Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Avviso ai naviganti

Di

Editore: Baldini Castoldi Dalai (I nani)

3.9
(282)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 399 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Portoghese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Svedese , Danese , Olandese , Finlandese , Polacco

Isbn-10: 8880894889 | Isbn-13: 9788880894889 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Edmonda Bruscella

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Avviso ai naviganti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quoyle è un giornalista di terz'ordine che vive a Brooklin. Un giorno viene licenziato e sua moglie gli telefona dall'Alabama per dirgli di trovarsi un'altra donna, lasciandolo con due figlie a carico. Ma quando il mondo sta per crollargli addosso, Quoy le decide di prendere una volta tanto una decisione coraggiosa: prende un traghetto per Terranova, ai confini della civiltà, in un paese coperto dalla neve per metà del tempo dell'anno. Lì, tra mille affanni, riesce ad aprire un giornale per pescatori e a rifarsi una nuova vita.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Romanzo ambientato nella fredda Terranova. L'autrice per questo romanzo ha vinto un premio Pulitzer e poco dopo, Hallstrom, maestro dei film basati sui sentimenti, ha prodotto una pellicola un po' bistrattata che avrebbe meritato, a parer mio, più considerazione, viste le ottime interpretazioni d ...continua

    Romanzo ambientato nella fredda Terranova. L'autrice per questo romanzo ha vinto un premio Pulitzer e poco dopo, Hallstrom, maestro dei film basati sui sentimenti, ha prodotto una pellicola un po' bistrattata che avrebbe meritato, a parer mio, più considerazione, viste le ottime interpretazioni di Cate Blanchett, Kevin Spacey e Judi Dench. Il protagonista della storia è un uomo di quasi mezza età con due figlie e senza una donna accanto, abbandonato da Petal, prima tempesta della sua vita, che gli spezzerà il cuore e lo porterà a riflettere sul suo modo di essere. L'uomo che non prende mai posizioni e che si lascia trasportare dagli altri, grazie ad una zia saggia e e con spirito d'iniziativa, costruirà una seconda vita, non senza difficoltà. La storia è ben scritta e ogni personaggio ha la sua credibilità, forse avrebbe giovato qualche pagina in meno, tutto qui. Quoyle e Petal sono indimenticabili.

    ha scritto il 

  • 4

    Nella terra dei cani d'acqua

    Un viaggio di ritorno alle origini che in realtà e' una ripartenza per una famiglia intera.
    Un viaggio interiore verso un nuovo modo di essere, scandito passo passo da nodi marinareschi che ne enfatizzano lo sviluppo. Uno sguardo sulla vita in Terranova. Sembra di essere li.
    Ottima co ...continua

    Un viaggio di ritorno alle origini che in realtà e' una ripartenza per una famiglia intera.
    Un viaggio interiore verso un nuovo modo di essere, scandito passo passo da nodi marinareschi che ne enfatizzano lo sviluppo. Uno sguardo sulla vita in Terranova. Sembra di essere li.
    Ottima compagnia in queste prime piovose giornate di autunno.

    ha scritto il 

  • 5

    "Avviso ai naviganti" di Annie Proulx

    Romanzo intenso e avvicente, Avviso ai naviganti ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa nel 1994.
    Annie Proulx ambienta la storia di Quoyle, un bonaccione parecchio imbranato e diciamo sfortunato in amore, tra Brooklyn e l'isola di Terranova in Canada. Il passaggio da un luogo all'alt ...continua

    Romanzo intenso e avvicente, Avviso ai naviganti ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa nel 1994.
    Annie Proulx ambienta la storia di Quoyle, un bonaccione parecchio imbranato e diciamo sfortunato in amore, tra Brooklyn e l'isola di Terranova in Canada. Il passaggio da un luogo all'altro lo segnerà profondamente, e finalmente inizierà a riappropriarsi di sé e della sua vita nelle terre fredde e selvagge degli avi.
    Quando la Proulx ci racconta di quei territori aspri e duri, che non regalano nulla all'uomo, delle storie e saghe locali, degli aspetti più umili della vita, dei rapporti tra le persone, si capisce che ne è coinvolta direttamente.
    Oltre ad un amore profondissimo per la natura selvaggia, la scrittrice ha un repertorio personale di ricordi d'infanzia legati a vacanze trascorse nello Newfoundland, cui ha attinto per la stesura del romanzo.
    [...]

    http://lanostralibreria.blogspot.it/2014/08/libro-avviso-ai-naviganti-di-annie.html

    ha scritto il 

  • 2

    Forse un esperimento riuscito a metà. Vicenda stranissima che racconta uno scorcio di vita di un tale di nome Quoyle. Dalla descrizione della sua infanzia fino al giorno del matrimonio ed all'abbandono della moglie passano meno di 60-70 pagine. Dopo, la vicenda finalmente si sviluppa nell'isola d ...continua

    Forse un esperimento riuscito a metà. Vicenda stranissima che racconta uno scorcio di vita di un tale di nome Quoyle. Dalla descrizione della sua infanzia fino al giorno del matrimonio ed all'abbandono della moglie passano meno di 60-70 pagine. Dopo, la vicenda finalmente si sviluppa nell'isola di Terranova, in Canada, dove Quoyle decide di tornare (era la terra dei suoi avi) in compagnia della zia (lesbica, ma lui non lo sa). Tra prolisse e noiosissime descrizioni di luoghi, storie, racconti e dettagliattissime e minuziose illustrazioni di barche la storia procede lenta e noiosa verso un prevedibile finale. In mezzo tutta uan baraonda di comprimari assolutamente sopra le righe e totalmente irreali. La zia, le figlie, la vedova affranta, i colleghi al gionale, i compaseani, i parenti, uno più assurdo dell'altro.
    Francamente non ho compreso l'obiettivo dell'autore. La descrizione di una terra difficile in cui tutti laboriosamente si impegnano e tirano avanti? I pochi momenti di autentica di ilarità non bastano a compensare la noia. La storia si conclude a tarallucci e vino con tanto di semi-miracolo divino. Mah!

    ha scritto il 

  • 4

    Si parte per Terranova

    Il romanzo cattura e accompagna in un viaggio in una terra affascinante, l'isola canadese di Terranova, osservata con gli occhi spaesati del protagonista, una terra ai confini del mondo, fatta di promontori su un mare infido e potente, di venti impetuosi, di ghiaccio e di neve. La fragilità degli ...continua

    Il romanzo cattura e accompagna in un viaggio in una terra affascinante, l'isola canadese di Terranova, osservata con gli occhi spaesati del protagonista, una terra ai confini del mondo, fatta di promontori su un mare infido e potente, di venti impetuosi, di ghiaccio e di neve. La fragilità degli uomini, degli splendidi personaggi della vicenda, si misura con questa terra inospitale ed estrema e non ne esce sconfitta ma anzi, si trasforma in nuova consapevolezza di sé, in nuova possibilità di vita e di riscatto. Scritto divinamente il romanzo comunica il fascino prepotente della natura di quei luoghi, il calore della piccola comunità che li abita e che accoglie il nostro protagonista, il quale scoprirà che l'amore non è necessariamente crudele.

    ha scritto il 

  • 4

    il giusto , ma non scontato happy end

    Un libro di non facile lettura.La narrazione lenta, priva di azione, a tratti risulta soporifera.Tuttavia il finale riscatta non solo il protagonista, votato a un inevitabile "abissamento", ma la storia stessa, che comunque coinvolge il lettore.

    ha scritto il 

  • 4

    La storia molto bella e intensa,il protagonista che ti entra subito dentro e ammiri per la sua tenacia di fronte alle avversità della vita, i personaggi di contorno belli e ben caratterizzati e la splendida ambientazione rendono questa lettura molto interessante.

    ha scritto il 

  • 4

    Beautiful

    The writing was first class. I did at times want a little more action, but it was a pleasure to read. The images of Newfoundland were lyrically created and I believed the characters and all their foibles. A book to remember although not always easy to read as the story did move very slowly.

    ha scritto il