Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Avventure nella mente degli altri

Geni incompresi, teorie paradossali e predizioni azzardate

Di

Editore: A. Mondadori (Strade blu Non fiction)

3.4
(38)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 392 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804615907 | Isbn-13: 9788804615903 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: M. Parizzi

Ti piace Avventure nella mente degli altri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Qual è la differenza tra bloccarsi e farsi prendere dal panico? Perché ci sono decine di varietà di senape, ma solo una di ketchup? Che cosa ci insegnano i giocatori di football sui criteri usati per assumere gli insegnanti? Che cosa ci dicono le tinture per capelli sulla storia del XX secolo? Malcolm Gladwell è autore di libri che hanno radicalmente cambiato il nostro modo di comprendere il mondo e noi stessi: che analizzi i processi grazie ai quali siamo in grado di prendere decisioni immediate (come In un batter di ciglia) o consideri le ragioni che stanno alla base del successo (come in Fuoriclasse), Gladwell indaga aspetti della vita apparentemente banali per trasformarli in piccole teorie rivoluzionarie. Il libro presenta diciannove brevi saggi in cui l'autore dà sfogo alla sua insaziabile curiosità per il quotidiano che lo circonda. Troviamo la storia agrodolce dell'inventore della pillola anticoncezionale, che tentò invano di rendere bene accetta la sua creatura alla Chiesa cattolica, e l'avventura nel marketing di Howard Moskowitz, quando scoprì il principio che "la gente non sa che cosa vuole" e lo applicò alle ricerche di mercato nel campo dei sughi pronti. Facciamo la conoscenza di Ron Popeil, il re della cucina americana, mentre vende girarrosti, e indoviniamo i segreti di Cesar Millan, "l'uomo che sussurra ai cani", capace di calmare animali selvaggi con il tocco della mano.
Ordina per
  • 4

    E' un libro curioso e interessante, che tratta di argomenti complessi in poche pagine ma in modo abbastanza esauriente. E' un buon punto di partenza per approfondimenti successivi.

    ha scritto il 

  • 3

    Gli argomenti sono i più disparati, ma la loro trattazione e' ahimè datata. Gli articoli, scritti senz'altro con mano di mestiere - con uno schema costruttivo che tende tuttavia a ripetersi - non sempre superano agevolmente gli anni che li separano dalla loro stesura. Necessario riconoscere all'a ...continua

    Gli argomenti sono i più disparati, ma la loro trattazione e' ahimè datata. Gli articoli, scritti senz'altro con mano di mestiere - con uno schema costruttivo che tende tuttavia a ripetersi - non sempre superano agevolmente gli anni che li separano dalla loro stesura. Necessario riconoscere all'autore la capacità nel collegare flash, impressioni, argomentazioni a volte lontane eoni, e di amalgamarle in scorrevoli inchieste di buon giornalismo.

    ha scritto il 

  • 4

    perchè ho preso questo libro?
    l'autore è un giornalista scientifico e questa è una raccolta di suoi articoli sugli argomenti più disparati.
    Si va dalla salsa per il Ketchup alla guerra in Iraq.
    Pensavo fosse un saggio e invece l'ho scoperto leggendolo che era una raccolta di articoli.
    Quindi perc ...continua

    perchè ho preso questo libro? l'autore è un giornalista scientifico e questa è una raccolta di suoi articoli sugli argomenti più disparati. Si va dalla salsa per il Ketchup alla guerra in Iraq. Pensavo fosse un saggio e invece l'ho scoperto leggendolo che era una raccolta di articoli. Quindi perchè l'ho preso, dicevo. Beh io quando maneggio un libro ne scorro le pagine, le annuso e butto l'occhio. Scorrendo le pagine leggo dei pezzi qui e là, uh il ketchup, oh la guerra in Iraq, uau Cesar Millan! Adoro chi salta di palo in frasca, ma soprattutto mi chiedevo chissà che razza di teoria ha un tipo che deve partire dal Ketchup per arrivare a Cesar Millan! comunque l'ho già detto, nessuna teoria, è una raccolta di articoli che però hanno un filo conduttore, quindi forse diventa un saggio in senso lato perchè riguardano cmq una serie di aspetti su come funziona la nostra mente o piuttosto su come ragioniamo in certi frangenti che l'autore voleva esplorare. wow la guerra dei cosmetici!!

    ha scritto il 

  • 4

    Pensare alle cose tramite i dettagli e i suggerimenti delle persone comuni. Gladwell ci accompagna a pensare al rapporto tra le parole e le cose, alle crisi finaziarie, alle emozioni umane con questo approccio. Umile ma fecondissimo. INvece che dare opinioni qui le si suggeriscono, le si sollecit ...continua

    Pensare alle cose tramite i dettagli e i suggerimenti delle persone comuni. Gladwell ci accompagna a pensare al rapporto tra le parole e le cose, alle crisi finaziarie, alle emozioni umane con questo approccio. Umile ma fecondissimo. INvece che dare opinioni qui le si suggeriscono, le si sollecitano dal basso. Un esercizio entusiasmante rispetto a molti trmboni del nostro giornalismo.

    ha scritto il 

  • 3

    Taglio troppo giornalistico

    Si presenta come un libro stuzzicante, che parla di geni e persone particolari. Ma poi tratta solo di una realtà quotidiana rivisitata a margine degli avvenimenti. Un buon occhio critico, meticolosità nel raccogliere dettagli e diversi punti di vista. Tutto qui. Ogni capitolo è un argomento a sé ...continua

    Si presenta come un libro stuzzicante, che parla di geni e persone particolari. Ma poi tratta solo di una realtà quotidiana rivisitata a margine degli avvenimenti. Un buon occhio critico, meticolosità nel raccogliere dettagli e diversi punti di vista. Tutto qui. Ogni capitolo è un argomento a sé stante, niente filo conduttore, tante piccole conclusioni giornalistiche senza una vera morale. Quel tanto che basta per soddisfare un lettore curioso del mondo, ma tanto pigro da non arrivare alle stesse conclusioni da solo.

    ha scritto il 

  • 3

    Una serie di saggi brevi del fenomeno "giornalistico" di turno americano. Che abbia un gran talento non ci sono dubbi; e che i temi trattati siano molto più vicini [comprensibilmente] all'uomo americano, pure.
    Interessante il saggio su Taleb prima che diventasse il Taleb che "tutti" conosciamo, b ...continua

    Una serie di saggi brevi del fenomeno "giornalistico" di turno americano. Che abbia un gran talento non ci sono dubbi; e che i temi trattati siano molto più vicini [comprensibilmente] all'uomo americano, pure. Interessante il saggio su Taleb prima che diventasse il Taleb che "tutti" conosciamo, bellissimo quello sul plagio...e pure quello sulla pillola. Lettura, tutto sommato, piacevole e poco impegnativa.

    ha scritto il 

  • 3

    Bel libro, interessante. Sono tante storie tratte da articoli pubblicati in USA da Gladwell, alcuni sono datati (anche del 2000), ma sempre godibili da leggere. L'autore non da nulla per scontato e racconta storie analizzate da punti di vista particolari.

    ha scritto il