Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Barney's Version

By

Publisher: Chatto and Windus

4.3
(9446)

Language:English | Number of Pages: 288 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , German , French , Spanish , Dutch

Isbn-10: 0701162724 | Isbn-13: 9780701162726 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio CD , eBook , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like Barney's Version ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"In 1944, I was aware of three youth groups committed to the compelling idea of an independent Jewish state: Hashomer Hatza'ir (The Young Guard), Young Judaea, and Habonim (The Builders).

Hashomer Hatza'ir was resolutely Marxist. According to intriguing reports I had heard, it was the custom, on their kibbutzim already established in Palestine, for boys and girls under the age of eighteen to shower together. Hashomer Hatza'ir members in Montreal included a boy I shall call Shloime Schneiderman, a high-school classmate of mine. In 1944, when we were still in eighth grade, Schloime enjoyed a brief celebrity after his photo appeared on the front page of the Montreal Herald. Following a two-cent rise in the price of chocolate bars, he had been a leader in a demonstration, holding high a placard that read: down with the 7cents chocolate bar. Hashomer Hatza'ir members wore uniforms at their meetings: blue shirts and neckerchiefs. "They had real court martials," wrote Marion Magid in a memoir about her days in Habonim in the Bronx in the early fifties, "group analysis, the girls were not allowed to wear lipstick." Whereas, in my experience, the sweetly scented girls who belonged to Young Judaea favored pearls and cashmere twinsets. They lived on leafy streets in the suburb of Outremont, in detached cottages that had heated towel racks, basement playrooms, and a plaque hanging on the wall behind the wet bar testifying to the number of trees their parents had paid to have planted in Eretz Yisrael, the land of Israel.

I joined Habonim -- the youth group of a Zionist political party, rooted in socialist doctrine -- shortly after my bar mitzvah, during my first year at Baron Byng High School. I had been recruited by a Room 41 classmate whom I shall call Jerry Greenfeld..."
Sorting by
  • 4

    Mi ero ripromesso che...

    Mi ero ripromesso,prima o poi di leggere questo libro...
    Tutti lo osannavano...

    Ma poi lo guardavo...
    La copertina fa schifo...
    Sembrava un mattonazzo mistico...

    Quindi ho rimandato,rimandato,rimandat ...continue

    Mi ero ripromesso,prima o poi di leggere questo libro...
    Tutti lo osannavano...

    Ma poi lo guardavo...
    La copertina fa schifo...
    Sembrava un mattonazzo mistico...

    Quindi ho rimandato,rimandato,rimandato....
    Ma alla fine ce l'ho fatta...

    Sarò breve.
    All'inizio è di una palla mortale...
    Si tratta di un libro lento, pieno di riferimenti storici e di ricordi...
    Ma se riuscite a tenere duro,alla lunga,verrete ripagati.

    In sostanza,si tratta davvero di un buon libro.
    Io ve lo consiglio.
    Ma se trovo in giro qualcuno a cui non piace,posso tranquillamente capirlo.

    Buona lettura

    said on 

  • 2

    Personaggi davvero singolari, caratterizzati molto bene, ma la lettura è lenta e appesantita da regressioni e citazioni che certo inquadrano Barney, ma si fa fatica ad arrivare alla fine.

    said on 

  • 4

    Finale stroncante!

    Non gli do 5 stelle piene solo perchè, seppure il genere di questo libro sia da me apprezzato, non è esattamente il mio preferito. Sicuramente Barney è un protagonista spassoso, non conoscevo Richler ...continue

    Non gli do 5 stelle piene solo perchè, seppure il genere di questo libro sia da me apprezzato, non è esattamente il mio preferito. Sicuramente Barney è un protagonista spassoso, non conoscevo Richler ed ho scoperto uno scrittore con uno stile che lascia il segno.
    Il finale? Potrei osare dire che è quello che mi ha lasciato più di stucco tra tutte le mie letture.

    said on 

  • 0

    Ho iniziato a leggerlo e dopo un'ottantina di pagine mi avava stufato e l'ho messo da parte per leggere altro.
    Un' amica venuta a trovarmi, sono a casa bloccata, mi ha fatto notare che si bisogna tene ...continue

    Ho iniziato a leggerlo e dopo un'ottantina di pagine mi avava stufato e l'ho messo da parte per leggere altro.
    Un' amica venuta a trovarmi, sono a casa bloccata, mi ha fatto notare che si bisogna tener duro per ancora per 20-30 pagine e poi vedrai decolla e non smetti più.
    Beh ho quasi dovuto impormi di arrivare fino alla fine, ho fatto fatica, salvo forse, metà della parte con la signora P e poi molto bella la parte di Miriam.
    In conclusione, molto probabilmente non lo stile di libro tra i miei preferiti, comunque un libro che dovrebbe essere letto.
    Visto queste premesse mi astengo dalle stelline.

    said on 

  • 4

    Una volta la signora Panofsky mi ha detto che al posto del cuore ho un grumo di rabbia. Vero…

    2013:
    Bello, cinico, irriverente, ironico, commovente….tutto…. Infine non si può non amare Barney, vecchio sognatore….Adesso vive di ricordi, nonostante la sua memoria sia piena di buchi e debba ricor ...continue

    2013:
    Bello, cinico, irriverente, ironico, commovente….tutto…. Infine non si può non amare Barney, vecchio sognatore….Adesso vive di ricordi, nonostante la sua memoria sia piena di buchi e debba ricorrere spesso ai suoi... “mantra” per ricordare come si chiama “quel coso per tirare su la minestra”. E che dire delle citazioni? Non ne azzecca una.….ed è ancora tanto, tanto innamorato di Miriam, il suo vero unico amore, che “cazzo, cazzo, cazzo. Lo so che se fossi stato meno insensibile, Miriam non se ne sarebbe andata” . Anche il film è bello, ma il libro è decisamente meglio. Lettura obbligatoria, direi…
    https://youtu.be/zmMSMnTdWjg

    said on 

  • 3

    Uno di quei libri che ti fanno dubitare di essere un buon lettore. L'ho trovato, in molte parti, inutilmente confuso e frammentario. Anche se assolutamente consapevole. Forse con l'età inizio a predil ...continue

    Uno di quei libri che ti fanno dubitare di essere un buon lettore. L'ho trovato, in molte parti, inutilmente confuso e frammentario. Anche se assolutamente consapevole. Forse con l'età inizio a prediligere un modo di raccontare meno pretenzioso. La prima parte del libro sembra vagare liberamente per fatti suoi, nella seconda si dice: ok devo fare i compiti e raccontare. Boh! Ma forse sono io che non sono all'altezza.

    said on 

  • 5

    La versione di Barney

    Prendi una storia di per sè molto originale e mettici come protagonista il più grosso cazzaro di tutti i tempi: non può che uscirne un romanzo geniale.
    Mordecai Richler dimostra di essere uno scrittor ...continue

    Prendi una storia di per sè molto originale e mettici come protagonista il più grosso cazzaro di tutti i tempi: non può che uscirne un romanzo geniale.
    Mordecai Richler dimostra di essere uno scrittore colto e vivace, capace di trascinare il lettore e non mollarlo più. L'unico problema è che forse il tipo di humor non è per tutti.

    said on 

  • 0

    La sua versione...fantasticamente scritta

    Libro eccezionale, che ti tiene in suspance perchè vuoi conoscerla a fondo la sua versione, vuoi capirlo in fondo che cosa pensa.
    Consigliato.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Intrigante racconto della vita di Barney Panofsky, personaggio che per quanto ne so è stato creato dalla mente di Mordecai Richler. All'inizio mi perdevo un pò con gli sbalzi temporali, e sì, ci ho me ...continue

    Intrigante racconto della vita di Barney Panofsky, personaggio che per quanto ne so è stato creato dalla mente di Mordecai Richler. All'inizio mi perdevo un pò con gli sbalzi temporali, e sì, ci ho messo un pò anche ad entrare nell'ottica del libro, ma ne è valsa la pena, tutto ciò che alle prime pagine mi rendeva ostica la lettura è diventato tutto ciò che mi ha fatto apprezzare il romanzo. Caustico e divertente, sentimentale e triste...

    Senza contare che sono rimasta a bocca aperta a scoprire che Barney è Innocente. Cosa che si scopre leggendo la postafiozione del figlio Michael, che nelle ultime righe del libro capisce come sono andate veramente le cose, cioè che Boogie era andato veramente a farsi un bagno nel lago, ma poi, uno di quegli aerei antincendio, nel tirare su l'acqua dalla cisterna del lago ha tirato su anche Boogie, che è stato scaricato, insieme all'acqua per spegnere l'incendio, nel bosco. Quindi Barney è innocente sul serio, nonostante tutto.

    said on 

  • 4

    Intendiamoci: non sono più i tempi per i bastardi letterari.
    Il personaggio di Barney è il sogno di chiunque abbia provato a "scrivere per distruggere il mondo", punkletteratura efficace e colpi d'acc ...continue

    Intendiamoci: non sono più i tempi per i bastardi letterari.
    Il personaggio di Barney è il sogno di chiunque abbia provato a "scrivere per distruggere il mondo", punkletteratura efficace e colpi d'accetta al buonismo dei benpensanti.
    L'unico problema è che qualcuno l'ha già fatto meglio di te.
    Mordecai Richler, per esempio.

    La versione di Barney è anche un saggio sociologico su una certa generazione e di una determinata epoca. La seconda parte del ventesimo secolo, con la sua cosiddetta decadenza dei valori, osservata da un punto di vista protagonista.
    E proprio questo stesso tono individualista e ipercinico apre lo spazio a momenti di cose già dette e per questo leggermente datate. Ma il libro è scritto benissimo, e l'autore vince il lettore per knock-out.

    said on 

Sorting by
Sorting by