Ha scritto il 04/01/15
da "TINTERN ABBEY"(William Wordsworth - 13 luglio 1798)Cinque anni son passati; cinque estati, con la durataDi cinque lunghi inverni! E di nuovo torno ad ascoltareLo scorrere di queste acque giù dalle loro sorgenti montaneCon un dolce murmure ...Continua
Ha scritto il 04/08/12
Un'ode al silenzio.Ogni singolo verso, libero o in rima, cattura l'attenzione e frena le lingue che, scettiche, deridono e commettono con ogni sillaba violenza acustica; così come il Vecchio Marinaio di Coleridge irretisce con un singolo sguardo di ...Continua
Ha scritto il 19/06/12
Altri tempi
Un fascino immortale permane: ma alcune cose, sono certo, le può cogliere solo chi studia approfonditamente la letteratura inglese - cosa che io, lettore della domenica, non faccio.La ballata del vecchio marinaio è profonda come contenuti e ...Continua
Ha scritto il 30/12/11
Ho ripreso in mano questo libro a causa di una citazione fatta da uno dei detective, ieri sera ,in una puntata del telefilm "Criminal minds" : litigavamo sul titolo della poesia citata , così ho messo mano alle reminescenze universitarie e ho ...Continua
Ha scritto il 20/06/11
Ballate liriche
"La ballata del vecchio marinaio"che dà avvio all'opera rappresenta il sentimento, l'orrore e l'inquetudine dei primissimi poeti romantici, primi tra tutti Wordsworth e Coleridge. Molto significative e ben scritte anche le altre...

Ha scritto il Nov 18, 2010, 20:59
E' il contenuto che conta.
Pag. 270
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 18, 2010, 20:57
E noi diventiamo un'anima vivente, Mentre con lo sguardo rasserenato Dal profondo potere della pace e della gioia, Penetriamo nella vita delle cose.
Pag. 257
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 18, 2010, 20:55
Anhe se la pietà, al tuo nome, rinnega la propria natura, Anche se in bocca alla superba virtù il tuo responso non è immacolato, La mia premura, se il braccio dei potenti mi appartenesse, Ti deporrebbe dove potresti sbocciare a nuova vita.
Pag. 253
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 18, 2010, 20:53
Pensi forse che in mezzo a questa moltitudineDi cose perennemente dialoganti,Nulla venga spontaneamenteE che in eterno si debba andare in cerca?Dunque non domandar perchèQui me ne stia da solo a conversare,Seduto su quest'antico e grigio sasso,Ad ...Continua
Pag. 237
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 18, 2010, 20:51
Lasciate che culli il suo diletto inganno, Che importa se morrà nel dolore? Chi non invocherebbe sogni così dolci, Anche se l'indomani recherà pene e sofferenze?
Pag. 231
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi