña mala. Un libro che vi toglierà il sonno per il desiderio di sapere come va a finire!! Imperdibile

    ha scritto il 

  • 4

    La nina mala

    Non il migliore di Vargas Llosa.Chi ha letto altro sa cosa intendo.Comunque piacevole e gustoso anche se un po'ripetitivo.Difficile da dimenticare la storia della nina mala.E qualche schiaffone a Rica ...continua

    Non il migliore di Vargas Llosa.Chi ha letto altro sa cosa intendo.Comunque piacevole e gustoso anche se un po'ripetitivo.Difficile da dimenticare la storia della nina mala.E qualche schiaffone a Ricardito,certo, glielo avrei mollato con piacere.

    ha scritto il 

  • 5

    È uno di quei libri a cui ti affezioni e spiace finirlo. La storia di un amore tra il nino beuno Ricardito perdutamente innamorato per tutta la vita della nina mala che appare e scompare nel mondo ( q ...continua

    È uno di quei libri a cui ti affezioni e spiace finirlo. La storia di un amore tra il nino beuno Ricardito perdutamente innamorato per tutta la vita della nina mala che appare e scompare nel mondo ( questo in realtà è un po' surreale) con diverse identità: la peruviana Olivita, Lily la cilenita, la compagna cubana Arlette, la francese madame Arnoux, l'inglese Mrs Richardson, Kuriko a Tokyo e anche la moglie di Ricardito...donna che fa soffrire,che gioca con i sentimenti degli altri ma che alla fine non si riesce ad odiare. ..."io non sono e non sarò mai tuo amico. Non te ne sei ancora resa conto?Sono il tuo amante, il tuo innamorato, la persona che sin da ragazzino è pazzo della cilenita,della guerrigliera,della moglie del funzionario,di quella dell'allevatore di cavalli,dell'amante del gangster. Il pichiruchi che vive soltanto per desiderarti e pensare a te...."

    ha scritto il 

  • 5

    Esilarante

    Storia avvincente, corri a casa per leggerlo,è il libro più bello che ho letto e che consiglio a tutte le persone più care! Ti coinvolge con passione e non vorresti che finisca mai!

    ha scritto il 

  • 5

    E' tornato Vargas Llosa dello scribacchino e di Pantaleòn. Non perdete questo libro.

    Non faccio commenti perché non voglio appannare nessuna delle emozioni che questo libro sa suscitare.
    Vargas Llosa ha ricevuto il Nobel due anni dopo averlo pubblicato. Non dico che sia stato determin ...continua

    Non faccio commenti perché non voglio appannare nessuna delle emozioni che questo libro sa suscitare.
    Vargas Llosa ha ricevuto il Nobel due anni dopo averlo pubblicato. Non dico che sia stato determinante, nella vasta produzione di questo grande scrittore, ma un aiutino l'avrà dato.

    ha scritto il 

Ordina per