Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bambino 44

Di

Editore: Sperling & Kupfer

4.1
(2352)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 444 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Inglese , Catalano , Spagnolo , Francese , Portoghese , Chi tradizionale , Norvegese , Olandese

Isbn-10: 8860615046 | Isbn-13: 9788860615046 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Annalisa Garavaglia

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Bambino 44?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Unione Sovietica, 1953. Il regime di Stalin è al vertice, con l'entusiastica collaborazione del Ministero della Sicurezza e dell'MGB (precursore del nefando KGB), l'organismo di polizia segreta la cui brutalità e la continua pratica di torture non sono un segreto. La popolazione è costretta a credere che il crimine è stato debellato in tutto il paese, che tutti sono felici e che il governo rappresenta il punto di riferimento e di ispirazione morale per ogni cittadino modello. Quando tuttavia il cadavere di un ragazzino viene ritrovato sui binari di un treno, l'ufficiale dell'MGB Leo Demidov si sorprende che i genitori del piccolo morto siano convinti si tratti di omicidio. I superiori di Leo gli ordinano di non indagare né su questa morte né sulle altre che seguiranno. Leo obbedisce, anche se sospetta che qualcuno di molto importante possa essere implicato. Smetterà di obbedire nel momento in cui alla giovane moglie Raisa arriveranno minacce affinchè diventi lei stessa garante e spia dell'operato di Leo. Da agente inquisitore allineato con i diktat governativi, Leo diventerà un nemico pubblico da snidare, inquisire e sicuramente eliminare. Costretti a fingere di non amarsi per non nuocersi a vicenda, Leo e Raisa, dovranno proteggersi dal nemico ufficiale e potentissimo, e dai tanti nell'ombra di cui ignorano l'identità.
Ordina per
  • 5

    我一向是吝於給星數的,但這本書讓我在本該坐立難安的三個小時飛行時間裡,度過了愉快的閱讀時間。
    僅管書再厚,頁數似乎總是嫌少,手指著了魔似的停不下來,目光死盯著書頁不放,我必須承認,"第44個孩子"就是有如此吸引人的情節。

    ha scritto il 

  • 5

    il più bello che ho letto quest'anno!!

    e forse uno dei più bei thriller che abbia mai letto!!! l'ho divorato in un giorno, facendo le ore piccole.
    avvincente, emozionante, molto ben scritto, accurato, ricco di suspense e angosciante.
    lo spunto della storia, tratto un orribile fatto di cronaca di un serial killer, in realtà ...continua

    e forse uno dei più bei thriller che abbia mai letto!!! l'ho divorato in un giorno, facendo le ore piccole.
    avvincente, emozionante, molto ben scritto, accurato, ricco di suspense e angosciante.
    lo spunto della storia, tratto un orribile fatto di cronaca di un serial killer, in realtà mi è parsa quasi una scusa per calare il lettore all'interno della realtà russa del periodo staliniano e post staliniano.
    si vive la paura, pagina per pagina. la paura di fidarsi, di parlare, di pensare, di respirare. persino la paura di guardare altre persone negli occhi o di non guardarle proprio! si vive l'angoscia e il clima di terrore, si inorridisce innanzi a certe scelte politiche che hanno fatto di uomini miseri fantocci senza volontà propria.
    con quel " grande fratello" stile Orwell che tutto vede e non lascia vivere.
    accurato nelle descrizioni, fedele a un pezzo di storia fra le più vergognose.
    e mentre leggi, ti immedesimi nei personaggi, ti poni le stesse domande di Leo, ti emozioni, ti indigni, ti arrabbi.
    e se un libro, al di là della storia, che pure è scritta con ritmo e sagacia, ti coinvolge al punto di impedirti di mollare la lettura fino alla fine, allora è certo che si tratta di un gran bel libro.
    e riesci a perdonargli anche qualche scivolata nell'inverosimile verso la parte finale, dove i protagonisti diventano esageratamente eroici e invincibili.
    soprattutto quando ti rendi conto che lo scrittore è molto giovane, e il libro è la sua opera prima.
    e comunque, io adoro il lieto fine!
    assolutamente da leggere. gran bel libro, davvero.

    ha scritto il 

  • 2

    Perdonami Tom...

    Semplicemente ci sono dei libri che non sono per noi. Ecco, "Bambino 44" non era decisamente per me. Non ci siamo mai trovati, non mi ha stuzzicato, non mi ha corteeggiato e arrivare al traguardo é stata davvero una faticaccia.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto piacevole questo libro, riesce a coinvolgere immediatamente e a tenere alta tensione fino alla fine delle 500 pagine. Lo consiglio anche perchè a breve penso uscirà il film.

    ha scritto il 

  • 3

    Prima o poi imparerò a leggere la quarta di copertina e non soltanto i commenti su anobi. Se lo avessi fatto con “Bambino 44” avrei scoperto che non di un libro sui lager nazisti si tratta, ma di un thriller. È un po' come quando non guardo le etichette e mi lavo i denti con la crema depilatoria. ...continua

    Prima o poi imparerò a leggere la quarta di copertina e non soltanto i commenti su anobi. Se lo avessi fatto con “Bambino 44” avrei scoperto che non di un libro sui lager nazisti si tratta, ma di un thriller. È un po' come quando non guardo le etichette e mi lavo i denti con la crema depilatoria.
    Però c'è un vantaggio a non leggere le trame: i libri riservano più sorprese. Se avessi letto la trama, non avrei aperto il libro. Non sarei stato fiondato nell'Unione Sovietica degli anni 50, in un clima da 1984, nel grigio assoluto, nella paura. Anzi, no, nel clima di terrore che probabilmente non è nemmeno troppo amplificato dallo scrittore americano. Un incipit davvero appassionante e un crescendo di emozioni fino a metà libro.
    Purtroppo, la seconda parte scivola nell'incredibile, nel poco probabile e nel grottesco. Quando i protagonisti si trasformano in supereroi, la storia finisce inevitabilmente nel ridicolo e nel banale. Un inizio d'acciaio (stalin) e una fine di merda, che non so come si traduca in russo.
    Il che insegna che c'è un vantaggio anche a lavarsi i denti con la crema depilatoria: quando devi scrivere un commento, non hai peli sulla lingua.

    ha scritto il 

  • 5

    Totalitarismo e serial Killer da una storia vera

    Bambino 44 - Tom Rob Smith - Un thriller che non riuscivo a smettere di leggere. Ridley Scott ne ha acquistato i diritti per un film. Il tutto è ispirato, purtroppo, ad una storia vera, quella del serial killer russo Andrej Chikatilo conosciuto anche come Rostov Ripper.
    Ambientazione: Il ...continua

    Bambino 44 - Tom Rob Smith - Un thriller che non riuscivo a smettere di leggere. Ridley Scott ne ha acquistato i diritti per un film. Il tutto è ispirato, purtroppo, ad una storia vera, quella del serial killer russo Andrej Chikatilo conosciuto anche come Rostov Ripper.
    Ambientazione: Il prologo si svolge nell’ inverno del 1933 in un villaggio ucraino. Gli abitanti stanno morendo di stenti, gli animali domestici e anche i ratti sono ormai scomparsi, in quanto considerati durante la carestia, cibo appetibile. Due bambini avvistano un gatto nel bosco ed escono per cacciarlo.
    Segue nella Russia del 1953, in pieno regime Stalinista, un paese perfetto "dove il crimine non esiste".
    Leo Dimidov,è un ufficiale di polizia, eroe di guerra che ha sempre eseguito gli ordini del Partito: comincia ad avere dei dubbi su ciò che sta facendo quando deve indagare sulla morte di un ragazzino che a lui non sembra per nulla un incidente. La verità che farà emergere, lottando da solo contro tutti e contro il tempo, lo trasformerà da predatore in preda. Si troverà davanti a scelte impossibili. Oltre che un buon thriller, la lettura di questo libro ci trascina dentro la storia della Russia di quel periodo buio in modo inquietante, freddo, duro con un ritmo incalzante. Sentirete il freddo della neve e il disgusto per il genere umano che è stato in grado di portale l'umanità ad un tale punto di degrado e di crudeltà.

    ha scritto il 

Ordina per