Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bambini esclusi

Di

Editore: Fernandel

4.0
(8)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 160 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8895865618 | Isbn-13: 9788895865614 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Bambini esclusi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Alvise ha un solo desiderio. Contemplare dal vivo, in una visione privata e segreta, Dafne Delirio, una giovane popstar italiana nei confronti della quale prova un’adorazione che sconfina nel mistico.
Gabriele invece ha un solo terrore. Diventare padre. Ha stretto un misterioso voto con se stesso. Nel suo continuo rimuginare, nella sua allucinata interpretazione della realtà circostante, Gabriele fa coincidere la prospettiva della paternità con la fine della propria esistenza.
Ma il corso degli eventi prende direzioni impreviste. Dafne Delirio abbandona all’improvviso il music business per ritirarsi a vita privata, protetta da un rigoroso anonimato. Impossibile per Alvise rintracciare l’oggetto della sua passione, godere della sua vista come aveva sempre sognato. Gabriele, invece, nonostante le ossessive attenzioni mette incinta la sua ragazza. Il voto è spezzato. La sua esistenza in pericolo. Disperati e impauriti i due personaggi cercheranno di rimettere le proprie vite in carreggiata. Sarà un hotel vietato ai bambini a far loro capire che la vita, a volte, ti dà esattamente quello che vuoi. Solo che lo fa a modo suo.
Ordina per
  • 4

    La moglie e musa di Dante Gabriel Rossetti si suicidò dopo aver dato alla luce un bambino morto. Qui, uno dei due protagonisti si chiama Gabriele Rossetti ed è ossessionato dall'idea di avere un figlio perché pensa che nato il figlio debba morire il padre.


    L'altro protagonista si chiama Al ...continua

    La moglie e musa di Dante Gabriel Rossetti si suicidò dopo aver dato alla luce un bambino morto. Qui, uno dei due protagonisti si chiama Gabriele Rossetti ed è ossessionato dall'idea di avere un figlio perché pensa che nato il figlio debba morire il padre.

    L'altro protagonista si chiama Alvise mariani ed è ossessionato da Dafne Delirio, una cantante italiana "che ci invidiano all'estero". Alvise Mariani è un nome brutto quanto Dafne delirio è bello, ossia tanto.

    Penso che questo libro sia la nemesi di "La solitudine dei numeri primi". Volendo astrarre una figura per mia comodità ho pensato subito alla tenaglia (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Pincers.jpg), lo strumento di falegnameria che serve ad estrarre chiodi e che ricorda vagamente un granchio. Del resto cosa sono le ossessioni, se non chiodi. Due vite parallele dominate da una ossessione. Platania impugna i lunghi manici per estrarre i chiodi dalla testa dei suoi protagonisti ma anche dalla testa del lettore.
    Perché queste due ossessioni, seppure in forma non patologica, sono assai frequenti: l'infatuazione per una popstar, l'idea depressiva che sia addirittura malvagio concepire dei figli perché vivano in un mondo così crudele.
    Dal punto di vista "energetico", l'ossessione di Alvise è Yin, quella di Roberto è Yang. Nel finale si capisce che invece Alvise è una natura Yang e Roberto Yin. E si capisce con una mossa molto semplice: Platania toglie un figlio da una parte e lo mette in un'altra (più di così non posso dire per non togliere suspence).
    Mi è piaciuto perché condotto con una scrittura esatta e non banale.
    Bravo Platania!

    Appunto: ossessione come totale incomprensione di se stessi.

    ha scritto il 

  • 5

    Chi ha più possibilità di successo, colui che desidera a tutti i costi qualcosa o colui che vuole evitare a tutti i costi che qualcosa avvenga? E realizzati ambedue i desideri, chi sarà più felice?

    ha scritto il 

  • 4

    Alvise Mariani e Gabriele Rossetti, due uomini diversi, ma accomunati da un pensiero ossessivo, che ovviamente non è il medesimo per ciascuno di loro, ma li governa in maniera sempre più difficilmente controllabile nella loro quotidianità. L'adorante ossessione di Alvise per una giovane pop star ...continua

    Alvise Mariani e Gabriele Rossetti, due uomini diversi, ma accomunati da un pensiero ossessivo, che ovviamente non è il medesimo per ciascuno di loro, ma li governa in maniera sempre più difficilmente controllabile nella loro quotidianità. L'adorante ossessione di Alvise per una giovane pop star e il terrore ossessivo della paternità da parte di Gabriele. Due storie che viaggiano sul pericoloso crinale del surreale, pericoloso perché ci vuole poco a scivolare nell'assurdo che delude e allontana il lettore. Una scrittura molto curata, quasi maniacale, per una storia in cui i due poveri protagonisti, alla stregua dei bambini esclusi del titolo, scopriranno di ricevere dalla vita proprio ciò che avevano sempre desiderato, per vie traverse alle quali non avrebbero pensato. Una lettura avvincente e soddisfacente, nella quale ho trovato echi della scrittura di Murakami e che mi ha tenuta incollata alle pagine dall'inizio alla fine. Un'ottima prova.

    ha scritto il