Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Balla, sogna, ama

By Sophie Flack

(52)

| Others | 9788854138230

Like Balla, sogna, ama ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Anche a costo di perdere tutto. Danzare è la sua vita. Il teatro è il suo mondo. Diventare prima ballerina il suo sogno. Sophie Flack ha cominciato a danzare in tenera età. A 7 anni è entrata a far parte della Boston Ballet School.

26 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Scritto in maniera molto semplice (e tradotto piuttosto male purtroppo) questo romanzo non è un'opera di alta letteratura, ma racconta di ballerine, il cui mondo da sempre mi affascina in modo irrazionale. Per questo me lo sono proprio goduto. Ma se ...(continue)

    Scritto in maniera molto semplice (e tradotto piuttosto male purtroppo) questo romanzo non è un'opera di alta letteratura, ma racconta di ballerine, il cui mondo da sempre mi affascina in modo irrazionale. Per questo me lo sono proprio goduto. Ma se non vi piace il balletto potete farne a meno.

    Is this helpful?

    Pollapollina said on Jun 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Balla, sogna, ama.

    “Il tuo lavoro non è Vivere. Il tuo lavoro è Danzare.”

    Tutti noi abbiamo un’idea approssimativa della vita che conduce una ballerina importante ma alla fine, anche se ascoltiamo quello che i Media ci dicono, non abbiamo vere e proprie conferme.
    Ques ...(continue)

    “Il tuo lavoro non è Vivere. Il tuo lavoro è Danzare.”

    Tutti noi abbiamo un’idea approssimativa della vita che conduce una ballerina importante ma alla fine, anche se ascoltiamo quello che i Media ci dicono, non abbiamo vere e proprie conferme.
    Questa storia parla di quel mondo a noi abbastanza sconosciuto e ci viene descritto, ance se sommariamente, in tutta la sua durezza.
    Hanna Ward è una giovane ballerina, che all’età di 14 anni si trasferisce a New York da sola per frequentare la School of the Arts, e poi entrare nel Manhattan Ballet. La sua vita gira intorno alle prove e i balletti, non ha tempo per fare altro, nemmeno vivere come tutte le ragazze della sua età.

    Questa storia mi ha colpito molto perché ho un’amica che studia danza classica e vorrebbe diventare una professionista. Ballare è stupendo, non lo metto in dubbio ma le regole rigidissime di questo mondo, non le condivido. Più sei magra, più assomigli ad un ragazzo adolescente e più sei perfetta ma appena incominci a diventare donna, ti trasformi in un mostro.
    La cosa preoccupante è che questa cosa non è frutto della fantasia della scrittrice. Sophie Flack era una ballerina, proprio come la protagonista di questa avventura e ci racconta quello che lei ha affrontato fino a che è rimasta in quel mondo.

    Han ci racconta delle sfide giornaliere che deve affrontare, prove estenuanti; palestra; balletti serali; stanchezza; diete al limite dalla nutrizione e il terrore di un incidente che le rovini la carriera. Se si facesse male, cosa ne sarebbe di lei? Ha passato tutta la sua giovane vita a prepararsi per i balletti ma all’infuori di quello, cosa sa fare? Questo dubbio le vortica in maniera insistente nella mente dopo una sera, nel ristorante del cugino, incontra Jacob, un giovane chitarrista universitario.

    In un turbine di passi, luci, trucco e battiti del cuore, Han ci porta a braccetto verso la scoperte e la decisione più importante della sua vita.
    Il finale, molto scontato, l’ho comunque cercato disperatamente perché non potevo sopportare un finale triste.

    Il libro mi è piaciuto molto anche se devo dire, pecca di contenuto dettagliato. Passiamo da un mese all’altro nel giro di poche righe e i personaggi sono poco caratterizzati. Sophie non si rende conto che noi non conosciamo nessun personaggio, oppure lo sa e non gli interessa.
    A parer mio, da anche poco spazio a Jacob, che compare pochissimo anche se è una figura base. Sembra quasi un mago un po’ tonto, perché ce lo presenta e poi fa qualche apparizione sporadica, i pensieri dedicatigli sono quasi assenti ma sarà proprio lui a stravolgerla. Insomma, la scaletta delle priorità è stata decisa in maniera errata, però alla fine mi ha emozionato e quindi non posso non essere soddisfatta

    Is this helpful?

    Red Kedi (scambio solo cartacei) said on Apr 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sì vede che è scritto da chi ha fatto danza classica ad alti livelli, al di là della storia raccontanta si intuisce l'impegno estremo, la devozine, i pensieri, le dinamiche e le rinuncie in nome dell'amore totale per la danza. Sicuramente un bel lib ...(continue)

    Sì vede che è scritto da chi ha fatto danza classica ad alti livelli, al di là della storia raccontanta si intuisce l'impegno estremo, la devozine, i pensieri, le dinamiche e le rinuncie in nome dell'amore totale per la danza. Sicuramente un bel libro per chi ama la danza classica.

    Is this helpful?

    Ikkia said on Mar 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Chissà per quale motivo sono attratta dalle storie sulle ballerine e compagnie di ballo. Ne ho letti di migliori di questo, senza infamia e senza lode.

    Is this helpful?

    Lory76 said on Oct 8, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dietro il sipario

    Ammetto di non essere sempre stata un'amante del balletto, ma ne sono sempre stata attratta. Una mia amica era in quel mondo e quando eravamo più piccole me ne parlava estasiata, ma anche scettica per tutte le regole che doveva seguire. Ogni tanto an ...(continue)

    Ammetto di non essere sempre stata un'amante del balletto, ma ne sono sempre stata attratta. Una mia amica era in quel mondo e quando eravamo più piccole me ne parlava estasiata, ma anche scettica per tutte le regole che doveva seguire. Ogni tanto andavo a vederla durante le prove e rimanevo affascinata dalle coreografie che riuscivano ad eseguire i ballerini. Mi aveva proposto di seguire un corso, ma non avendo iniziato in tenera età ho rifiutato, anche se non mi sarebbe dispiaciuto.
    In realtà credo che non avrei affatto sopportato il mondo che c'è dietro al balletto.
    Questo libro ne è la prova.
    regole, diete, esercizi, allenamenti, stress...
    La competitività arriva a livelli insani e non capisco come una persona possa rovinarsi talmente tanto il metabolismo per una serata sul palco...
    Come dice Hannah verso la fine, mentre assiste allo spettacolo di Mattie, il ballo dovrebbe essere affrontato con entusiasmo e allegria, senza pensare di raggiungere una perfezione effimera.
    Fa sorgere il dubbio se effettivamente è ciò che una persona può fare o vuole fare.
    Non male, specialmente per gli amanti della classica.

    Is this helpful?

    Ladywolf said on Aug 1, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    bello...l'ho divorato

    regala un ritratto di un mondo che si sa essere così, ma non fino a quel punto!

    Is this helpful?

    StellaCara said on Jul 14, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (52)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others
  • ISBN-10: 8854138231
  • ISBN-13: 9788854138230
  • Publisher: Newton Compton Editori
  • Publish date: 2012-03-29
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book

Groups with this in collection