Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Baci da chi ti pensa sempre

Di

Editore: Italic

3.0
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 90 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8896506034 | Isbn-13: 9788896506035 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Baci da chi ti pensa sempre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Gli otto racconti di Baci da chi ti pensa sempre sono otto piccoli mondi perfetti. Sono "mondi" perché c'è tutto dentro: gli uomini, le donne, la solitudine della vecchiaia, la magia dell'infanzia, l'amore, quello totalizzante, quello tradito, l'odio, la rassegnazione, la follia che consegue alla disperazione. Sono "mondi" perché ogni racconto comprende un inizio, spesso folgorante, uno svolgimento che ricalca il ritmo dell'esistenza - a volte lento e inesorabile, a volte rutilante -, una fine che in qualche modo pacifica. Sono "perfetti" perché nascono dalla straordinaria sensibilità dell'autrice, attenta, in egual misura, alle piccole e alle grandi cose della vita, sono perfetti, perché frutto di un vero talento, una scrittura allo stesso tempo essenziale e poetica, semplice e intensa. Tra un racconto e l'altro ci sono continui rimandi, richiami, come fossero parti di un unico romanzo. Ma questi sono e rimangono racconti, e con la loro bellezza si propongono di superare il pregiudizio, la diffidenza del lettore italiano verso questa forma narrativa.
Ordina per
  • 0

    Non vi sento*

    Otto ricordi di vita che Federica presenta con voce femminile e scrittura asciutta, ma ricca di sensazioni immediate. Otto solitudini declinate col linguaggio di una malinconia soffusa. Otto tracce che sembrano svanire in un futuro sfocato. L’Autrice rivela un gusto radicato per le sue memorie e ...continua

    Otto ricordi di vita che Federica presenta con voce femminile e scrittura asciutta, ma ricca di sensazioni immediate. Otto solitudini declinate col linguaggio di una malinconia soffusa. Otto tracce che sembrano svanire in un futuro sfocato. L’Autrice rivela un gusto radicato per le sue memorie e di saper dare valore agli oggetti e alle cose semplici della sua vita. Scompone i ricordi, li ripulisce e li presenta per ciò che evocano. Lascia al lettore immaginare ciò che non viene espresso.
    *titolo del quinto racconto. Sarebbe potuto essere il titolo del libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi piace come scrive. Parole essenziali, non divaga con lunghe e dettagliate descrizioni di luoghi o carattere dei personaggi. La scrittura è scorrevole e malinconica. Negli otto racconti c’è una costante, l’abbandono. La perdita di una figlia, di una amicizia, del marito, di un amore, di una fam ...continua

    Mi piace come scrive. Parole essenziali, non divaga con lunghe e dettagliate descrizioni di luoghi o carattere dei personaggi. La scrittura è scorrevole e malinconica. Negli otto racconti c’è una costante, l’abbandono. La perdita di una figlia, di una amicizia, del marito, di un amore, di una famiglia. Un dolore costante nasce da queste perdite, metabolizzate come abbandono, solitudine. In tutti gli episodi il personaggio principale si è ritrovato a dover subire senza poter porre rimedio. Ogni racconto non ha un finale vero e proprio. Si conclude con la consapevolezza di aver perso inevitabilmente qualcosa, qualcuno.
    Sicuramente è da leggere, sia per dovere campanilistico, nel testo mi sono ritrovato a leggere luoghi della mia città. Ma anche perché, come scritto in copertina, “Sono mondi perché c’è tutto dentro” ed è facile trovare vicende simili nella storia della propria famiglia.
    Complimenti Federica! :)

    ha scritto il 

Ordina per