Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Back When We Were Grownups

By

Publisher: AudioGO Limited

3.7
(257)

Language:English | Number of Pages: 352 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi traditional , Italian , German , Spanish , French , Catalan

Isbn-10: 075401617X | Isbn-13: 9780754016175 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio CD , Audio Cassette , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Back When We Were Grownups ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    NSL

    «Che cosa teneva in vita sua madre in questo periodo? La sua esistenza sembrava così stagnante: la colazione a base di tè e pane tostato, i pochi piatti lavati e poi asciugati, il letto rifatto, l'aspirapolvere passato su una moquette già immacolata...
    Ma in fondo, che cosa tiene in vita
    ...continue

    «Che cosa teneva in vita sua madre in questo periodo? La sua esistenza sembrava così stagnante: la colazione a base di tè e pane tostato, i pochi piatti lavati e poi asciugati, il letto rifatto, l'aspirapolvere passato su una moquette già immacolata...
    Ma in fondo, che cosa tiene in vita tutti quanti? Chi era Rebecca per dirlo?»

    said on 

  • 4

    ho letto questo romanzo per curiosità, dato che è piaciuto molto a un'amica di cui mi fido e devo dire che è stato all'altezza delle aspettative. è la storia di una donna che, a 53 anni, si rende conto di vivere la vita che non ha scelto: gestire una famiglia caotica, ereditata dal marito morto t ...continue

    ho letto questo romanzo per curiosità, dato che è piaciuto molto a un'amica di cui mi fido e devo dire che è stato all'altezza delle aspettative. è la storia di una donna che, a 53 anni, si rende conto di vivere la vita che non ha scelto: gestire una famiglia caotica, ereditata dal marito morto troppo giovane, organizzare feste in una casa scenografica ma cadente, essere madre, nonna, confidente, assistere e prendersi carico degli altri senza una personalità propria, senza un compagno, senza amici. e allora rebecca decide di tornare indietro, per quel che si può, e riallacciare i fili con il suo passato- ma inevitabilmente, tutto è cambiato e i ricordi spesso sono ingannevoli e deludenti.
    questo è un libro intenso e capace di parlare, senza essere banale, di una vita apparentemente qualunque e di come, spesso, quello che siamo non è del tutto casuale. di come sia necessario saper accettare la quotidianità e, talvolta, la routine nasconde doni inattesi e non facili da capire ma non per questo meno preziosi. scrittura limpida e sommessa, un giusto miscuglio di speranza e malinconia.
    (grazie, claudia!)

    said on 

  • 5

    Questo romanzo mi era stato regalato a Natale da una collega e devo dire che come tanti lettori, tremo sempre un po' quando chi non mi conosce bene mi regala un libro (il rischio bestesellerone è sempre dietro l'angolo), invece lei si è fatta consigliare dalla libraia e mi ha fatto un regalo bell ...continue

    Questo romanzo mi era stato regalato a Natale da una collega e devo dire che come tanti lettori, tremo sempre un po' quando chi non mi conosce bene mi regala un libro (il rischio bestesellerone è sempre dietro l'angolo), invece lei si è fatta consigliare dalla libraia e mi ha fatto un regalo bellissimo.
    La storia narra di Rebecca, che a 53 anni si rende conto di essere diventata la persona che non è. Lei era una persona timida, studiosa, tranquilla, invece le circostanze della vita l'hanno trasformata in un'organizzatrice di feste e a gestire una famiglia enorme e non sua.
    La scrittura è meravigliosa: fluida ma anche carica di immagini molto vivide, quasi tattili e i personaggi sono splendidi nella loro autenticità, davvero sfaccettati.
    Sono entusiasta di questa lettura.

    said on 

  • 5

    Ho scoperto di amare i libri dove non succede nè quello che ci si aspetterebbe, nè quello che non ci si aspetterebbe. Le cinque stelline sono dovute ad un incipit di quelli che non mollano e ai dialoghi. Forse però mi sono lasciata influenzare dal contesto nel quale l'ho comprato: un libraio affa ...continue

    Ho scoperto di amare i libri dove non succede nè quello che ci si aspetterebbe, nè quello che non ci si aspetterebbe. Le cinque stelline sono dovute ad un incipit di quelli che non mollano e ai dialoghi. Forse però mi sono lasciata influenzare dal contesto nel quale l'ho comprato: un libraio affabulatore ed una amica cara. In ogni caso sono stupita di essermi immedesimata con tanto trasporto in una donna di 53 anni!

    said on 

  • 4

    Un libro

    alla "anne tyler"

    moooolto meglio de "L'albero delle lattine"

    paragonabile alla vecchia anne

    a tratti tristissimo e senza speranza, a volte strappa un sorriso

    said on 

  • 2

    Ci sono dei libri che mi guardano e che mi chiedono imploranti: “Per favore, leggimi, ti prego”. Io non ricordo perché sono lì, nello scaffale, e mi sento un po’ in colpa per averli abbandonati soli soletti. Allora ne prendo uno e lo leggo tutto intero e cerco e cerco, ma a volte trovo poco, a vo ...continue

    Ci sono dei libri che mi guardano e che mi chiedono imploranti: “Per favore, leggimi, ti prego”. Io non ricordo perché sono lì, nello scaffale, e mi sento un po’ in colpa per averli abbandonati soli soletti. Allora ne prendo uno e lo leggo tutto intero e cerco e cerco, ma a volte trovo poco, a volte nulla. In questo mi muovo come nella gelatina di frutta, lentamente e a fatica. Seguo una vecchia signora che ha sposato un uomo più grande di lei abbandonando il fidanzato del college senza spiegazioni. Poi si fa prendere dalle urgenze della vita e tira su una famiglia, una di quelle allargate e un po’ folli. Quando la situazione si stabilizza lei è invecchiata, anche se mette ancora vestiti un po’ hippies. Allora decide di riprendere la vita da dove l’aveva lasciata, cioè dal suo antico fidanzato. Gli telefona e si mette in cerca di quello che non ha vissuto, ma forse è tardi. Tristezza.

    said on 

  • 4

    "La gente pensa che l'assenza di una persona amata sia come la mancanza delle sigarette - disse - Il primo giorno è molto duro, il secondo di meno e così via, man mano che vai avanti diventa più facile. Invece è come quando ti manca l'acqua."

    said on 

  • 4

    con questo in realtà commento in generale i libri di AT, non tutti inseriti nella libreria ma tutti letti.
    Eventi trascurabili, persone insignificanti e dimesse, case disordinate in cui si stratificano e si confondono cose oggetti emozioni; un mondo piccolo, a volte meschino, a volte con ...continue

    con questo in realtà commento in generale i libri di AT, non tutti inseriti nella libreria ma tutti letti.
    Eventi trascurabili, persone insignificanti e dimesse, case disordinate in cui si stratificano e si confondono cose oggetti emozioni; un mondo piccolo, a volte meschino, a volte con inaspettate grandezze.
    Scrittrice acutissima nel tratteggiare con semplicità le caratteristiche psicologiche dei personaggi, le relazioni e le profondità dell'animo.
    Difficile ricostruire le storie ed i personaggi assegnandoli all'uno o all'altro romanzo; dopo averne letti un po' , il tutto per certi versi si confonde; ma non è un problema, perchè non è mai la storia che conta.
    Resta la sensazione dello sguardo affettuoso e indulgente di chi osserva e, anche quando non capisce, comunque riscatta e perdona.

    said on