Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bar sport

Di

Editore: Feltrinelli (Universale economica, 1434)

3.9
(8837)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 132 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Ceco

Isbn-10: 880781434X | Isbn-13: 9788807814341 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Bar sport?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ci sono bar e bar ma il Bar Sport è qualcosa di più. Lo sa bene Stefano Benni che alla fatidica insegna, alta come una bandiera nell'immaginario nazionale, ha dedicato un libro diventato ormai un classico dell'umorismo.Seguendo il ritmo infallibile dell'apertura e della chiusura, dei campionati di calcio e, perché no?, delle stagioni, Benni ha scritto la sua commedia umana, il suo catalogo di "eroi" ormai coronati dalla stralunata aureola del mito: lo sparaballe e il professore, il 'tennico' e il carabiniere, il ragioniere innamorato e la cassiera dalle grandi poppe, il leggendario calciatore dal tiro portentoso e il lavapiatti che sogna di diventare cameriere. Sullo sfondo un interno di mite squallore, dove fanno scena il flipper, il telefono a gettoni e la proverbiale Luisona, la brioche condannata a un'esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. E' una brigata di irresistibili compagni di ventura quella che ci viene incontro a chiedere spazio nella memoria, nell'immaginazione. Una brigata che è pronta a fare il bis. Ad affollare le pagine di "Bar Sport Duemila".
Ordina per
  • 2

    Mah...

    ...forse sono io che non apprezzo particolarmente Benni,
    ma sono state davvero poche le pagine che mi hanno fatto ridere.
    Profondamente grottesco, e questo è probabilmente il
    fine dell'autore, ma l'es ...continua

    ...forse sono io che non apprezzo particolarmente Benni,
    ma sono state davvero poche le pagine che mi hanno fatto ridere.
    Profondamente grottesco, e questo è probabilmente il
    fine dell'autore, ma l'esagerazione portata al surrealismo
    di molti episodi mi ha quasi infastidito.

    ha scritto il 

  • 0

    Stefano Benni, il graffio del lupo

    Il suo primo libro, Bar sport è una raccolta di racconti del 1976 che ancora adesso, a distanza di quarant’anni, si può apprezzare per originalità e innovatività linguistiche… il suo ultimo “di tutte ...continua

    Il suo primo libro, Bar sport è una raccolta di racconti del 1976 che ancora adesso, a distanza di quarant’anni, si può apprezzare per originalità e innovatività linguistiche… il suo ultimo “di tutte le ricchezze” è del 2015 (edito da feltrinelli).

    In mezzo, tanti piccoli capolavori che chiunque di voi troverà facilmente in libreria … La compagnia dei celestini, Elianto, Terra!, Comici spaventati guerrieri, Achille piè veloce, sono solo alcuni di questi…

    All’estero, per gli anglofoni del blog, hanno detto di lui:

    “In a compelling blending of fantasy, pop culture, literary allusions, and current affairs Benni’s parodies and satires of social fads and political establishments have made him a classic of contemporary humorous writing in Italy”.
    Il resto lo trovate qui: http://www.escy.it/stay/libri/stefano-benni-il-graffio-del-lupo/

    ha scritto il 

  • 2

    Spinto dal buon ricordo che avevo de "il bar sotto il mare", "la grammatica di Dio" e "l'ultima lacrima" ho pensato che fosse giunto il momento di dedicarmi anche a "Bar sport", opera che il retro del ...continua

    Spinto dal buon ricordo che avevo de "il bar sotto il mare", "la grammatica di Dio" e "l'ultima lacrima" ho pensato che fosse giunto il momento di dedicarmi anche a "Bar sport", opera che il retro della copertina giudica come "classico dell'umorismo".

    Misero me: sarà che raramente mi capita di ridere, ma la maggior parte dei racconti mi ha messo in faccia la stessa espressione di Angelino Alfano quando viene preso in giro da Maurizio Crozza. Giusto qualche racconto l'ho trovato divertente ("Cenerentolo", "il cinno" e quello sul cinema), ma il resto è solo roba superflua per allungare il brodo. Peccato Benni, questa volta mi hai lasciato l'amaro in bocca.

    ha scritto il 

  • 3

    Mah...

    Non lo ritengo un romanzo, ma una descrizione umoristica dei vecchi bar sport di paese. E' un insieme dei luoghi comuni che diventano mini-racconti. Luoghi comuni che centrano in pieno quello che era ...continua

    Non lo ritengo un romanzo, ma una descrizione umoristica dei vecchi bar sport di paese. E' un insieme dei luoghi comuni che diventano mini-racconti. Luoghi comuni che centrano in pieno quello che era il luogo per eccellenza fino agli anni 80. Bravo a ricreare lo spirito del bar, certi racconti sono molto divertenti altri assolutamente no.
    Tipico libro che non lascia assolutamente niente una volta finito.

    ha scritto il 

  • 2

    Benni è davvero bravo. Ha uno stile tutto suo che adoro, ma questa volta ha fatto un passo indietro rispetto a “Margherita Dolcevita” e a “La compagnia dei Celestini”. Mi è piaciuto, l’ho trovato dive ...continua

    Benni è davvero bravo. Ha uno stile tutto suo che adoro, ma questa volta ha fatto un passo indietro rispetto a “Margherita Dolcevita” e a “La compagnia dei Celestini”. Mi è piaciuto, l’ho trovato divertente, ma francamente mi aspettavo qualcosina di più.
    La prima parte, dove vengono descritti tutti gli stereotipi che è possibile incontrare in un bar di qualsivoglia città italiana(la scena del bambino che va a comprare il gelato mi ha ricordato la mia infanzia, anch’io sono stata una di quelle bambine timide a cui tutti passavano davanti) è senza alcun dubbio ottima, ma poi nella seconda parte ecco che tutto crolla(la narrazione di tante storie completamente scollegate tra loro mi hanno creato diverse difficoltà a leggerle).
    Forse se avessi vissuto la giovinezza durante la fine degli anni’70 e se avessi vissuto quel mondo calcistico, forse l’avrei apprezzato di più…
    Comunque Benni resta sempre un autore più che degno di nota per la sottoscritta, uno dei più interessanti del panorama italiano contemporaneo.

    ha scritto il 

  • 2

    Perché? Perché?! PERCHE'?!

    Chiunque sia cresciuto in un paese o abbia buttato un occhio in un bar squallido di quartiere sa che ognuno di questi è frequentato dagli stereotipi individuati da Benni -e molti altri. Sarebbe bastat ...continua

    Chiunque sia cresciuto in un paese o abbia buttato un occhio in un bar squallido di quartiere sa che ognuno di questi è frequentato dagli stereotipi individuati da Benni -e molti altri. Sarebbe bastato descriverli con sincera empatia per tirarne fuori una lettura piacevole. Che bisogno c'era di estremizzarli così? Di renderli quasi ridicoli?
    Dignità per gli stereotipi del Bar!

    http://youtu.be/X_Jvf0ZxKd8

    ha scritto il 

  • 2

    Comicità stupida

    L'idea di raccontare episodi che ruotano intorno a un bar è carina, se non fosse che la maggior parte dei racconti non c'entra nulla. Alcune descrizioni sono simpatiche, ma sforano sempre più nell'ass ...continua

    L'idea di raccontare episodi che ruotano intorno a un bar è carina, se non fosse che la maggior parte dei racconti non c'entra nulla. Alcune descrizioni sono simpatiche, ma sforano sempre più nell'assurdo e alla fine del libro sembra che Benni abbia giocato a chi le spara più grosse (e credo che, di questi tempi, ci sia tanta gente in grado di tenergli testa). Questa comicità stupida, fine a se stessa, mi fa sorridere solo i primi cinque minuti, poi mi annoia e non vedo l'ora di dedicarmi ad altro.

    ha scritto il 

Ordina per