Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bar sport

Letto da David Riondino

Di

Editore: Feltrinelli (Emons)

3.9
(8712)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: CD audio | In altre lingue: (altre lingue) Ceco

Isbn-10: 8807735059 | Isbn-13: 9788807735059 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Bar sport?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata ad un'esposizione perenne. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (con due n), che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quelle del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere), e delle allucinazioni estive. (Durata: 4 ore e 19 minuti).
Ordina per
  • 4

    Il meglio di Benni

    Gustoso ed esilarante: secondo me Benni ha dato il meglio in questa raccolta di - brevissimi - episodi.
    Il primo, quello della "Luisona" è rimasto giustamente famoso nel tempo.

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' datato ... ma non troppo: 3,5 stelle.

    "A questo punto il bambino gli chiederà un gelato con un nome assurdo, come Bananotto, Antartidino, Cremarancio, Baden-Baden, di cui il barista ignora l'esistenza. Il barista controlla tutte le scorte di gelato con la testa nel freezer, e ogni tanto emerge con gelati mostruosi pieni di bugni, str ...continua

    "A questo punto il bambino gli chiederà un gelato con un nome assurdo, come Bananotto, Antartidino, Cremarancio, Baden-Baden, di cui il barista ignora l'esistenza. Il barista controlla tutte le scorte di gelato con la testa nel freezer, e ogni tanto emerge con gelati mostruosi pieni di bugni, strati e colori a forma di pecora e di autoambulanza. Il bambino li osserva serio uno per uno e ogni volta dice: 'Non è lui'."

    Ecco, il bimbo del gelato siamo noi.
    ("Siamo", non "eravamo".)

    ha scritto il 

  • 5

    A mio parere uno dei libri più riusciti di Benni; ti lascia con il sorriso sulle labbra dall'inizio alla fine. La surrealità tipica dello scrittore anche se sempre presente viene leggermente smorzata dalla brevità dei racconti e questo, a mio gusto, non fa che giovare al racconto. Da leggere assa ...continua

    A mio parere uno dei libri più riusciti di Benni; ti lascia con il sorriso sulle labbra dall'inizio alla fine. La surrealità tipica dello scrittore anche se sempre presente viene leggermente smorzata dalla brevità dei racconti e questo, a mio gusto, non fa che giovare al racconto. Da leggere assaporando la Luisona XD

    ha scritto il 

  • 2

    Sarà che avevo aspettative troppo elevate quando ho cominciato a leggerlo o forse poca voglia di divertirmi...fatto sta che mi ha deluso e annoiato, ho saltato o letto distrattamente pagine e pagine per arrivare presto alla fine. Mi è sembrato datato, stantìo. Come e più della "Luisona".

    ha scritto il 

  • 3

    Fenomenologia del cliente da bar

    Se pensate che questo libro vi farà scompisciare dalle risate, avete sbagliato scelta.
    Questo libro vi regalerà dei piacevoli sorrisi nel grigiore di città, mentre viaggerete sugli autobus o semplicemente vi rilasserete sul divano.
    Il tipo di ironia è quello di qualche decennio fa, ma ...continua

    Se pensate che questo libro vi farà scompisciare dalle risate, avete sbagliato scelta.
    Questo libro vi regalerà dei piacevoli sorrisi nel grigiore di città, mentre viaggerete sugli autobus o semplicemente vi rilasserete sul divano.
    Il tipo di ironia è quello di qualche decennio fa, ma la ritrattistica dei personaggi, dei vizi e delle stranezze dei bar e dei loro frequentatori è perfetta ed estremamente piacevole alla lettura.

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente

    So di essere una delle poche..ma devo dire che ho trovato questo libro noioso e non tanto divertente come mi aspettavo! Il primo capitolo non mi sembrava male ma procedendo con la lettura ho saltato alcune pagine che assolutamente non riuscivo a finire...

    ha scritto il 

  • 5

    Delirante e sconclusionato. E dunque sublime. L'ho adorato perché mi ha ricordato i nostri bar di paese, quelli in cui la media di età è 122 anni e dove l'italiano è una lingua non solo sconosciuta, ma anche bandita. Come in tutti i bar che si rispettino, al Bar Sport non si mangia: il cibo è sol ...continua

    Delirante e sconclusionato. E dunque sublime. L'ho adorato perché mi ha ricordato i nostri bar di paese, quelli in cui la media di età è 122 anni e dove l'italiano è una lingua non solo sconosciuta, ma anche bandita. Come in tutti i bar che si rispettino, al Bar Sport non si mangia: il cibo è solo parte della scenografia e guai a chi tocca la Luisona. Ci sono i fenomeni da bar, come il Cinno, la cassiera gnocca, le signore anziane che parlano solo di morti e disgrazie, il professore di filosofia, raffinato conoscitore ed estimatore di sederi femminili, il nonno che guarda sempre la televisione anche quando è spenta, il barbiere, il benzinaio, l'ingegnere, il meccanico e il playboy, sempre intento a raccontare le sue ultime avventure (rigorosamente inventate!). Bar Sport si costruisce sulle descrizioni accurate ed estremamente divertenti dei suoi personaggi. Su questo libero è stato realizzato un film che, dicono, non sia nemmeno lontanamente bello come il libro. Peccato, perché fa Bar Sport spisciare. In maniera sguaiata e indegna.

    ha scritto il 

Ordina per