Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Backflash

Ritorno di fiamma

Di

Editore: Rizzoli (BUR Scrittori contemporanei)

3.7
(34)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 280 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817046566 | Isbn-13: 9788817046565 | Data di pubblicazione: 

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Backflash?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Rapinare un casinò galleggiante sul fiume Hudson, sorvegliato da un equipaggio armato fino ai denti, e farla franca. Impresa impossibile? Non per Parker. Messa insieme una squadra a prova di bomba, il maestro della rapina congegna un piano perfetto per mettere a segno il colpo. Ma qualcuno gli sta preparando una trappola mortale e anche stavolta le cose non fileranno lisce.
Ordina per
  • 4

    Certo che nella vita è sempre tutto relativo a seconda di dove ci sediamo ad osservare le cose.Se la nostra sedia è poggiata sul solido monte della moralità allora ci viene facile puntare il dito e dire cosa è giusto e cosa è sbagliato forti del fatto che abbiamo le spalle belle coperte da chi co ...continua

    Certo che nella vita è sempre tutto relativo a seconda di dove ci sediamo ad osservare le cose.Se la nostra sedia è poggiata sul solido monte della moralità allora ci viene facile puntare il dito e dire cosa è giusto e cosa è sbagliato forti del fatto che abbiamo le spalle belle coperte da chi come noi siede sula solida montagna che da protezione e sicurezza.
    Ma se per una volta ci spostiamo e ci sediamo esattamente in quella di fronte e siamo costretti a cambiare radicalmente il punto di vista come la mettiamo??dove tutto quello che prima ci sembrava sbagliato ora ci appare sotto una luce diversa??Siamo costretti a cambiare le nostre convinzioni perchè "le cose di prima non esistono più e nuovi cieli e nuova terra.....ecc ecc.....???"
    Piccola premessa per cercare,non dico di giustificare, ma quanto meno di spiegare perchè leggendo questo libro mi sono ritrovata a fare il tifo sfegatato per un criminale,assassino,ladro che non si fa quasi mai scrupoli e uccide senza pietà quando deve.Poi per fortuna mi sono ritrovata a leggere la post fazione che c'era nella copia del libro e allora ho capito che è normale affezionarsi a Parker, proprio non si può farne a meno.MENO MALE!!!
    perchè io per tutto il libro non ho fatto altro che incrociare le dita affinchè il colpo riuscisse e loro ne venissero fuori indenni!!!
    La lettura è stata davvero coinvolgente all'inverosimile!Al punto che dopo aver finito di leggere non riuscivo a chiudere occhio.Mi sono immaginata ogni scena,ogni dettaglio,ogni azione grazie alle descrizioni millimetriche (oserei dire) dell'autore dalla penna raffinata.Non avevo mai letto nulla di questo genere,nonostante io sia una lettrice di gialli e thriller.....ma questa è un'altra cosa......questo è NOIR!!!!

    8/10 Lettura molto consigliata!

    ha scritto il 

  • 3

    Un battello sul fiume Hudson ospita un casinò. È una montagna di dollari galleggiante. Si deve solo trovare il modo di accedere alla camera blindata.


    In USA storie come questa le hanno inserite in un sottogenere della crime fiction: le chiamano caper story, dove caper può sta ...continua

    Un battello sul fiume Hudson ospita un casinò. È una montagna di dollari galleggiante. Si deve solo trovare il modo di accedere alla camera blindata.

    In USA storie come questa le hanno inserite in un sottogenere della crime fiction: le chiamano caper story, dove caper può stare per cappero ma anche per capriola, scherzo, gioco. In italiano non abbiamo un termine equivalente (d'altra parte per noi esiste solo la Grande Letteratura, tutto il resto è spazzatura indifferenziata), sono dei gialli in cui i "cattivi" sono i protagonisti, avvengono cose piuttosto improbabili e le indagini della polizia sono irrilevanti.

    La serie dedicata a Parker, di cui questo è il 18° episodio, è senz'ombra di dubbio uno tra i più validi esempi di questo divertente genere. Ci si trova a fare il tifo per i delinquenti e si spera che le forze dell'ordine facciano fiasco. La scrittura lineare e diretta di Stark è piacevole, momenti di stanca o di approfondimento psicologico sono del tutto assenti (a meno di considerare approfondimento Parker che pensa - "Ma questo tizio me la racconta giusta?"). In ogni pagina succede qualcosa, non c'è tempo per annoiarsi.

    Indice Jimbose: 69%

    ha scritto il 

  • 3

    Una delle mie passioni sono i furti perfetti e in questo libro ci sono tutti gli ingredienti che mi hanno fatto passare delle ore piacevolissime.
    Il personaggio di Parker non ha niente che lo renda attraente o simpatico, e l’autore non ci propina per fortuna una qualche giustificazione deri ...continua

    Una delle mie passioni sono i furti perfetti e in questo libro ci sono tutti gli ingredienti che mi hanno fatto passare delle ore piacevolissime.
    Il personaggio di Parker non ha niente che lo renda attraente o simpatico, e l’autore non ci propina per fortuna una qualche giustificazione derivante dalla sua infanzia infelice o la solita retorica dei reduci di guerra, eppure la sua totale amoralità mi è piaciuta moltissimo. Dritto al sodo, un colpo perfetto da costruire e organizzare in maniera perfetta.
    Ma sarebbe stato troppo semplice far filare tutto liscio, e di intoppi o imprevisti ce ne sono tantissimi, praticamente è una corsa ad ostacoli per Parker, senza però mai strafare o risultare inverosimile, anzi.
    Capitoli brevi, stile asciutto e diretto, sottile e gustosa ironia, dialoghi efficaci e credibili.
    Ottimo, devo leggere altro di questo autore.

    ha scritto il 

  • 4

    come un film

    Una scoperta, garantita da Evangelisti- Qui i delinquenti sono, tutto considerato, migliori della "gente perbene".
    Non sapevo che Richard Stark fosse un altro pseudonimo di Donald Westlake.

    ha scritto il 

  • 4

    Westlake è proprio abile quando, "travestito" da Richard Stark,
    dà vita a Parker.
    Storia avvicente e ben articolata.
    Si nota lo studio che c'è dietro e la grande cura dei dettagli.
    Ottime le descrizioni,
    anche se utilizza solo le strette parole necessarie.
    Poch ...continua

    Westlake è proprio abile quando, "travestito" da Richard Stark,
    dà vita a Parker.
    Storia avvicente e ben articolata.
    Si nota lo studio che c'è dietro e la grande cura dei dettagli.
    Ottime le descrizioni,
    anche se utilizza solo le strette parole necessarie.
    Pochi fronzoli e tanta sostanza.
    Un pizzico di esagerazione c'è,
    ma in fondo qualcuno diceva che "l'importante è esagerare".
    Consigliato.

    ha scritto il