Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Baci dalla provincia

Di

Editore: Coconino

4.0
(229)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 223 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000007416 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace Baci dalla provincia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    più storie di gipi, ma la più "importante" prende le mosse da una ipotetica guerra in italia, che tanto somiglia al conflitto avvenuto nella ex yugoslavia. guerra in provincia, dove dei ragazzi si barcamenano per sopravvivere in zone dove non c'è più legge se non quella dei piccoli criminali che ...continua

    più storie di gipi, ma la più "importante" prende le mosse da una ipotetica guerra in italia, che tanto somiglia al conflitto avvenuto nella ex yugoslavia. guerra in provincia, dove dei ragazzi si barcamenano per sopravvivere in zone dove non c'è più legge se non quella dei piccoli criminali che hanno preso possesso delle zone non più presidiate dalle forze dell'ordine. storia di provincia, storia dura, decisamente suggestiva, con un tratto che può ricordare i manga, per certi versi. da provare.

    ha scritto il 

  • 5

    Un Gipi monumentale, in un volume che raccoglie storie brevi (come le due che danno il titolo al libro) insieme a Appunti per una storia di guerra. Belle anche le pagine redazionali, che raccontano l'autore a chi ancora non lo conoscesse e includono una sua intervista.

    ha scritto il 

  • 3

    Baci dalla provincia

    Penso di avere un problema con Gipi, perché ne riconosco la bravura nella sceneggiatura e nello scegliere le forme per i dialoghi, mi piacciono il disegno e il modo di colorare ma non riesco a empatizzare con i personaggi e gli ambienti; poi la cupezza e la disperazione di fondo di queste storie ...continua

    Penso di avere un problema con Gipi, perché ne riconosco la bravura nella sceneggiatura e nello scegliere le forme per i dialoghi, mi piacciono il disegno e il modo di colorare ma non riesco a empatizzare con i personaggi e gli ambienti; poi la cupezza e la disperazione di fondo di queste storie alla lunga mi disturbano.
    Contiene:
    Gli innocenti (2005)
    Hanno ritrovato la macchina (2006)
    Appunti per una storia di guerra (2004)
    I due funghi (2005)
    La mano morta (2006)
    Interessante l'intervista a Gipi di Matteo Stefanelli

    ha scritto il 

  • 3

    Incompleto...

    Non so. Queste storie sono splendidamente rarefatte e incomplete. Penso sia una scelta stilistica. Eppure non riesco a capire il momento esatto in cui la loro evanescenza ad un certo punto, per quanto mi riguarda, si è trasformata in un limitie anziché in un valore aggiunto. Però è successo.

    ha scritto il 

  • 4

    delle tre storie una sola mi ha colpito :
    la terza" appunti per una storia di guerra"
    fino alla fine mi domandavo dov'era ambientata e di quale guerra contemporanea parlasse...Gipi ha immaginato tutto e ci ha messo un pò di storia nostra un pò della guerra Balcanica e qualche reminiscen ...continua

    delle tre storie una sola mi ha colpito :
    la terza" appunti per una storia di guerra"
    fino alla fine mi domandavo dov'era ambientata e di quale guerra contemporanea parlasse...Gipi ha immaginato tutto e ci ha messo un pò di storia nostra un pò della guerra Balcanica e qualche reminiscenza della seconda guerra mondiale

    Bello come sa raccontare lui con i segni e le parole

    ha scritto il 

  • 4

    "Ma cosa voleva dire, davvero, "perdere punti"?
    Perchè avremmo dovuto conservarli, per farci che cosa?
    C'era forse un catalogo di premi tra cui scegliere una volta morti?
    E quanti ne avevamo alla nascita?
    Mille?
    Forse mille. Da spendere ogni giorno, di debolezza in debole ...continua

    "Ma cosa voleva dire, davvero, "perdere punti"?
    Perchè avremmo dovuto conservarli, per farci che cosa?
    C'era forse un catalogo di premi tra cui scegliere una volta morti?
    E quanti ne avevamo alla nascita?
    Mille?
    Forse mille. Da spendere ogni giorno, di debolezza in debolezza.
    Fino ad arrivare a zero.
    E poi?
    Cosa accadeva allora?
    A punti zero?"
    (Appunti per una storia di guerra)

    ha scritto il 

  • 4

    Paesaggi umidi, desolati, case sfatte, piccoli borghi attraversati da enormi stradoni trafficati, violenza, malavita, la perdita, il dolore, l’amicizia infranta e l’adolescenza terminata bruscamente dalla guerra.

    ha scritto il