Bartleby lo scrivano

Di

Editore: Full Color Sound

4.1
(2734)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 64 | Formato: CD audio | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Catalano , Danese , Galego

Isbn-10: 8878460206 | Isbn-13: 9788878460201 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Pintus ; Lettore: Serena Dandini

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Altri , Non rilegato , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Bartleby lo scrivano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Fusioni di musica e letteratura, narrazioni parallele offerte da grandi talenti, capaci di restituire non solo il senso e il significato, ma anche l'anima dei racconti più belli. Controverso, inquietante, enigmatico e per questo affascinante. Dopo Moby Dick, Melville crea uno dei personaggi più misteriosi della storia della letteratura: lo scrivano Bartleby. Dietro il suo mite ma irremovibile Preferirei di no c'è un uomo che vuole mantenere inaccessibile agli altri una parte di sé, diventando il simbolo stesso dell'inconciliabilità tra istinti individuali e regole sociali. Nel libro i testi in italiano e in inglese.
Ordina per
  • 4

    La prudenza mi consiglia di trattenere la fretta prima di lanciarmi a nocche sguainate contro la porta di un notorio grande a chiedere ragione della sua grandezza, e di installarmi comodamente in polt ...continua

    La prudenza mi consiglia di trattenere la fretta prima di lanciarmi a nocche sguainate contro la porta di un notorio grande a chiedere ragione della sua grandezza, e di installarmi comodamente in poltrona mandando in avanscoperta lo sguardo curioso ad interrogare tappezzerie e oggetti sul loro proprietario(e che oggetti e che tappezzerie!).
    Bartleby lo scrivano è una splendida anticamera, con un solo piccolo ma irritante difetto: troppo stretta.

    Ora il canto della balena mi chiama. Quando sarà il momento, busserò alla porta con serena sicurezza.

    ha scritto il 

  • 5

    Un piccolo grande classico

    Bella lettura, un racconto breve che narra la storia di un personaggio (Bartleby), che viene assunto da un avvocato di Wall Street come scrivano. Per i primi giorni "quest'uomo dall'aspetto così singo ...continua

    Bella lettura, un racconto breve che narra la storia di un personaggio (Bartleby), che viene assunto da un avvocato di Wall Street come scrivano. Per i primi giorni "quest'uomo dall'aspetto così singolarmente tranquillo" svolgerà con diligente e meticolosa serietà un'incredibile mole di lavoro. Ben presto però si rivelerà un uomo insospettabilmente singolare.
    Di fronte alle legittime richieste di svolgere alcune mansioni da parte dell'avvocato, lo scrivano Bartleby inizierà a rispondere sempre "preferirei di no".
    A tutta una serie di domande che gli verranno poste lui si ostinerà sempre a rispondere allo stesso modo.
    Della vita di Bartleby non sapremo nulla fino alla fine quando il narratore, che è lo stesso avvocato che lo ha assunto, ci dirà qualcosa offrendoci una chiave di lettura per il suo singolare comportamento.
    Quella di Bartleby è un'ostinazione che ricorda quasi quella di un altro noto personaggio nato sempre dalla penna di Melville.
    Sicuramente un libro che offre spunti di riflessione non tanto scontati, come del resto ci ha abituati questo grande autore.

    ha scritto il 

  • 4

    two hawks in the air, two fishes in the sea not more lawless than me

    la lettura di questo frammento di walt whitman è stata illuminante per rivelare il diabolico e splendido labirinto letterario che melville è stato capace di costruire in poche decine di pagine. tutta ...continua

    la lettura di questo frammento di walt whitman è stata illuminante per rivelare il diabolico e splendido labirinto letterario che melville è stato capace di costruire in poche decine di pagine. tutta la nostra vita, da animali sociali, è regolata da leggi scritte e non scritte che ci determinano e influenzano fin dalla nascita. nessuno sembra potersi sottrarre a queste leggi, neppure gli animali.

    presentare un personaggio "deviante" [e sul concetto di devianza ovviamente ci sarebbe molto da dire e molto è stato scritto - "Non bisogna dire che un atto urta la coscienza comune perché è criminale, ma è criminale perché urta la coscienza comune. Non lo biasimiamo perché è un reato, ma è un reato perché lo biasimiamo" emile durkeim.] che rifiuta una parte consistente delle norme del vivere civile e che comunque rimane uomo, nella sua stranezza e infelicità, è secondo me, il segreto del successo di questo testo.

    In questa caparbia devianza ognuno può leggere qualcosa di diverso: atto rivoluzionario di ribellione alle convenzioni borghesi, sconvolgimento personale dell'equilibrio a seguito di un evento drammatico, la follia, la metafora di tutto ciò che non si può dominare e capire e tanto altro ancora...

    altrettanto interessante è la figura dell'avvocato e datore di lavoro: pietoso, dotato di saldi principi morali e pragmatiche certezze, non immune al fascino della buona azione, insomma quello che potrebbe essere chiamato un brav'uomo. il suo smarrimento di fronte al comportamento di bartelby è anche il nostro , quella sensazione di mancanza di controllo quali che siano le nostre azioni, accompagna spesso anche le nostre esistenze. e anche la consapevolezza di essere sottoposto e pesantemente influenzato dalle convenzioni sociali che lo costringono in qualche modo a liberarsi di bartelby, cambiando ufficio, è parte essenziale del racconto.

    chiudo con una bella frase di michel foucault “La psicologia non potrà mai dire la verità sulla follia, perché è la follia che detiene la verità della psicologia.” 

    ha scritto il 

  • 2

    Incompatibilità di fondo?

    Evidentemente io e Mellville non ci capiamo molto bene. Dopo Moby Dick, neanche questo racconto mi ha preso, o mi ha lasciato qualcosa di pregnante. Sarà sicuramente un'incompatibilità dovuta alla mia ...continua

    Evidentemente io e Mellville non ci capiamo molto bene. Dopo Moby Dick, neanche questo racconto mi ha preso, o mi ha lasciato qualcosa di pregnante. Sarà sicuramente un'incompatibilità dovuta alla mia lontananza da quello di cui scrive l'autore, dal periodo o dal fatto che semplicemente i gusti non sono discutibili... magari ci riproverò più avanti.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per