Bambini di ferro

Voto medio di 28
| 10 contributi totali di cui 7 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Una mattina di fine estate, in un Giappone di un'era imprecisata, la direttrice dell'Istituto Gokuraku, Sada, e la sua assistente, Yuki, prelevano da una vecchia casa una bambina rimasta orfana: la piccola Sumiko. Presto si accorgono che Sumiko non ...Continua
Ha scritto il 27/06/17
IL FUTURO CUPO DELLA MATERNITA'
Questo romanzo si è rivelato una notevole, nonchè piacevole sorpresa. In effetti, non sapevo assolutamente cosa attendermi. E' difficile anche classificarne il genere di appartenenza. Potrei dire che possiede una sottile sfumatura sci-fi in ...Continua
Ha scritto il 28/02/17
Carino, bella storia, ma...
Il romanzo contiene in sè una trama davvero interessante, la storia è molto originale, non è pesante ed è piacevole da leggere. Ho trovato difficoltoso proseguire nella lettura tutte le volte che venivano presentati dei vocaboli giapponesi con ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 05/02/17
Diminuiremo questa comunicazione eccessiva,aumenteremo il slenzio.
'Signora Yoshida,l'io non è un entità.è soltanto un progetto interno,utile per una vita serena e una proficua interazione sociale.L'organismo non lo possiede alla nascita e in fin dei conti non ne ha bisogno..Infatti i primitivi lo percepivano ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 03/01/17
Incipit
In piena notte, scalzo e sudato, Buddha Sakyamuni esce dal suo tempio scavato nella roccia, nel centro desolato di Kusinagar.......... http://www.incipitmania.com/incipit-per-autore/aut-d/di-grado-viola/bambini-di-ferro-viola-di-grado/
  • 1 mi piace
Ha scritto il 15/11/16
Un romanzo che non decolla 😔
Viola Di Grado, scrittrice catanese, ormai da anni fuori dalla Sicilia. Giovanissima, ma già alla sua terza fatica." Bambini di ferro" è un romanzo distopico, ambientato in Giappone. Ciò che si coglie subito è l'originalità della storia, che ...Continua
  • 4 mi piace

Ha scritto il Feb 25, 2017, 23:07
L'io non è un'entità, è soltanto un progetto interno, utile per una vita serena e una proficua interazione sociale. L'organismo non lo possiede alla nascita e in fin dei conti non ne ha bisogno. Infatti i primitivi lo percepivano come un essere ...Continua
Pag. 188
Ha scritto il Feb 23, 2017, 11:33
Gli album di foto non esistevano più.Adesso materializzare il passato e collezionarlo era considerato un passatempo inutile e dannoso. Non esistevano più nemmeno le pescatrici di perle: la melma di aragonite, calcite e conchiolina con cui il ...Continua
Pag. 123
Ha scritto il Jan 27, 2017, 19:20
Il mondo era un alveare di api guaste e sconnesse, far nascere umani non poteva più essere un capriccio di individui impreparati, segnati troppo spesso da sofferenze ostinate, patologie genetiche, disturbi della personalità.
Pag. 54

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi