Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

BAJO LOS VIENTOS DE NEPTUNO

By

Publisher: Punto De Lectura

4.1
(3111)

Language:Español | Number of Pages: 496 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , French , German , Italian

Isbn-10: 8466320075 | Isbn-13: 9788466320078 | Publish date: 

Also available as: Softcover and Stapled

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like BAJO LOS VIENTOS DE NEPTUNO ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Libro divorato. Come non mi capitava da tempo. Vargas eccellente nel costruire una storia torbida e intrigata. E adesso devo comprare assolutamente un Mahjong...

    said on 

  • 5

    Cara Vargas, hai costruito proprio una lunga e complicatissima trama, nel tuo stile sempre brillante. Questa volta, per di più, si risolve con maestri e con un bel sorriso sulle labbra.

    said on 

  • 4

    Fra tutti i libri della Vargas, questo è di gran lunga quello con la trama più riuscita. Storia accattivante, coinvolgente, davvero un giallo che tiene il lettore col fiato sospeso fino all'ultimo. Il personaggio negativo del racconto è davvero un esempio di "vilain" disegnato nei dettagli, carat ...continue

    Fra tutti i libri della Vargas, questo è di gran lunga quello con la trama più riuscita. Storia accattivante, coinvolgente, davvero un giallo che tiene il lettore col fiato sospeso fino all'ultimo. Il personaggio negativo del racconto è davvero un esempio di "vilain" disegnato nei dettagli, caratterizzato a tutto tondo, senza crepe né incertezze, dai contorni chiarissimi, che pian piano incombe nel racconto e prende forma attraverso le indagini, tanto da essere perfettamente connotato già prima del suo apparire in scena: ciò conferisce allo stesso una forza e un carisma davvero particolare, e lo rende un personaggio molto forte. Anche la scelta dell'autrice di calcare pesantemente la mano nella scelta del punto di vista, accentrando fortemente il racconto, più che altre volte, nella soggettività del protagonista, conferisce un clima di particolare solitudine e ineluttabilità al dualismo protagonista-antagonista, su cui alla fine l'intero romanzo è costruito, come se fosse una personale battaglia fra bene e male, che universalizza in definitiva laq vicenda, rendendola ancor più affascinante quanto avvincente.

    said on 

  • 3

    Alla spiegazione del movente del l'omicida sentivo lo stridere delle unghie che si arrampicavano sullo specchio.

    La parlata dei canadesi mi ha rituffato nello strampalato dialetto di "Benvenuti al Nord".

    Nient'altro da aggiungere.

    said on 

  • 5

    Tra i migliori della serie con protagonista il commissario Adamsberg. A tratti un pò poco scorrevole, ma comunque coinvolgente ed ironico in puro stile Vargas.

    said on 

  • 3

    Un tipico libro da ombrellone, disimpegnato e gradevole nonostante la trama risulti un po' rappezzata e, a tratti, disarmante (la fuga dal Canada è ridicola). Un libro a tratti scontato, a tratti fastidiosamente improbabile ma la lettura è comunque piacevole anche perché non richiede più di un ne ...continue

    Un tipico libro da ombrellone, disimpegnato e gradevole nonostante la trama risulti un po' rappezzata e, a tratti, disarmante (la fuga dal Canada è ridicola). Un libro a tratti scontato, a tratti fastidiosamente improbabile ma la lettura è comunque piacevole anche perché non richiede più di un neurone.

    said on 

  • 4

    "Ah, la verità mica si scova così". La verità si nasconde come i funghi e nessuno sa il perchè". "E come si scova , Clemèntine" ? "Beh, esattamente come i funghi. Bisogna sollevare le foglie a una a una nei posto bui. Capace che è una cosa lunga".

    said on 

  • 3

    e 1/2

    Il commissario Adamsberg è alle prese con un caso particolare che riguarda il suo passato, quel caso insoluto che quasi ogni poliziotto ha in sospeso, ma che prima o poi si ritrova a dover affrontare.
    La trama è un po' pesante in alcuni punti, troppi particolari e forse anche un po' troppa fanta ...continue

    Il commissario Adamsberg è alle prese con un caso particolare che riguarda il suo passato, quel caso insoluto che quasi ogni poliziotto ha in sospeso, ma che prima o poi si ritrova a dover affrontare. La trama è un po' pesante in alcuni punti, troppi particolari e forse anche un po' troppa fantasia, il finale l'ho trovato un po' deludente e frettoloso.

    said on 

  • 4

    Quando l'indagante diventa indagato

    Il quarto tomo dell'epopea di Adamsberg vede questo strano ometto, piccolo, stropicciato, stranamente fascinoso che si trova ad essere commissario della Omicidi del tredicesimo arrondisment parigino, diventare indagato proprio per un delitto il cui responsabile egli conosce e sulle cui tracce si ...continue

    Il quarto tomo dell'epopea di Adamsberg vede questo strano ometto, piccolo, stropicciato, stranamente fascinoso che si trova ad essere commissario della Omicidi del tredicesimo arrondisment parigino, diventare indagato proprio per un delitto il cui responsabile egli conosce e sulle cui tracce si è messo ben trent'anni addietro, dopo che lo ha privato- metaforicamente- dell'amato fratello. Al di là di quello che mi era già piaciuto nella trilogia precedente- approcciata in un unico, gigantesco volume sulla scia dello sconto del 25%- ossia i personaggi di contorno, l'atmosfera che, tanto, a Parigi, è sempre bohemienne, l'indolenza e la non compiutezza del protagonista, qui mi ha appassionato decisamente il fatto che Adamsberg ne esca turbato, sconfitto, un pulcino bagnato che senza l'aiuto di Danglard (quanto lo amo) e dei suoi fedelissimi adepti farebbe la fine di quei vinti della marea della vita che sono stati accusati negli anni dei delitti commessi dall'omicida vegliardo. Inutile dire che la sua inconcludenza e l'ottusità che dimostra nel non avere- ancora- il coraggio di vivere la sua storia con Camille mi indispone non poco. Spero che la cara autrice ci sollevi da questo mattone il prima possibile. In questo volume gli animali che ci accompagnano- leit motiv, per quello che ho potuto comprendere fin qui- sono i rospi (creature meravigliose) e, vista la parziale dislocazione in Canada, gli scoiattoli. Cercherò di darmi una calmata con questa saga- altrimenti finiscono subito- e variare un po'...

    said on 

Sorting by