Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

B.P.R.D. - vol. 10

L'avvertimento

Di ,,

Editore: Magic Press

4.0
(27)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 156 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8877593601 | Isbn-13: 9788877593603 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace B.P.R.D. - vol. 10?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La squadra del B.P.R.D., ossia l’Ufficio per la Ricerca e Difesa dal Paranormale, indaga su un misterioso individuo che appare nei sogni di Liz, ma si ritrova ben presto nei guai. Tutti i nemici di un tempo, dalle creature rospo alla Fiamma Nera, fino agli ultimi abitanti di Hyperborea, sembrano essersi messi d’accordo per distruggere il pianeta.
Primo volume di tre che chiuderanno tutte le storie lasciate in sospeso finora e cambieranno per sempre il mondo e il B.P.R.D.
Ordina per
  • 4

    Questo è solo l’avvertimento…

    Nato da una costola di Hellboy, Mike Mignola dimostra anche con questo volume che B.P.R.D. non è una serie minore dove riciclare idee di seconda mano. Proprio con le storia racchiuse in questo volume, il “Bureau for Paranormal Research and Defense” è alle prese con tante sotto trame viste nei vol ...continua

    Nato da una costola di Hellboy, Mike Mignola dimostra anche con questo volume che B.P.R.D. non è una serie minore dove riciclare idee di seconda mano. Proprio con le storia racchiuse in questo volume, il “Bureau for Paranormal Research and Defense” è alle prese con tante sotto trame viste nei volumi precedenti, che esplodono (letteralmente) aprendo scenari che definire apocalittici è quanto meno riduttivo, la città di Monaco viene messa a ferro e fuoco, ed è solo l’Avvertimento, come ci ricorda il titolo del volume.

    Ho trovato brillante l’utilizzo dell’anziana signora Tedesca, si intravede all’inizio e poi diventa centrale, l’idea che l’unico baluardo contro l’invasione, fosse una signora tedesca con una doppietta, inascoltata da tutti, è perfettamente in linea con il circo di adorabili e fantastici Freaks del Mignolaverse.

    L’unione tra organico e non-organico poi è sempre esaltante, le creature Robotiche con la “testa a lapide” sono una dei tanti esempi che si possono trovare nei fumetti di BPRD ma anche di Hellboy (basta pensare alla mano destra del diavolone di Mignola).

    Come al solito la caratterizzazione dei personaggi è superlativa, Abe Sapien è cambiato dalle prime avventure con Hellboy, ora è duro e cinico. Liz Sherman, personaggio che Mignola voleva eliminare dopo i fatti del volume “Il Verme conquistatore”, è il vero motore degli eventi, diventano sempre più protagonista e sfaccettata, non solo una semplice pirocinetica.

    Un dettaglio di quanto l’albo sia scritto bene? Nel bel mezzo della crisi, Abe chiede a Devon di chiamare usando una cabina del telefono, visto che nessuno delle loro radio funziona più. Il ragazzo lo guarda strano, ricordando la sua brutta esperienza nel volume “La macchina universale”. Difficile trovare fumetti scritti così bene, e con tanta continuità nel tempo.

    Mignola e Arcudi ormai scrivono come un solo uomo, tanto che è quasi impossibile attribuire la paternità delle tante idee dell’albo, i disegni di Guy Davis sono sempre più dettagliati e oscuri. Considerando la distruzione vista in quest’albo, c’è da stare poco sereni, considerando che questo è stato solo un avvertimento.
    Io invece ci avverto, leggete questa serie, fatelo per il vostro bene.

    ha scritto il 

  • 4

    Un'ottimo numero per il BPRD

    Recensione originale sul sito http://www.matteoporopat.com


    Il percorso dell’ufficio per la ricerca e la difesa del paranormale ha portato questa che era una costola (spin off per gli esperti) del più noto Hellboy a superare in qualità il suo genitore. Svincolato dal legame col folklore più ...continua

    Recensione originale sul sito http://www.matteoporopat.com

    Il percorso dell’ufficio per la ricerca e la difesa del paranormale ha portato questa che era una costola (spin off per gli esperti) del più noto Hellboy a superare in qualità il suo genitore. Svincolato dal legame col folklore più classico (da sempre asse attorno al quale ruotano le vicende del ragazzo infernale) e dal binomio nazisti-magia (che diciamolo ha pure un po’ stancato ormai) ha beneficiato di una visione molto più ampia.
    Si potrebbe affrontare un discorso che cerchi di analizzare il parallelismo tra gli avvenimenti nelle due serie, da sempre tra loro interconnesse.
    Da un lato ci sono le modifiche nel mondo cosidetto sottile, il micro cosmo magico, motore delle avventure di Hellboy, dove il nemico è nascosto, anche se gigante, immenso, appartiene a un regno che tenta d’interfacciarsi col materiale, fallendo.
    Dall’altro le apocalittiche guerre sostenute dal BRPD, epici scontri con divinità incarnate le cui conseguenze coinvolgono intere città, come la Berlino semidistrutta di questo numero 10.
    Due mondi interconnessi ma diversi, anche dalla scelta di adottare nuovi disegnatori nel B.P.R.D., con colorazioni vive e feroci, che si allontanano dalle tinte scure e dagli spigoli netti delle tavole dell’Hellboy di Mignola.

    Come raramente si è visto in un fumetto seriale, Mike Mignola (affiancato ai testi da John Arcudi) non si è fatto scrupolo nel togliere il velo di segretezza che nascondeva orribili mandrie di uomini-rana o macchine senzienti e sconvolgere letteralmente il mondo in cui si muovono i suoi protagonisti. Anzi, sembra aver goduto parecchio nel portarle alla luce, negli scorsi episodi del B.P.R.D., e L’avvertimento non è da meno. I nemici che emergono dal sottossuolo sono solo a un primo sguardo robot dalla “testa a lapide”, ma successivamente iniziano a mutare, in quello scambio inorganico-organico che Mignola sembra amare (la mano-pietra di Hellboy, l’uomo-argilla Roger, il golem gigante ricavato dai cadaveri disciolti). E l’idea del combattimento sotterraneo tra enormi rettili pre umani (forse Dhole di lovecraftiana memoria?) dove il perdente viene posseduto dallo spirito di Kraus, medium defunto e mantenuto in vita in una armatura da palombaro, e scagliato contro l’altro, non è roba che si vede tutti i giorni.

    Il lavoro sui personaggi è sempre ottimo. Abrham “Abe” Sapien è cambiato dai tempi delle prime avventure con Hellboy, mutando dal solitario e malinconico al duro e spietato, guerriero reso cupo dalle scoperte fatte sul suo passato (“non farti prendere dalle emozioni adesso” dice gelido a Mr. Kraus, davanti alla devastazione della Berlino città natale del sensitivo tedesco, che ci regala una bella e triste sequenza nel finale). Elizabeth “Liz” Sherman, il personaggio che Mike ammette voleva cancellare poco dopo le prime storie, è dai tempi de Il Verme conquistatore, uno dei principali motori del gruppo e delle vicende paranormali che affliggono questo piano d’esistenza. La sua energia interiore fa gola a molte creature, dal buon vecchio Rasputin, che ha portato Hellboy tra noi, a divinità ctonie che anelano una vittoria sugli esseri umani.

    Ed è un bel numero anche per gli appassionati dei personaggi secondari, che qua tornano in forze, dalla chela alla fiamma nera, con un ottima dose di continuity, che Mignola gestisce sempre bene, dai collegamenti più evidenti ai dettagli per i lettori più attenti, come quell’indecisione di Devon (che come personaggio più secondario non si può, sempre al limite di essere una maglia rossa della serie) davanti alla richiesta di telefonare dalla cabina, riferimento alla sua tragica esperienza in La macchina universale.

    ha scritto il 

  • 0

    RECENSIONE DA LOSPAZIOBIANCO.IT

    B.P.R.D è tutt’altro che una serie minore dove riciclare idee di serie B. Proprio con questa arco narrativo, primo di una trilogia, alza il tiro nello sviluppo degli eventi, iniziando un cammino verso la “canonica” fine del mondo contro la quale ogni “Bereau for Paranormal Research and Defense” d ...continua

    B.P.R.D è tutt’altro che una serie minore dove riciclare idee di serie B. Proprio con questa arco narrativo, primo di una trilogia, alza il tiro nello sviluppo degli eventi, iniziando un cammino verso la “canonica” fine del mondo contro la quale ogni “Bereau for Paranormal Research and Defense” degno di questo nome deve prima o poi scontrarsi.
    CONTINUA A LEGGERE SU: http://www.lospaziobianco.it/37567-bprd-10-avvertimento

    ha scritto il