Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Bambino 44

By Tom Rob Smith

(492)

| Paperback | 9788860615046

Like Bambino 44 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Unione Sovietica, 1953. Il regime di Stalin è al vertice, con l'entusiastica collaborazione del Ministero della Sicurezza e dell'MGB (precursore del nefando KGB), l'organismo di polizia segreta la cui brutalità e la continua pratica di torture non so Continue

Unione Sovietica, 1953. Il regime di Stalin è al vertice, con l'entusiastica collaborazione del Ministero della Sicurezza e dell'MGB (precursore del nefando KGB), l'organismo di polizia segreta la cui brutalità e la continua pratica di torture non sono un segreto. La popolazione è costretta a credere che il crimine è stato debellato in tutto il paese, che tutti sono felici e che il governo rappresenta il punto di riferimento e di ispirazione morale per ogni cittadino modello. Quando tuttavia il cadavere di un ragazzino viene ritrovato sui binari di un treno, l'ufficiale dell'MGB Leo Demidov si sorprende che i genitori del piccolo morto siano convinti si tratti di omicidio. I superiori di Leo gli ordinano di non indagare né su questa morte né sulle altre che seguiranno. Leo obbedisce, anche se sospetta che qualcuno di molto importante possa essere implicato. Smetterà di obbedire nel momento in cui alla giovane moglie Raisa arriveranno minacce affinchè diventi lei stessa garante e spia dell'operato di Leo. Da agente inquisitore allineato con i diktat governativi, Leo diventerà un nemico pubblico da snidare, inquisire e sicuramente eliminare. Costretti a fingere di non amarsi per non nuocersi a vicenda, Leo e Raisa, dovranno proteggersi dal nemico ufficiale e potentissimo, e dai tanti nell'ombra di cui ignorano l'identità.

428 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Molto piacevole questo libro, riesce a coinvolgere immediatamente e a tenere alta tensione fino alla fine delle 500 pagine. Lo consiglio anche perchè a breve penso uscirà il film.

    Is this helpful?

    KUZZO said on Oct 21, 2014 | Add your feedback

  • 8 people find this helpful

    Prima o poi imparerò a leggere la quarta di copertina e non soltanto i commenti su anobi. Se lo avessi fatto con “Bambino 44” avrei scoperto che non di un libro sui lager nazisti si tratta, ma di un thriller. È un po' come quando non guardo le etiche ...(continue)

    Prima o poi imparerò a leggere la quarta di copertina e non soltanto i commenti su anobi. Se lo avessi fatto con “Bambino 44” avrei scoperto che non di un libro sui lager nazisti si tratta, ma di un thriller. È un po' come quando non guardo le etichette e mi lavo i denti con la crema depilatoria.
    Però c'è un vantaggio a non leggere le trame: i libri riservano più sorprese. Se avessi letto la trama, non avrei aperto il libro. Non sarei stato fiondato nell'Unione Sovietica degli anni 50, in un clima da 1984, nel grigio assoluto, nella paura. Anzi, no, nel clima di terrore che probabilmente non è nemmeno troppo amplificato dallo scrittore americano. Un incipit davvero appassionante e un crescendo di emozioni fino a metà libro.
    Purtroppo, la seconda parte scivola nell'incredibile, nel poco probabile e nel grottesco. Quando i protagonisti si trasformano in supereroi, la storia finisce inevitabilmente nel ridicolo e nel banale. Un inizio d'acciaio (stalin) e una fine di merda, che non so come si traduca in russo.
    Il che insegna che c'è un vantaggio anche a lavarsi i denti con la crema depilatoria: quando devi scrivere un commento, non hai peli sulla lingua.

    Is this helpful?

    Aldo Costa said on Sep 26, 2014 | 12 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Totalitarismo e serial Killer da una storia vera

    Bambino 44 - Tom Rob Smith - Un thriller che non riuscivo a smettere di leggere. Ridley Scott ne ha acquistato i diritti per un film. Il tutto è ispirato, purtroppo, ad una storia vera, quella del serial killer russo Andrej Chikatilo conosciuto anch ...(continue)

    Bambino 44 - Tom Rob Smith - Un thriller che non riuscivo a smettere di leggere. Ridley Scott ne ha acquistato i diritti per un film. Il tutto è ispirato, purtroppo, ad una storia vera, quella del serial killer russo Andrej Chikatilo conosciuto anche come Rostov Ripper.
    Ambientazione: Il prologo si svolge nell’ inverno del 1933 in un villaggio ucraino. Gli abitanti stanno morendo di stenti, gli animali domestici e anche i ratti sono ormai scomparsi, in quanto considerati durante la carestia, cibo appetibile. Due bambini avvistano un gatto nel bosco ed escono per cacciarlo.
    Segue nella Russia del 1953, in pieno regime Stalinista, un paese perfetto "dove il crimine non esiste".
    Leo Dimidov,è un ufficiale di polizia, eroe di guerra che ha sempre eseguito gli ordini del Partito: comincia ad avere dei dubbi su ciò che sta facendo quando deve indagare sulla morte di un ragazzino che a lui non sembra per nulla un incidente. La verità che farà emergere, lottando da solo contro tutti e contro il tempo, lo trasformerà da predatore in preda. Si troverà davanti a scelte impossibili. Oltre che un buon thriller, la lettura di questo libro ci trascina dentro la storia della Russia di quel periodo buio in modo inquietante, freddo, duro con un ritmo incalzante. Sentirete il freddo della neve e il disgusto per il genere umano che è stato in grado di portale l'umanità ad un tale punto di degrado e di crudeltà.

    Is this helpful?

    CindyB said on Sep 18, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    non trovo il termine adatto

    perché a leggerlo, sì, mi è piaciuto e molto (due giorni di seguito senza staccare, come prassi vuole).
    Non posso criticarlo senza diventare pignola, ma diavolo, posso dire che è bello un libro così??

    Ho odiato l'uomo, ho odiato gli uomini tutti (am ...(continue)

    perché a leggerlo, sì, mi è piaciuto e molto (due giorni di seguito senza staccare, come prassi vuole).
    Non posso criticarlo senza diventare pignola, ma diavolo, posso dire che è bello un libro così??

    Ho odiato l'uomo, ho odiato gli uomini tutti (ambosessi), ho odiato l'intero mondo fatto di uomini che si adeguano a tutto e che accettano tutto e che fanno la storia aggrappati come sanguisughe alla vita, capaci di diventare delle merde pur di sopravvivere a qualsiasi costo.
    Ogni scusa è buona per l'essere umano per giustificarsi di fronte alla sua mostruosa capacità di vigliaccheria becera: la paura di morire! La maledetta paura di morire.
    Così si accettano le dittature più feroci (che arrivano mentre noi stiamo pensando ai c***i nostri), la fame, la miseria, la tortura (degli altri), ci si nasconde dietro ai figli per mascherare la propria incapacità a prendere provvedimenti di alcun genere per qualunque cosa.

    Insomma leggere di un'umanità schiacciata che ringhia e si divora mi fa sempre pensare che siamo passati attraverso il medioevo (ma mai usciti del tutto) in questa magnifica maniera.
    E me ne sbatto altamente che passato tutto uno si ripulisce e dei bei discorsi sulla dura legge della natura per la sopravvivenza: stiamo sempre qua a vantarci di essere superiori a qualunque cosa quando basta la paura a renderci delle merde totali; poi andiamo in giro a raccontare favolette su quanto è bello e grande l'amore e che fa miracoli (a panza piena, però).

    Però devo dire che un pregio ce l'ha un libro così: esiste.
    Quindi vi mettete da un lato del letto robe blah come "I love shopping" e dall'altro robe come "Bambino 44" e li leggete a turno.

    Comunque leggetelo, veramente, che vi fa bene all'autostima.

    Is this helpful?

    TapiocaMuffin said on Sep 3, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Investigazione controcorrente nell'URSS di Stalin

    Ciò che rende memorabile questo avvincente thriller e lo colloca decisamente al di fuori dell'ordinaria letteratura contemporanea appartenente a questo genere, è l'ambientazione scelta con arguzia dall'autore e ricostruita all'esito di un laborioso e ...(continue)

    Ciò che rende memorabile questo avvincente thriller e lo colloca decisamente al di fuori dell'ordinaria letteratura contemporanea appartenente a questo genere, è l'ambientazione scelta con arguzia dall'autore e ricostruita all'esito di un laborioso ed accurato lavoro di ricerca e di documentazione.
    Alla fine più che le barbare uccisioni di poveri bambini innocenti e l'azione mortifera del loro misterioso killer che si può letteralmente mimetizzare nel pavido grigiore dell'uniformata società stalinista, quella che rimane ben piantato nella memoria del lettore è proprio la ricostruzione accurata e credibile di una società dominata da una forma di raggelante follia collettiva, quella in cui erano costretti a vivere e a costruire il proprio futuro i cittadini sovietici nel primo dopoguerra: un'organizzazione caratterizzata da un paranoico mix di prevaricazione e di sospetto reciproco, di ipocrisia e di menzogna, e soprattutto di paura, paura e ancora paura. In questo contesto non sono certo le gesta estemporanee della mente deviata di un singolo killer a rendere angosciose e inquietanti le vicende narrate dal libro, quanto piuttosto la descrizione della pervicace e sottile crudeltà psicologica perpetrata dai meccanismi dell'assolutismo politico che ha asservito per tanti anni un'intera gigantesca nazione e i suoi milioni di abitanti.
    Abilissimo nel gestire i tempi e le dinamiche del suo racconto, al punto da perdonargli senza esitazione qualche forzatura di verosimiglianza al momento di svelare il clamoroso colpo di scena e le nebulose spiegazioni conclusive sui moventi delle uccisioni, Tom Rob Smith è assai più bravo a farci partecipare in prima persona la penosa esistenza di tutti i giorni dei cittadini dell'Unione Sovietica di quegli anni (ancora vivente Stalin), costretti a combattere non solo contro la fame, la sporcizia, la fatica, la penuria di tutto, persino della speranza, ma anche e soprattutto con la malevolenza rancorosa dei loro stessi vicini di casa, persino dei loro familiari, tutti schiavizzati dalle ineluttabili regole di una vera e propria "psicosi collettiva", così radicata e diffusa da rendere ciascuno alternativamente un potenziale sociopatico o una potenziale vittima.
    Sono curioso sia di leggere i due seguiti di questo romanzo, con il forte timore che difficilmente potranno eguagliare la folgorante novità e la fluidità delle pagine di questo primo episodio, sia di vedere come riusciranno a rovinare tutto quanto nella trasposizione filmica ormai imminente.

    Is this helpful?

    JB Berg said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    文/陳宗琛

    《第44個孩子》(鸚鵡螺文化)會成為一部小說,甚至發展成三部曲的規模,純屬意外。因為,湯姆‧羅伯‧史密斯原本是要幫電影公司把一篇短篇小說改編成劇本,沒想到在收集資料的時候,他看到了第44個孩子。

    創造意外的人,叫湯姆‧羅伯‧史密斯。1979年,他出生於英國倫敦,父親是英國人,母親是瑞典人,2001年於劍橋大學畢業後,獲獎學金赴義大利深造,主修創意寫作。返英後擔任英國國家廣播公司的編劇和故事編輯,從事劇本創作迄今。

    第二個意外是2007年的倫敦書展。《第44個孩子》竟然成為那一年 ...(continue)

    文/陳宗琛

    《第44個孩子》(鸚鵡螺文化)會成為一部小說,甚至發展成三部曲的規模,純屬意外。因為,湯姆‧羅伯‧史密斯原本是要幫電影公司把一篇短篇小說改編成劇本,沒想到在收集資料的時候,他看到了第44個孩子。

    創造意外的人,叫湯姆‧羅伯‧史密斯。1979年,他出生於英國倫敦,父親是英國人,母親是瑞典人,2001年於劍橋大學畢業後,獲獎學金赴義大利深造,主修創意寫作。返英後擔任英國國家廣播公司的編劇和故事編輯,從事劇本創作迄今。

    第二個意外是2007年的倫敦書展。《第44個孩子》竟然成為那一年書展最耀眼的奇蹟,全球出版商高價競標,迅速賣出二十二國版權。誰想得到,作者只是一個二十八歲的年輕小伙子,而《第44個孩子》是他寫的第一部小說。更難以想像的是,隔年,這本書橫掃了全球17項純文學與大眾文學獎。

    而更驚人的意外是,版權售出後不到兩個禮拜,史密斯接到一通電話。打電話的人就是名聞全球的大導演雷利‧史考特。他說他要買下這本書的電影版權,親自擔任導演。史考特很激動的說,從「異形」到「銀翼殺手」到「神鬼戰士」,他對電影最大的興趣就是創造一個世界,無論是未來的世界,或是古代的世界。而這本小說所描述的蘇聯時期的俄羅斯,可以算是人類歷史上對人性試煉最極端的世界,他很渴望把那個冷冽肅殺的俄國呈現在銀幕上。

    很巧的是,這樣的概念正是《第44個孩子》創作的起點。當年,史密斯受委託編寫的劇本,故事內容涉及連續殺人案,於是史密斯大量收集連續殺人狂的資料。過程中,他無意間接觸到1970年代蘇聯最著名的連續殺人狂「羅斯托夫開膛手」安德烈‧齊卡提洛的資料,而他也因此進一步閱讀了更多蘇聯時期的俄羅斯歷史。

    他回憶說,在他讀過的資料當中,最令他震撼的是一段關於史達林的記載。1937年,史達林命令部屬統計蘇聯境內的人口數字,後來,他看到數字之後,發現蘇聯的人口遠低於他的預期(因為在他統治期間,幾百萬的蘇聯人民被他殺害),於是他就把負責統計的部屬拉出去槍斃,然後對外公布了一個他滿意的數字。那實在太令人震驚。蘇聯人口數字太低,罪魁禍首就是史達林自己,而他竟然殺了負責統計的人。

    這樣一個極端恐怖的國度、極端荒謬的時代,深深吸引了史密斯。於是,他腦海中忽然冒出一個構想:史達林時期的蘇聯,本身不就是一本書最精采的「主題人物」嗎?那樣的社會,那樣的制度,那種極端的矛盾,人性的扭曲衝突,本身不就是最有戲劇張力的絕佳角色嗎?那個年代,政府宣稱在社會主義的國家裡沒有所謂的犯罪,只有反革命份子。如果這樣的社會出現一個連續殺人狂,那麼,要追捕凶手就必須先承認這個社會有犯罪,這樣一來,偵辦犯罪的警察就變成了叛國的反革命份子,變成罪犯。

    於是,他開始把這個構想寫成《第44個孩子》,於是,一部獨一無二的推理小說誕生了,因為,這部小說裡真正的兇手,不是那個連續殺人狂,而是一個國家。

    另外,史密斯也創造出推理小說史上很罕見的主角類型。故事裡,偵探的角色不是一個人,而是兩個人:李奧和他的太太瑞莎。主角李奧是一個充滿熱情的理想主義者,他的一切行事作為完全基於信仰,而這一點正好和一般推理小說大相逕庭。一般推理小說裡的偵探,通常都看透了人生百態,有點憤世嫉俗,有點冷漠,而且有一種看透事情本質的洞悉力。而這正是李奧最欠缺的,他什麼都看不清楚。真正具備這種特質的,是他的太太瑞莎。故事裡,李奧必須藉由太太的敏銳洞察,才能夠看清真相。他們是一體的,兩個人在一起才足以構成一個完整的偵探角色。

    曾經有人問他,《第44個孩子》的誕生,最重要的動力是什麼?答案是,倫敦地鐵。他說,當年他住在倫敦南區,可是工作的地點在東區,所以他每天都要搭地鐵去上班,班車沒有誤點要一個鐘頭,誤點的時候要一個半鐘頭,這趟路程,沒有書根本熬不下去,而且必須是很特別的書,那種會讓你看到失魂落魄的書,那種讓你站著看可以忘記腿痠的書,那種會讓你到站忘記要下車的書。他想寫的就是這種書。

    今天,看得到《第44個孩子》,甚至看得到三部曲,我們必須感謝的是倫敦地鐵。倫敦地鐵創造了第44個孩子。

    Is this helpful?

    邱冠峰 said on Jul 28, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book